Dario Di Ponzio
No Comments

Mondiali 2022: l’Australia torna in corsa?

Le recenti accuse del Sunday Times potrebbero rimettere in carreggiata la candidatura Aussie

Mondiali 2022: l’Australia torna in corsa?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Del Piero-Goal

Scene di esultanza al Sydney Football Stadium

Palese che il mondiale 2022 assegnato al Qatar nascesse sotto le più cupe aspettative, ma di certo non si pensava a soli 4 anni dall’assegnazione del mondiale e a 8 anni dall’inizio dello stesso del dover parlare di ri-assegnazione dell’organizzazione della stessa competizione.

CANDIDATURA AUSTRALIANA – In realtà l’ipotesi Australia al momento delle votazioni era stata anche quella a fare meno strada. Eliminata con appena 1 voto di fronte a Qatar,Stati Uniti, Sud Corea e Giappone la FFA (Football Federation Australia) però non si è fatta trovare impreparata di fronte alla possibilità di sostituire il Qatar, al punto che il proprio presidente David Gallop non ha negato la possibilità di presentare una candidatura per il Mondiale 2022 nel caso in cui gli asiatici perdano la possibilità di ospitare la kermesse calcistica. Il fatto che la stessa FFA stia partecipando alla fase investigativa decisa dalla Fifa e che anche personalità calcistiche di spicco come Lineker si siano espresse subito a favore della candidatura Australiana sembrano ulteriori punti a favore.

STADI – Di certo l’aspetto dell’impiantistica non sembra essere un problema per la candidatura Australiana. I 12 stadi scelti si compongono di 9 impianti gia pronti e altri 3 invece di nuova costruzione. Stadi che andranno in ordine di grandezza dagli 88.000 posti del Melbourne Cricket Ground agli ipotetici 40.000 del Townsville Stadium (Attualmente di 26.500), con nel mezzo anche il Sydney Football Stadium, casa nelle ultime 2 stagioni di Del Piero.


CALCIO AUSTRALIANO 
– Calcio che in Australia negli ultimi anni, specialmente nel campionato locale (A-League) , ha cominciato a suscitare più interesse nella madrepatria precedentemente interessata maggiormente a Cricket o al Football. Ad aiutare nell’opera di interessamento verso il calcio anche l’arrivo di tanti nomi di spicco internazionale come lo stesso Alessandro Del Piero (Pronto però a lasciare la A-League) o Shinji Ono, ex promessa del Feyenoord. Di certo, però, questa vicenda sembra destinata ad avere un proseguo, sopratutto alla luce dei fatti che il comitato delegato del Qatar ha gia negato veementemente le accuse rivolte dal Sunday Mirror.

Dario Di Ponzio

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *