Matteo De Angelis
1 Comment

Calcio a 5: la Luparense è campione d’Italia!

I Lupi si impongono 5-3 sull'Acqua e Sapone: quinto tricolore della loro storia!

Calcio a 5: la Luparense è campione d’Italia!
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
La Luparense in festa: è scudetto!

La Luparense in festa: è scudetto!

La Luparense è campione d’Italia! I patavini superano 5-3 l’Acqua e Sapone nella “bella” di gara-5 e si aggiudicano il quinto tricolore della loro storia. I Lupi raggiungono così la Roma RCB in cima alla classifica delle squadre più titolate d’Italia.

LA GARA – Tutto esaurito al “Pala Roma” di Montesilvano per la finalissima di calcio a 5. La gara è di quelle fondamentali: si assegna il 31° scudetto della storia del calcio a 5. I padroni di casa dell’Acqua e Sapone si erano imposti 6-2 in gara-1, salvo poi perdere le due sfide successive con la Luparense al “PalaBruel” (1-0 in gara-2, 4-3 in gara-3). Poi, due giorni fa, la nuova vittoria dell’Acqua e Sapone: 6-4, dopo i calci di rigore.

Al fischio d’inizio solo la Luparense in campo: tacco volante di Canal, Mammarella in tuffo compie il primo miracolo di giornata. Poco dopo ci prova Honorio, l’estremo difensore dell’Acqua e Sapone chiude ancora la saracinesca. Al 3’14” però la Luparense passa: schema da calcio d’angolo, diagonale mancino di Canal e 0-1. La rete scuote i padroni di casa: Murilo Ferreira prova con il destro, la palla esce di poco alla sinistra di Putano. Ci prova poi Leitao, il portoghese tira a lato. Sono le uniche due azioni dell’Acqua e Sapone, assolutamente deludente nella prima frazione. Merito della Luparense: pressing asfissiante e baricentro altissimo, la tattica di mister Colini si rivela vincente. A 21 secondi dal termine i Lupi trovano il raddoppio: Honorio sbeffeggia Chaguinha con un numero d’alta scuola, l’italo-brasiliano serve sul secondo palo Waltinho che non sbaglia. Sulla sirena è 0-2 Luparense.

La ripresa inizia col botto: passano 4 minuti e Waltinho realizza la sua doppietta personale. 0-3 Luparense, gara in ghiaccio. Mister Bellarte si gioca allora la carta del portiere di movimento. E la mossa si rivela azzeccata: passa un solo minuti e Cuzzolino accorcia le distanze. Il “Pala Roma” torna a crederci, l’Acqua e Sapone continua con Coco Schmitt quinto di movimento. Ed è ancora Cuzzolino (dieci gol per lui nelle final eight, capocannoniere per distacco) a riaprire incredibilmente l’incontro all’8′. 2-3. Colini chiama il time out per scuotere i suoi. La pausa non dà però i frutti sperati. L’Acqua e Sapone con il portiere di movimento è una furia, su tiro di Leitao arriva la deviazione decisiva di Taborda. Autorete, 3-3. Il “Pala Roma” è un tripudio. Il clima si infiamma: se nel primo tempo lo scudetto sembrava ormai in mano alla Luparense, le carte in tavola sono improvvisamente cambiate. E spinto dal proprio pubblico l’Acqua e Sapone prova a completare una rimonta che avrebbe dell’incredibile. A quattro minuti dalla fine però un lampo di Canal gela gli abruzzesi: 3-4, Luparense di nuovo avanti. L’Acqua e Sapone prova allora per l’ennesima volta con il portiere di movimento, ma stavolta la scelta si rivela un boomerang: ancora Canal ruba palla a metà campo e deposita a porta vuota. 3-5 Luparense, tripletta per Canal. A 2′ dal termine Coco Schmitt – già ammonito – viene espulso per aver toccato la palla con la mano. In superiorità numerica la Luparense deve solo amministrare. Poi è via alla festa.

Per i patavini arriva così il quinto tricolore della loro storia, dopo quelli del 2007-2008-2009 e 2012. Riscattata la sconfitta in finale dello scorso anno contro la Marca Futsal. L’Acqua e Sapone rimanda invece ancora una volta l’appuntamento con il primo scudetto.

Matteo De Angelis

Share Button

One Response to Calcio a 5: la Luparense è campione d’Italia!

  1. Gianni 12 giugno 2014 at 8:36

    Come mai la rai non ha trasmesso la partita.?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *