Redazione
No Comments

Wimbledon: Bolelli e Camila salvano la faccia all’ItalTennis

Martedì borderline per il tennis azzurro in quel di Wimbledon, dopo le eliminazioni di Seppi e Volandri, e la faticosissima vittoria di Fognini

Wimbledon: Bolelli e Camila salvano la faccia all’ItalTennis
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Marion Bartoli con in mano il trofeo di Wimbledon 2013

Marion Bartoli con in mano il trofeo di Wimbledon 2013

Martedì borderline per il tennis azzurro in quel di Wimbledon. Dopo le eliminazioni di Seppi e Volandri, e la faticosissima vittoria di un Fognini in versione ‘crazy’, disco rosso anche per il romano Paolo Lorenzi, ‘stritolato’ da sua maestà Roger Federer: 61 63 63 in 1h 33′. Avanza invece il bolognese Simone Bolelli, ripescato come lucky loser, dopo una battaglia di quasi tre ore con il giapponese Ito, n.129, 75 76 36 76.

Tra i big, oltre Federer, debutto vincente anche per Rafa Nadal che cede a sorpresa il primo set a Klizan, prima di rifilare un triplice 6-3. Percorso netto anche per le altre teste di serie: lo svizzero Wawrinka supera Sousa 63 64 63; Raonic si impone su Ebden 62 64 64; Isner si sbarazza di Smethurst (75 63 64).

Le note dolenti per l’Italia arrivano da chi meno te lo aspetti, ovvero dalle nostre tenniste: Karin Knapp alza bandiera bianca contro la ceca Pliskova, rivale decisamente alla sua portata, al termine di battaglia di 2h43′, 67 64 10-8 il punteggio. Delude pure Sarita Errani: nella prosecuzione con la Garcia (n.46) cede 75 il terzo set e saluta prematuramente una superficie che storicamente gli è poco congeniale. Stop anche per la leonessa Schiavone: 76 64 il punteggio a favore della bellissima Ivanovic, n.11 del seeding, e per la tarantina Roberta Vinci (64 46 64 con la 17enne Vekic).

A salvare la faccia del tennis rosa ci pensa la talentuosa Camila Giorgi che si impone in due set sulla romena Cadantu (61 76, 1h30′, con ottimo recupero da 2-5 nel secondo set). Tra le big, Jankovic (7) subito out:63 62 dalla ostica Kanepi.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *