Redazione

Milan, è finita l’alleanza con la Juve?

Milan, è finita l’alleanza con la Juve?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MILANO, 22 MARZO – La stagione calcistica 2011/2012 sta vivendo sul duello tra il Milan e la Juventus che si stanno contendendo il successo in campionato e hanno dato vita a un’accesissima semifinale di Coppa Italia che ha visto prevalere i bianconeri di Antonio Conte. Il confronto tra i rossoneri e la vecchia signora sta diventando sempre più aspro e viene quotidianamente combattuto senza esclusione di colpi tra accuse reciproche e piccoli dispetti che hanno apparentemente incrinato la nota alleanza stretta dalle due società negli anni passati.

La Juventus sta tornando ai vertici del calcio italiano dopo alcune stagioni trascorse decisamente in tono minore, causate dalle scorie di calciopoli e da alcune scelte dirigenziali decisamente poco felici ma sulla sua strada sta trovando una realtà come quella rossonera, abituata da sempre a primeggiare dentro i confini nazionali e poco propensa a farsi da parte per lasciare spazio ad altre realtà emergenti.

Il conflitto tra le due società ha avuto un’impennata in seguito alle polemiche che hanno preceduto lo scontro diretto di campionato disputato a San Siro e ha avuto il suo apice nei giorni successivi a tale gara a causa del goal realizzato dal milanista Muntari e non visto dall’arbitro Tagliavento. Da allora sono proseguite le punzecchiature da una parte e dall’altra alimentate soprattutto dai due tecnici, Massimiliano Allegri e Antonio Conte, che hanno un carattere forte e che sembrano non starsi particolarmente simpatici. Le conferenze stampa diventano quindi un’occasione per scambiarsi continue battute, con più o meno eleganza a seconda dei casi, tirando spesso in causa il “palazzo” ed evidenziando presunti torti e favori che secondo il punto di vista dei diretti interessati andrebbero ad influenzare l’esito finale del campionato. Si è persino arrivati ai dispetti come può essere considerato il divieto imposto dalla società torinese alla coreografia, in alcun modo offensiva e volta solo ad incitare gli uomini di Allegri, che i tifosi del diavolo volevano mostrare allo Juventus Stadium in occasione della semifinale di ritorno di Coppa Italia.

Il tempo delle alleanze sembra dunque terminato e le due società non sembrano più orientate a scambiarsi favori come quando il Milan prestava gratuitamente Abbiati per risarcire la Juventus dell’infortunio di Buffon patito al “Trofeo Berlusconi”. I fatti sembrano dimostrare come le due parti in causa siano lontane, contrapposte e disposte anche a colpi bassi sia sul campo di gioco che sul piano mediatico pur di provare a conquistare la leadership calcistica in ambito nazionale.

A cura di Mauro Rossi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *