Giuseppe Landi
No Comments

Casa Azzurri | Prandelli: “La partita più importante della mia carriera”

Il Ct e Pirlo hanno parlato nella classica conferenza stampa della vigilia

Casa Azzurri | Prandelli: “La partita più importante della mia carriera”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Mentre Natal continua ad essere sommersa dalla pioggia, gli Azzurri preparano il delicato match di domani contro l’Uruguay. Cesare Prandelli ha già scelto gli 11 da schierare in campo dal 1′, con Buffon in porta, difesa a tre di marchio juventino con Bonucci, Chiellini e Barzagli, i giovani Darmian e De Sciglio sugli esterni, in mezzo al campo Verratti, Pirlo e Marchisio, con Balotelli pronto a fungere da seconda punta alle spalle di Immobile.

CONFERENZA PRANDELLI – Proprio il Ct ha parlato nella classica conferenza stampa pre-partita, accompagnato da Andrea Pirlo. Queste le sue dichiarazioni: “Non posso dire ora la formazione. Già è una partita difficile, diamo la possibilità alle squadre di dedicare tempo a strategie e marcature. Non penso l’Uruguay darà la formazione oggi. Non ho mai detto che Immobile e Balotelli non possono giocare insieme, ma sicuramente bisogna modificare qualcosa. L’importante è la capacità di essere decisivi, non il numero di attaccanti”.

Sulla gara: “E’ una vigilia difficile, perchè giochiamo una gara da dentro o fuori. Quando ci sono stati i sorteggi avremmo firmato tutti per giocarci la qualificazione nell’ultima gara. Questa sarà la partita più importante della mia carriera professionale. Ho detto ai ragazzi di avere massima fiducia nella qualificazione, siamo determinati a vincere”.

Su Cavani-Suarez: “E’ una delle coppie d’attacco più forti del Mondiale, sanno attaccare l’area di rigore come pochi, hanno senso del gol. Dovremo essere bravi a limitarli”.

Sul pareggio: “Per raggiungere un risultato positivo devi avere la mentalità di arrivare alla vittoria, non possiamo scendere in campo per pareggiare. Se dovremo subire, dovremo essere bravi a ripartire subito. Dovremo essere determinati caratterialmente ed agonisticamente. Noi dovremo scendere in campo dimostrando di rappresentare un paese; se prederemo un contrasto, dovrà essere perchè sono stati più bravi loro, non perchè non siamo andati noi a contrastare”.

CONFERENZA PIRLO – Anche il centrocampista azzurro, che potrebbe giocare la sua ultima partita in Nazionale – facendo tutti gli scongiuri del caso -, ha parlato in conferenza: “Le partite di un Mondiale sono tutte importanti e quelle decisive ancora di più. Questa è come una semifinale, una finale, c’è tutta la tensione di una partitissima. Siamo consapevoli che questa qualificazione dipende solo da noi. Siamo carichi al punto giusto, sicuri dei nostri mezzi e convinti di potercela fare. Non abbiamo in testa il pensiero di una sconfitta. E’ chiaro che uscire dal Mondiale sarebbe una grande delusione. Vedrete un’Italia che vuole imporre il suo gioco e vincere. Il clima? I Mondiali qui in Brasile sono due, quello del Nord e quello del Sud. Quello che si gioca di sera, e quello di mezzogiorno. Chiunque giochi all’ora di pranzo, qui in Brasile, ha difficoltà”.

PROBABILI FORMAZIONI:

ITALIA (3-5-2): Buffon; Bonucci, Barzagli, Chiellini; Darmian, Verratti, Pirlo, Marchisio, De Sciglio; Immobile, Balotelli. All. Prandelli

URUGUAY (3-5-2): Muslera; Caceres, Gimenez, Godin; Rodriguez, Gonzalez, Lodeiro, Rios, Pereira; Cavani, Suarez. All. Tabarez

Giuseppe Landi (@PepLandi)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *