Redazione

Nfl, New Orleans Saints puniti per condotta antisportiva

Nfl, New Orleans Saints puniti per condotta antisportiva
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Giocatori della difesa pagati per far male agli avversari, un anno di sospensione per il coach

NEW ORLEANS, 22 marzo – Bonus e premi ai giocatori che colpivano duro gli avversari costringendoli a lasciare la gara o ridimensionandone le prestazioni. Questa la pesante accusa di antisportività per la quale i New Orleans Saints sono stati condannati dalla NFL, la lega americana di Football. A pagare l’head coach Sean Payton (nella foto), con un anno di squalifica, gli assistenti Joe Vitt (6 gare di squalifica) e Gregg Williams (sospeso a tempo indeterminato). Punito con otto turni di stop il general manager Mickey Loomis. La squadra perde anche le proprie due scelte al draft del prossimo 26-28 aprile.

TRE ANNI DI INGANNI – Per almeno tre anni, dal 2009 al 2011, i giocatori della difesa dei Saints sono stati pagati per infortunare volontariamente gli avversari. E nonostante già da tempo la Lega stesse investigando su di loro, lo staff della squadra di New Orleans non ha interrotto questa pratica altamente antisportiva.

“COMPORTAMENTO INACCETTABILE” – In un duro comunicato il commissioner della Nfl, Roger Goodell ha spiegato come questo sia “un messaggio rivolto a tutta la Lega. Non è accettabile che un giocatore sia pagato per far male ad un collega. E quello che è accaduto negli ultimi tre anni ai Saints, con il coinvolgimento dello staff, con lo spregevole mancato rispetto delle regole, è totalmente inaccettabile e non può avere posto in questa Lega”.

Davide Mancuso

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *