Alex Rivolta
No Comments

Finali Serie A BEKO: Haynes-show e Siena riapre la serie

Un super MarQuez Haynes trascina la Mens Sana Siena alla vittoria in gara 3 delle finali scudetto contro l'Olimpia Milano

Finali Serie A BEKO: Haynes-show e Siena riapre la serie
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Siena torna grande e in gara 3 sconfigge l’Olimpia Milano dominando per larghi tratti della partita e imponendo l’85-68 finale. In un PalaEstra gremito gli uomini di Marco Crespi tornano la squadra letale della semifinale contro l’Acea Roma e riaporono il discorso scudetto portando la serie sul 1-2 in attesa di gara 4 che andrà in scena domani sera sempre al palazzetto toscano

MENS SANA SIENA – EA7 OLIMPIA MILANO 85-68 (1-2 nella serie)

PRIMO TEMPO – Mattatori assoluti del match sono stati MarQuez Haynes ed Othello Hunter che hanno fatto il bello e il cattivo tempo con la difesa delle scarpette rosse. La Mens Sana è partita fortissimo e dopo i primi botta e risposta, i senesi hanno imposto un parziale di 15 a 2 che gli ha fatto chiudere il primo quarto sul 19-13. Dopo la prima sirena in campo ci sono solo i toscani che grazie alle penetrazioni di Janning – ottima gara con 13 punti 4 rimbalzi e 3 assist – e ai canestri dei soliti Haynes e Hunter fanno il vuoto. E’ proprio l’ex milanese che, dopo le prime due gare al forum assolutamente disastrose, si prende la rivincita rendendosi autore di una gara straordinaria da 23 punti 5 rimbalzi e 3 assist ma soprattutto lasciando una sensazione di dominio del campo che non si vedeva dalle semifinali contro Roma. Milano non gira nel primo tempo e chiude addirittura sotto di 19 punti segnando solo 27 punti nei due quarti.

Hackett ancora in cerca della forma migliore

Hackett ancora in cerca della forma migliore

SECONDO TEMPO – Dopo la pausa lunga però rientra in campo un’Olimpia diversa e grazie all’ottima serata offensiva di Daniel Hackett (14 punti) e ai canestri di Samuels (12 punti) e Jerrells, nel terzo quarto si riporta a contatto fino addirittura a raggiungere un insperato -4 (62-58). Ma Haynes ha deciso che si tratta della sua serata e perciò il play senese torna a colpire con una serie di canestri che ricaccia indietro gli uomini di coach Luca Banchi riportando un vantaggio superiore alla doppia cifra durante il quarto periodo.La gara si chiude definitivamente quando Alessandro Gentile – decisamente in difficoltà oggi e per la prima volta in questi playoff – si macchia di un fallo antisportivo che spezza le gambe a Milano che, ormai alle corde, subisce gli ultimi canestri di Haynes e Hunter che chiude come top scorer di gara con i suoi 25 punti e 10 rimbalzi in 29 minuti giocati sul parquet di casa.

PAGELLE MENS SANA SIENA

HAYNES 8: era stato l’ombra di se stesso nelle due gare al forum, stavolta non sbaglia niente

HUNTER 7,5: continua la sua grande serie finale, a Milano era stato l’unico a salvarsi sotto il bombardamento dell’Olimpia, in gara 3 domina su entrambi i lati del campo

JANNING 7: riesce a pungere con continuità cosa che a Milano non gli era riuscita, fa malissimo in penetrazione

CARTER 6,5: un altro che sentendo l’aria di casa si trasforma e torna sui suoi livelli, partita solida

NELSON 6: solo 7 punti ma anche sette rimbalzi che pesano non poco sul match

PAGELLE EA7 OLIMPIA MILANO

HACKETT 6: nella ripresa guida i suoi alla momentanea rimonta, offensivamente si prende dei rischi che dimostrano che sta ritrovando la forma migliore

JERRELLS 6: terza gara consecutiva da playmaker titolare, nel primo tempo si vede poco. Nel terzo periodo mette alcuni canestri pesanti che rimettono in gara l’EA7

SAMUELS 6: una media tra il brutto primo tempo e il buon secondo tempo che lo vede tra i più attivi a livello realizzativo

GENTILE 4,5: cinque punti in 19 minuti e un fallo antisportivo mostrano la serata No del capitano milanese  che ora deve subito riscattarsi per non rovinare i suoi grandi playoff

LANGFORD 5: 12 punti in 26 minuti ma pesano poco sul complesso della gara, per lui anche due palle perse sanguinose. Da un campione del genere ci si aspetta altro

SPORTCAFE24 MVP – MARQUEZ HAYNES – Nonostante Hunter abbia fatto un’altra grande partita, il dominatore di gara 3 è lui senza ombra di dubbio. Preciso e letale come non gli riusciva da tempo, si prende la rivincità contro la sua ex squadra contro la quale aveva sempre perso nei precedenti tra regular season e playoff. Ora lo aspetta gara 4 come prova del nove, senza di lui la Mens Sana ha poche chance di ribaltare la serie ma se sarà quello di questa gara 3 tutto è possibile.

Alex Rivolta

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *