Dario Di Ponzio
No Comments

Pro Vercelli e Frosinone tornano in Serie B

Finisce l'inferno della Lega Pro per Frosinone e Pro Vercelli, dopo due gare piene di colpi di scena

Pro Vercelli e Frosinone tornano in Serie B
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Erano le grandi favorite nei playoff di Lega Pro dopo le due gare di andata e, alla fine, Frosinone e Pro Vercelli hanno mantenuto le aspettative riuscendo a conquistare la tanto agognata Serie B.

Ettore Marchi

Ettore Marchi, protagonista nella rincorsa alla Serie B

“LEONI” IN PARADISO – E’ durato appena un anno l’inferno della Lega Pro per i “leoni” della Pro Vercelli, che dopo una retrocessione sofferta nel precedente campionato di B sono riusciti a trovare l’amalgama perfetta per una pronta e immediata risalita nel campionato cadetto. Ma il Südtirol ha dato battaglia fino all’ultimo. La Pro inizia schiacciata per tutti e 45 i primi minuti da un Südtirol molto più in palla e che sblocca la partita grazie a Corazza, abile a sfruttare un piazzato di Perderzoli al 16° minuto. E’ Gianni Fabiano, trequartista e attaccante della Pro a inventare di tacco a inizio ripresa il goal dell’1-1 che fa “esplodere” i 5 mila del Piola e a far infuriare Rastelli, allenatore di un fino a quel momento ineccepibile Südtirol. Minuti finali di apnea con goal a gioco fermo annullato a Tagliani prima del delirio finale che avvolge il Piola.

GIOIA FROSINONE – Succede di tutto in Ciociaria. La partita rappresenta 120 minuti di continui colpi di scena dopo l’1-1 al Via Del Mare, con il Lecce, strafavorito per la B alla vigilia del campionato di Lega Pro che si ritrova dapprima in vantaggio con Beretta, ex prospetto delle giovanili del Milan, dopodichè dal 37° del primo tempo finisce in un incubo senza fine. Dapprima l’infortunio di Miccoli lancia le prime avvisaglie, dopodichè ci pensa il Frosinone a rovinare definitivamente la festa giallorossa con il goal nei tempi regolamentari di Paganini e i successivi due ai supplementari di Frara e Alessio Viola. Da li in poi finisce la partita e comincia la cronaca di scontri, inseguimenti e in generale di un clima di tensione che permane nell’aria anche negli spogliatoi, con giocatori del Lecce “scortati” dai giocatori del Frosinone. Come per la Vercelli anche il Frosinone chiude imbattuto al “Matusa”.

Dario Di Ponzio

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *