Vincenzo Galdieri

Euro 2012, Portogallo-Olanda 2-1 – Le Pagelle di Sportcafe24

Euro 2012, Portogallo-Olanda 2-1 – Le Pagelle di Sportcafe24
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

 PORTOGALLO

RUI PATRICIO 7 – Sicuro, determinato, deciso. Dopo tanto peregrinare alla ricerca di un estremo difensore all’altezza, la nazionale portoghese parrebbe finalmente averlo trovato.

FABIO COENTRAO 6,5 – Con Ronaldo s’intende a meraviglia. I due si divertono ad alternarsi: una volta Fabio innesca Cris, l’altra è il funambolo del Real a lanciare in profondità il terzino suo compagno di squadra e di nazionale. Pericoloso davanti, bene in fase difensiva: sta diventando davvero un ottimo giocatore.

PEPE 7 – Imperforabile e mastodontico, annulla gli avanti olandesi, che proprio poca roba non sono.

BRUNO ALVES 6,5 – Non sarà bellissimo a vedersi, ma è efficace come pochi. Sempre al punto giusto, sempre al momento giusto.

JOAO PEREIRA 6,5 – Anche lui tira fuori un’ottima prova dal cilindro, in piena sintonia con i suoi colleghi di reparto.

JOAO MOUTINHO 7,5 – E’ il Pirlo del Portogallo, la mente pensante della nazionale lusitana. I compagni con lui vanno sul sicuro: quando non sanno cosa fare gli scaricano palla, consapevoli del fatto che il piccolo Mou un’idea buona ce l’ha sempre. Occhio, perchè a fine Europei su di lui potrebbe scatenarsi un’autentica asta.

VELOSO 7 – Roccioso ed intelligente,  è un elemento fondamentale per gli equilibri portoghesi. Entra deciso in ogni contrasto, smista palloni a destra e a manca, qualche volta gli riesce anche l’apertura geniale. Un bel giocatore, davvero.

RAUL MEIRELES 6,5 – Instancabile motorino di centrocampo, è fondamentale in appoggio alle azioni offensive e si distingue per foga agonistica. Dal 72′ CUSTODIO 6,5 – Gioca poco, però merita il voto per la grinta che ci mette su ogni pallone.

NANI 7 – Fa impazzire la difesa olandese con i suoi dribbling e la sua proverbiale rapidità. Per poco non gli riesce pure il gol da cineteca. Dall’87’ ROLANDO sv – In trincea per difendere il 2-1.

POSTIGA 6 – S’impegna mettendosi al servizio della squadra, in fase conclusiva poco o nulla. Dal 64′ OLIVEIRA 6 – Corre per tutta la mezz’ora a disposizione dando il suo piccolo contributo per il successo.

CRISTIANO RONALDO 9 (IL MIGLIORE) – Finalmente una prova degna di quello che è considerato il giocatore più forte del mondo assieme a Messi. Salta avversari come birilli, regala assist che sono un mix di estro ed estrema intelligenza, segna due gol uno più bello dell’altro, poi sull’ennesima bordata il palo gli nega la tripletta. Se gioca cosi il Portogallo può vincere il torneo. Una goduria.

All. PAULO BENTO 7 – Mette in campo una squadra ordinata e bella da vedere, poi finalmente Cristiano Ronaldo fa il Cristiano Ronaldo ed allora tutto diventa più semplice. E’ uscito bene dal gruppo più difficile e la squadra ha preso coscienza del fatto di essere davvero una potenziale candidata alla vittoria finale. Adesso arriva il bello.

OLANDA 

STEKELENBURG 6,5 – Salva il salvabile con un paio di parate di alto livello. Non è colpa sua se l’Olanda esce a testa bassissima.

WILLEMS 5 – Saltato costantemente da Nani e soci, sembra subire troppo l’importanza della competizione. Emozionato ed ancora inadeguato ad alti livelli. Dal 67′ AFELLAY sv

VLAAR 5 – L’Olanda dietro è piena di buchi, lui non riesce mai a mettere una pezza.

MATHJISEN 5 – L’esperienza non lo aiuta, va in bambola come tutta la difesa.

VAN DER WIEL 5 – Peccato, perchè davanti è anche propositivo e va meglio del solito. Ma il Portogallo sfonda quasi sempre dalla sua parte e di questo è chiaramente il primo colpevole.

DE JONG 6,5 – Ci mette la grinta ed il fisico. L’ultimo ad arrendersi.

VAN DER VAART 7,5 – Di gran lunga il migliore dei suoi. Realizza un gol da urlo, poi ci prende gusto e quasi si ripete nella ripresa: il palo ferma il suo tiro ed annulla le ultime speranze olandesi.

ROBBEN 5 – Non ci siamo proprio. Qualche buono spunto, ma complessivamente questo Robben è lontano anni luce da quello vero.

SNEIJDER 5 – Anche lui decisamente sotto i suoi standard. Per fortuna degli olandesi l’Europeus horribilis è finito.

VAN PERSIE 6 – La classe non è acqua, e lui la mette in mostra anche stavolta. Tiene in apprensione la difesa portoghese senza mai riuscire davvero ad incidere. C’è da dire però che si compagni non lo aiutano per niente.

HUNTELAAR 5 – Van Marwjik lo inserisce perchè spera che Hunter il re di Bundesliga risolva il problema del gol, le sue aspettative rimangono ampiamente deluse. Si vede a malapena.

All. VAN MARWJIK 5 – Dal punto di vista tecnico tattico teoricamente sbaglia poco. L’idea dominante però è che non sia riuscito a trasmettere nulla alla squadra sotto il profilo motivazionale: un’Olanda cosi molle non si era mai vista, e sinceramente è davvero un peccato il fatto che gli Orange escano al primo turno. Di squadre con un tasso qualitativo cosi importante ce ne sono poche nel lotto.

A cura di Vincenzo Galdieri

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *