Vincenzo Galdieri
No Comments

Pagelle Italia-Costa Rica 0-1: Pirlo predicatore, per Cassano il pranzo è indigesto

Il 21 azzurro è praticamente l'unico a salvarsi. Cassano a bassa intensità: il caldo gli annebbia le idee. Male anche Insigne, Chiellini e Candreva

Pagelle Italia-Costa Rica 0-1: Pirlo predicatore, per Cassano il pranzo è indigesto
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Andrea Pirlo parla in conferenza stampa da Casa Azzurri Mondiali, Italia

Andrea Pirlo in una conferenza stampa di Casa Italia: ieri il genio predicava nel deserto

L’Italia subisce una clamorosa sconfitta con la Costa Rica e complica incredibilmente il proprio cammino ai Mondiali. Ecco le pagelle del match:

ITALIA 

BUFFON 6 – Nessuna colpa sul gol, reattivo per il resto. Sufficiente, e nell’Italia di ieri è un’impresa.

DARMIAN 6 – Premiamo anche lui per l’applicazione, e per il fatto che è l’unico a creare un serio pericolo nel secondo tempo. Dirottato sull’altra fascia, non ripete la splendida prestazione di Manaus. Ma rimane comunque una delle note più continue e positive di quest’Italia.

CHIELLINI 5 – Torna al centro, ma stecca. Si perde Ruiz in occasione del gol, e poi sembra stranamente lento in fase di ripiegamento. Chiello, che succede?

BARZAGLI 6 – Non al top della forma, rimedia con intelligenza ed esperienza. Del pacchetto centrale è in assoluto l’unica sicurezza.

ABATE 5 – Non spinge, difende male. Non migliora il suo trend in Nazionale: altra gara da dimenticare.

MOTTA 4,5 – Non è comprensibile il motivo per cui Prandelli lo preferisca all’ottimo Verratti di Manaus. Motta è immobile, e non è nemmeno impeccabile nella consueta rete di passaggini, solitamente sua caratteristica preponderante. E’ un pupillo del ct, ma adesso rischia grosso di uscire definitivamente dal giro dei titolari. Dal 46′ CASSANO 5 – Non può giocare all’ora di pranzo. La tecnica non si discute, ma fisicamente sappiamo tutti che Cassano è in fase discendente. Non regge i ritmi del match, soprattutto perchè l’alta temperatura lo distrugge ed anche quando riesce a saltare un uomo non sfodera l’invenzione giusta per le punte, annebbiato da caldo e clima. Prandelli lo sapeva: perchè l’ha fatto entrare?

PIRLO 6,5 (IL MIGLIORE) – Predicatore nel deserto. L’unico scintillante nel primo tempo, l’unico a prendersi responsabilità nel secondo. Da un suo assist mirabolante arriva la vera grande occasione della partita. ma Balotelli spreca. Su una sua punizione è perfetto Navas. Poi prova a suonare la carica, ma i compagni sembrano in preda a non si sa cosa. Nessuno vuole il pallone in quest’Italia irriconoscibile: ed allora lo danno sempre a lui, in qualsiasi posizione, anche quando è marcato da tre uomini. Non sbaglia nulla, ma serve a poco se il resto della squadra fa l’esatto contrario.

DE ROSSI 5 – Da uno come lui ci si aspettava di più. Soprattutto a livello di personalità. E’ un altro di quelli che non prova mai a fare niente più del compitino. Se ha palla in mezzo, piuttosto che cercare gli attaccanti cerca Pirlo, anche se questo è indietro di 10 metri. Come se improvvisamente si fosse dimenticato che sa fare anche il regista, Daniele si limita ad un ruolo di comprimario e lo fa in maniera insufficiente. Delusione.

CANDREVA 5 – Sbaglia l’impossibile, non sfonda mai sulla fascia e viene giustamente sostituito. Dal 61′ INSIGNE 5 – E’ giovane, è rapido, ci si aspettava molto di più in una gara come questa. Invece non salta mai l’uomo e sbaglia l’impossibile.

MARCHISIO 6 – Tiene botta, è uno dei più positivi ed anche uno dei pochi che sembra reggere fisicamente in una squadra quasi cadaverica nel secondo tempo. Ma viene inspiegabilmente sostituito, proprio lui. Dal 67′ CERCI 5 – Con degli esterni non proprio irresistibili come quelli di Costa Rica ci aspettavamo fuoco e fiamme. Invece fa soltanto confusione.

BALOTELLI 5,5 – Nel primo tempo è il Balotelli inglese: corre, lotta, sfiora il gol due volte e sembra completamente in palla. Nella ripresa scompare, ma nel complesso, in realtà, è uno dei meno peggio.

All. PRANDELLI 4 – Stavolta sbaglia tutto. A partire dal modulo, perchè il 4-1-4-1 è perfetto per i big match e per le ripartenze, non per una gara contro una squadra molto inferiore a te tecnicamente. Doveva comandare il gioco, doveva osare. Magari con Immobile subito con Balotelli. O magari nella ripresa. Perchè continua a sbagliare inserendo Cassano, che in una gara in cui il fisico conta più della tecnica non c’entra davvero nulla. E perchè dovevamo allargare il gioco, non accentrarlo ulteriormente. Prova a rimediare inserendo Cerci ed Insigne, ma sembra in stato confusionale perchè toglie anche Marchisio, tra i pochissimi a correre. Nulla è perduto, ma questa sconfitta è imbarazzante. Riprenda in mano l’Italia e ci porti oltre l’ostacolo girone. Poi si vedrà: inutili gli entusiasmi eccessivi prima, inutili i disfattismi oggi. L’Italia può arrivare ovunque, anche in fondo. Ma può uscire anche subito. La nostra Nazionale è questa: prendere o lasciare.

COSTA RICA 

K.NAVAS 7 – Para su Balotelli e Pirlo, dà sicurezza a tutta la difesa. Portiere interessantissimo.

GAMBOA 7 – Gamboa ha gamba e fa vedere i sorci verdi ai dirimpettai. Difende pure bene.

GONZALEZ-DUARTE 6,5 – La coppia centrale se la cava bene e neutralizza le avanzate avversarie con tranquillità, complice anche la quasi totale abulia dei contendenti.

UMANA 6 – Pulito e diligente, se la cava bene.

DIAZ-TEJEDA-CUBERO 6,5 – Filtro, sostanza e ripartenze, giocano di prima e fanno spettacolo contro alieni quali Pirlo e De Rossi.

BORGES 7 – Talento e sagacia tattica, impressiona per continuità di rendimento e facilità di palleggio. Bravissimo.

RUIZ 7,5 (IL MIGLIORE) – Il più famoso dei costaricensi traina i suoi e segna il gol della vittoria. Meglio di cosi…

BOLANOS 7,5 – Fa ballare tutti: difensori, centrocampisti e pubblico di Costa Rica. Uno spettacolo.

CAMPBELL 6 – Guardato a vista da entrambi i nostri centrali, viene neutralizzato. Peccato che gli altri nel frattempo facciano quello che vogliono.

All. PINTO 7,5  – Costa Rica è agli ottavi nel girone più difficile del Mondiale. Con un turno d’anticipo. Contro l’Uruguay vince a suon di calcio champagne, ieri si è limitato a difendersi e ripartire ordinamente. Tanto è bastato per distruggere – soprattutto sul piano psicologico – l’Italia pluricampione del mondo. Il caldo è stato amico dei suoi, ma l’85% del merito va a lui ed ai giocatori: una qualificazione splendida ed una favola che potrebbe adesso assumere contorni impensabili. Perchè se batti Uruguay ed Italia in fila, non è manco una follia che ti venga in mente di vincere il Mondiale.

Vincenzo Galdieri

Twitter: @Vince_Galdieri 

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *