Simone Viscardi
No Comments

Pagelle Cile-Australia 3-1: Sanchez leader, Bresciano e Cahill immortali

Partenza forte del Cile, che in un quarto d'ora si trova sul 2-0. Cahill riapre il match sul finire di primo tempo, ma i sudamericani chiudono nel finale

Pagelle Cile-Australia 3-1: Sanchez leader, Bresciano e Cahill immortali
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Finisce come da pronostico la seconda sfida del Gruppo B tra Cile e Australia. Vincono i sudamericani, anche se la difesa desta più di una preoccupazione. Socceroos aggrappati all’esperienza dei grandi vecchi, ma seri candidati al titolo di peggior squadra del Mondiale.

CILE

BRAVO voto 6 – Si oppone con buona presenza sugli sparuti tentativi degli oceanici. Nega il gol in due tempi a Bresciano. Forse poteva fare di più sulla zuccata di Cahill, ma in generale tiene fede al suo nome – NOMEN OMEN

ISLA voto 5 – Conferma le brutte cose fatte vedere in maglia juventina. L’esterno incantevole ammirato a Udine si è perso, un po’ come tutti i palloni crossati da questa pallida copia – TAROCCO

MEDEL voto 5,5 – Subisce più del previsto le abilità di elevazione di Cahill. Partita di sacrificio e sofferenza, tampona dove può – SCHIACCIATO

JARA voto 6 – Prova ad opporsi con più convinzione ai tentativi dei socceroos, anche se a livello fisico finisce con l’essere sovrastata col passare dei minuti – CORAGGIOSO

MENA voto 5 – Fantasma vagante per il campo. Le sue sortite offensive si riducono al minimo, e quando c’è da coprire gli esterni australiani scorrazzano per la sua zona di campo che è un piacere – USCIERE

ARANGUIZ voto 6,5 – Lavoro sporco davanti alla difesa, ma fondamentale. Mette ordine alla mediana mostrando polmoni invidiabili – TUTTOFARE

DIAZ voto 7 – Dimostra un senso della posizione fuori dal comune. Detta i tempi di gioco con l’esperienza di un Pizarro, e in caso di bisogno infoltisce il reparto difensivo – REGISTA

VIDAL voto 5 – La sua partita ha tutta l’aria di essere un rodaggio in vista di impegni più seri. Corre per un’ora in campo alla ricerca della forma migliore, ma non incide minimamente – TAGLIANDO (dal 60‘GUTIERREZ voto 6 – Più sostanza del bianconero, copre e attacca col coltello fra i denti – OPERAIO)

VALDIVIA voto 6,5 – Tantissima qualità sulla trequarti, dove (specie nella prima frazione) sforna palloni interessanti per tutti. Tra un assist e l’altro trova anche il tempo di timbrare il tabellino – GEOMETRA (dal 68′ BEAUSEJOUR voto 6,5 – Semplicemente entra per chiudere la partita e la chiude. Missione compiuta – RISOLUTORE)

VARGAS voto 5 – Sampaoli deve aver convocato il Vargas del Napoli, e non il suo gemello spumeggiante di Valencia. Si muove molto, ma perde inesorabilmente lucidità a tu per tu col portiere – SCARICO (dall’87’ PINILLA S.V.)

SANCHEZ voto 8 – Il Nino Maravilla è l’anima di questa squadra. Con un Vidal appannato si carica i suoi sulle spalle, e da leader consumato li guida ad una vittoria preziosa. L’unico blaugrana a brillare nella seconda notte Mondiale – JEFE

All.SAMPAOLI voto 6,5 – Per quelli come lui la miglior difesa è l’attacco. Le accelerazioni ficcanti sopperiscono ad una retroguardia onestamente così così. Con la Spagna sarà probabile spareggio qualificazione, e le armi per far male ci sono tutte – AMBIZIOSO

AUSTRALIA

RYAN voto 6 – Inizia con timidezza, ma cresce col passare dei minuti. Esente da grosse colpe sui gol – BOMBARDATO

FRANJIC voto 6 – Partita tranquilla in fase difensiva, dove il proprio rivale diretto rimane sempre molto basso. Sforna l’assist per il gol di Cahill, prima di uscire per infortunio – ROTTO (dal 49‘MC GOWAN voto 6 – Continua il lavoro del compagno senza sbavature – SUPPLENTE)

WILKINSON voto 5 – Primo tempo da incubo per lui, annichilito in ogni frangente dagli attacchi sudamericani. La sicura ramanzina subita nell’intervallo lo scuote, e riesce così a salvare un gol fatto – CAZZIATO

SPIRANOVIC voto 5 – Come per il compagno di reparto, la sua zona di campo ha all’ingresso un tappetino con scritto “Welcome”. Sanchez e Valdivia ringraziano – IMPRESENTABILE

DAVIDSON voto 5,5 – Soffre le discese degli esterni cileni senza mai riuscire a porvi un adeguato rimedio – AFFONDATO

MILLIGAN voto 5,5 – Corsa ce n’è, e spirito di sacrificio anche. Mancano totalmente i piedi, e nel calcio è un dettaglio che fa la differenza – MEZZOFONDISTA

JEDINAK voto 4,5 – Riesce a dare più calci agli avversari che al pallone, tra l’altro anche con una qualità nettamente superiore – FABBRO

BRESCIANO voto 6,5 – Uno dei pochi australiani ad avere idea di cosa fare con un pallone sferico tra i piedi. Non a caso, nonostante sia uscito da parecchio dai radar del grande calcio, è ancora imprescindibile – HIGHLANDER (dal 79′ TROISI S.V.)

LECKIE voto 6 – Quando punta Mena fa venire i brividi a tutto il Cile. Va sul fondo con continuità, e se l’Australia conserva qualche speranza lo deve sorpattutto a lui – BRIOSO

CAHILL voto 7 – In carriera gli manca solo di indossare i guanti e mettersi in porta. Anche da “Falso Nove” riesce a incidere con la consueta grinta, decollando nel cielo brasiliano per riaprire la partita – IRRIDUCIBILE

OAR voto 5 – Anonimo sulla corsia mancina. Non sfonda mai e menchemeno crossa con pericolosità – MALE MALE (dal 68′HALLORAN voto 5 – Non cambia il ritmo rispetto a Oar – PIATTO)

All. POSTECOGLOU voto 6 – Il materiale che ha tra le mani onestamente è quello che è. Prova a modellarlo chiedendo una grossa mano ai grandi vecchi, ma nelle prossime sfide non prenderle sarà un miracolo – ARTIGIANO

Simone Viscardi (@simojack89)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *