Antonio Fioretto
No Comments

Un’ Inghilterra senza corona: why always us?

Gli inventori del calcio che non sanno giocarci: l'analisi dell'ennesima debacle dell'Inghilterra, eterna incompiuta del calcio mondiale

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Chissà cosa ne penserebbe Giacomo Stuart, che nel 1670 portò in Europa il giocò con la palla; chissà che opinione avrebbero i rappresentanti dei primi undici club londinesi, che diedero vita alla Football Association. Chissà cosa proverebbero gli “inventori del calcio”, oggi lo sport più amato del mondo. Erano giovani e sognatori. Ma soprattutto, erano inglesi. Ed ebbero quest’idea tanto stupida quanto geniale: riunire 22 uomini e farli correre dietro a un pallone, con l’intento di prenderlo a calci. A dirla così somiglia più a un passatempo da scimmie. E invece…

UN SALTO NELLA STORIA Il gioco del calcio ha origini antichissime, risalenti addirittura al Medioevo e al calcio fiorentino. Ma, ufficiosamente ed ufficialmente, furono gli inglesi a dargli forma, il 26 Ottobre del 1863. A più di un secolo di distanza, gli inventori di questo movimento sportivo, sociale e culturale vivono una profonda crisi. Il campionato inglese è tra i più importanti e ricchi del mondo. Ma la Nazionale, la squadra più importante di tutte, nuota in acque torbide. Fresca fresca, infatti, è la matematica (o quasi) eliminazione dai Mondiali Brasile 2014. Tutti sul patibolo: dal tecnico Hodgson ai giocatori stessi. Ma la verità è un’altra, ed è amarissima: l’Inghilterra non ha fatto altro che rispettare la propria storia.

Vedere per credere. Ecco il palmarès dell’Inghilterra nelle partecipazioni a Mondiali di Calcio:

Palmarès Inghilterra Mondiali

Palmarès Inghilterra Mondiali

A parte la vittoria nel 1966, Mondiale giocato in casa e vittoria molto fortunosa e criticata (gol viziato da fallo di mano convalidato a Weber e espulsione dubbia per un tedesco), la storia british ai Mondiali è molto deludente: mai un’ altra Finale ma solo qualche piazzamento come terzo o quarto posto. L’analisi, dunque, è semplice: Hodgson non ha fatto niente di nuovo.

L’ANALISI Possibile che gli inventori del calcio moderno non sappiano giocarci? Beh, non è proprio così. Tanti allievi (tante nazionali in giro per il mondo) hanno superato i maestri britannici. Diverso, profondamente, il discorso per le squadre di club: grande storia, grande tradizione, soprattutto grandi investitori con enormi capitali esteri. Manchester United, Arsenal e Liverpool sono tre tra le squadre più blasonate e vincenti di sempre. Senza dimenticare le recenti Chelsea e Manchester City. I tanti “stranieri”, quindi, rendono l’Inghilterra una realtà strana: grande tra i club e provinciale tra le Federazioni.

I Mondiali di calcio sono il massimo per chiunque giochi al calcio. Ma sono una competizione unica, atipica, che esula da tutto. E la storia, la tradizione contano tantissimo. Il peso specifico della maglia finisce per schiacciare avversari non all’altezza, seppur bravissimi dal punto di vista tecnico. Quindi, non è facile sovvertire quest’andazzo. Nemmeno tecnici come Capello, Eriksson, Keegan ed Hodle ci sono riusciti. La delusione, di conseguenza, è tanta. E i tifosi iniziano a parafrasare il motto di un nostro giocatore, molto criticato nel Paese della pioggia e dei bus: Mario Balotelli e il suo “Why always me ?“. Le maglie sono pronte. E su un bel “Why always us ?

Antonio Fioretto (@FiorettAntonio)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *