Kevin Brunetti
No Comments

Miami Heat: quarta volta alle finals, la dinastia continua

Quarta partecipazione di fila alle finali Nba per gli Heat, che puntano alla continuazione della dinastia con la vittoria del terzo anello consecutivo

Miami Heat: quarta volta alle finals, la dinastia continua
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

“Quanti anelli voglio vincere a Miami? Non due, non tre, non quattro, non cinque..”

LeBron James dominatore nei Playoff Nba.

LeBron James, stella degli Heat

Queste parole pronunciate da LeBron James  al suo approdo agli Heat quattro anni fa erano sembrate una sbruffoneria, oggi però risuonano quasi profetiche nelle orecchie dei tifosi di Miami. LeBron James, Dwyane Wade e Chris Bosh sono i nomi altisonanti che hanno trascinato gli Heat a questo traguardo, tutti e tre hanno il contratto in scadenza al termine della stagione ma adesso non conta, adesso contano solo 7 partite, adesso contano solo i San Antonio Spurs.

STAGIONE – Gli Heat hanno dimostrato per l’ennesima volta di essere una spanna sopra a tutti ad est, persino ad Indiana che dopo avergli tenuto testa nella regular season è crollata miseramente nei Playoff. Questo risultato è stato raggiunto ovviamente grazie a sua maestà LeBron James e compagni, ma teniamo molto a sottolieare l’importanza di coach Erik Spoelstra. Spoelstra ha gestito al meglio per anni uno spogliatoio difficile gestendo sempre al meglio il gruppo, inoltre negli ultimi anni ha mostrato miglioramenti nettissimi e al momento è uno dei migliori coach in circolazione. Oltre ai top tre è l’intero roster di Miami ad aver dato garanzie questa stagione, è risultato infatti importantissimo l’apporto dei vari Chalmers, Allen, Cole, Beasley e Andersen. I modelli di gioco che si affronteranno in finale sono opposti, quello di San Antonio è basato sul passaggio e sul cercare sempre l’uomo smarcato con giocate spesso elementari ma geniali, il gioco di Miami invece è basato sulla spettacolarità e sulla fisicità di LeBron & co. A voi quindi la scelta del migliore, noi siamo certi che Spurs e Heat sono le migliori franchigie al momento, e che senza ombra di dubbio miglior finale non poteva esserci.

CURIOSITA’ – Con la vittoria della Eastern Conference i Miami Heat si sono qualificati alle Nba finals per la quarta volta consecutiva, questo traguardo prima di oggi era stato raggiunto solo dalle due franchigie con più storia della lega: Los Angeles Lakers e Boston Celtics.

L’UOMO IN PIU’ – Non ci dovrebbe neanche essere bisogno di dirlo, l’uomo in più di Miami è per forza di cose LeBron James. Un giocatore in grado di mettere a referto statistiche di una continuità impressionante, sia in regular season (27.1 punti, 6.9 rimbalzi, 6.4 assist e 1.57 palle rubate a partita) che nei playoff (27.1 punti, 6.8 rimbalzi, 5 assist e 1.80 palle rubate a partita). Nonostante l’MVP di stagione sia stato Kevin Durant, King James non ha assolutamente abdicato e vorrà dimostrarlo a spese dei San Antonio Spurs.

Kevin Brunetti (@Kevinbrunetti)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *