Simone Viscardi
No Comments

Pagelle Argentina-Bosnia 2-1: lampo di Messi, Maracanà in delirio

La Pulce riscatta una partita fin lì pessima con la gemma che regala la vittoria ai suoi. In avvio autogol di Kolasinac, inutile nel finale la rete di Ibisevic

Pagelle Argentina-Bosnia 2-1: lampo di Messi, Maracanà in delirio
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L’Argentina è appesa a Leo Messi. Al Maracanà è tutto apparecchiato per il successo dell’Albiceleste, ma dopo l’autorete di Kolasinac i sudamericani faticano ad esprimere il loro miglior gioco. Nel secondo tempo si accente la Pulce, che dopo aver vagato per oltre un’ora in giro per il campo senza incidere, inventa il bellissimo gol che chiude i giochi. Ibisevic prova a riaprirla nel finale, ma è troppo tardi.

ARGENTINA

ROMERO voto 5,5 – Incredibile come un portiere da 3 presenze in stagione possa essere titolare in una squadra come l’Argentina. Buon senso della posizione, ma sul tiro di Ibisevic tutti i suoi limiti vengono a galla – SCOORDINATO

ZABALETA voto 6 – Partita di grande acume tattico. Non c’è gran bisogno di spingere, specie nella ripresa, quindi si limita a presidiare la corsia con competenza – COMPITINO

CAMPAGNARO voto 5 – Sabella sperimenta a sorpresa la difesa a 3, ma il centrale interista non dimostra di essere abituato a questo modulo. La sua partita finisce già all’intervallo – DISPERSO (dal 45′ GAGO voto 6,5 – Mette ordine al centrocampo impostando il gioco e recuperando palloni in quantità – PREZIOSO)

FERNANDEZ voto 6 – Si fa infilare nell’azione bosniaca che riapre la partita, ma fino a quel momento regge la difesa con fisico e tempismo negli interventi – STATUARIO

GARAY voto 6,5 – Il regolamento del calcio sembra che sia stato modificato: per legge, i palloni alti sono tutti suoi. Di gran lunga tra i migliori dell’Argentina – CONTRAEREI

ROJO voto 5,5 – Attenta alle coronarie di Sabella (e dei tifosi) con una evitabilissima rabona nella propria area. Spinge con continuità ma senza sembrare devastante – AVVENTATO

MAXI RODRIGUEZ voto 5 – Lento e compassato, fuori dal ritmo che vorrebbero assumere i suoi. Non a caso le cose cambiano e di molto dopo la sua uscita – SFASATO (dal 45′ HIGUAIN voto 6,5 – Tantissimo lavoro sporco e la sponda che accende Leo Messi – INTELLIGENTE)

MASCHERANO voto 6 – In nazionale ricopre un ruolo che in blaugrana non è più suo da anni, ma lo svolge senza troppi patemi cercando addirittura lanci da regista consumato – MURO

DI MARIA voto 6,5 – La sua vivacità può essere la chiave per accendere un’Argentina svagata. Scatta, lancia e inventa giocate d’alta scuola. Nel finale qualche pallone perso di troppo gli fa perdere mezzo voto – ELETTRICO

MESSI voto 6,5 – 65 minuti irritanti per la Pulce, che tocca mille palloni ma ne sbaglia altrettanti. Poi, mentre stanno arrivando i primi fischi, ecco il gioiello che apre definitivamente il Mondiale Albiceleste: serpentina nello stretto e tocco da biliardo all’angolino – LAMPO

AGUERO voto 5,5 – Lo Stop con il quale controlla un lancio lunghissimo negli ultimi minuti di gioco è da far vedere in ogni scuola calcio, ma per il resto offre pochissimo. Manda alle stelle un bell’assist di Messi – ISOLATO (dall’88’BIGLIA S.V.)

All. SABELLA voto 6 – Ha il merito di saper riconoscere i propri errori e di porvi rimedio in modo efficace. Il problema è che certi esperimenti andrebbero fatti in amichevole, non al debutto Mondiale – RISCHIOSO

BOSNIA

BEGOVIC voto 6 – Dopo 2 minuti sarebbe facile deconcentrarsi se un tuo compagno ti manda in rete il pallone dello svantaggio. Lui rimane sempre sul pezzo, ma sul tiro di Messi servirebbero le ali – FREDDO

MUJDZA voto 6,5 – Contiene con ottimi risultati Di Maria, il quale non a caso inizia a strafare dopo la sua uscita. Sulla destra è un pericolo costante, ottimo esordio – PENDOLINO (dal 69′ IBISEVIC voto 6 – Toglie di dosso qualche attenzione a Dzeko e riesce a riaprire il match con un gran movimento – PROVVIDENZA)

BICAKCIC voto 5 – Non un fine palleggiatore, viene tramutato in birillo nello slalom speciale della Pulce – SALTATO

SPAHIC voto 6 – Solita dose di chiusure tempestive e randellate propedeutiche. Giallo d’ordinanza portato a casa, lui il suo l’ha fatto di sicuro – MARTELLO

KOLASINAC voto 6 – Inizio Shock, probabilmente distratto dai 75mila del Maracanà non si accorge del pallone che gli carambola addosso e poi in porta. Cresce col passare dei minuti, dando sostanza sulla sua corsia – AMMALIATO

PJANIC voto 6,5 – La sua storia d’amore col pallone inizia al primo minuto e non finisce più. Insieme in ogni azione, l’uno nei piedi dell’altro – MONOPOLISTA

BESIC voto 5,5 – Di fianco a Pjanic in molti sfigurerebbero, ma lui ci mette decisamente del suo. Troppo basso per paura di Messi, e su questo non ha tutti i torti – IMPAURITO

HAJROVIC voto 5 – Il sinistro c’è e la tecnica pure, ma la consistenza è tutta un’altra cosa – FUMOSO
(dal 71′VISCA S.V.)

MISIMOVIC voto 6 – Gioca quasi da fermo, ma con una padronanza tale da renderlo comunque pericoloso. Nei momenti difficili i bosniaci si affidano a lui – TOTEM (dal 74′MEDUNJANIN voto 5,5 – Prova a dare la scossa ma sbaglia troppo – PASTICCIONE)

LULIC voto 6 – Spina costante nel fianco dell’Argentina, anche se non con la precisione che ci si aspetta da lui. Chiude in bellezza con l’assist per Ibisevic – CONTINUO

DZEKO voto 6 – Nonostante sia uno dei bosniaci più celebrati, non si tira indietro davanti al sacrificio che spetta all’unica punta. Lotta e si sbatte, ma Romero rimane sempre lontanissimo – DECENTRATO

All.SUSIC voto 6 – La sua squadra non sbanda nemmeno di fronte al peggior avvio possibile. Mette in difficoltà una delle pretendenti al titolo, gli ottavi non sono una chimera – SFACCIATO

Simone Viscardi (@simojack89)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *