Matteo De Angelis
1 Comment

Calcio a 5, finale scudetto: Luparense-Acqua e Sapone 1-0 in gara-2

La serie è ora in parità, mercoledì 4 giugno in campo per gara-3

Calcio a 5, finale scudetto: Luparense-Acqua e Sapone 1-0 in gara-2
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Calcio a 5: L'Acqua e Sapone festeggia il successo in gara-1

Calcio a 5: L’Acqua e Sapone festeggia il successo in gara-1

E’ della Luparense il secondo round della finale scudetto 2013/14 di calcio a 5. Ai patavini basta l’autorete di Murilo Ferreira per riportare la serie in parità. 1-0 il risultato finale, tra due giorni si replica in gara-3.

 LA GARA – Dopo la vittoria per 6-2 in gara-1, l’Acqua e Sapone fa visita alla Luparense per la seconda sfida che vale il tricolore del calcio a 5. Al “PalaBruel” di Bassano del Grappa però i padroni di casa vogliono pareggiare i conti e lo fanno capire fin dall’inizio: i ragazzi di Colini scendono in campo col coltello tra i denti e mettono l’Acqua e Sapone alle corde. Sugli scudi Patrick Nora, difensore dei Lupi squalificato in gara-1 e tornato a disposizione dopo l’espulsione rimediata contro l’Asti in semifinale. Gli abruzzesi soffrono le iniziative dei padroni di casa e sono costretti a ricorrere al fallo per fermare le sortite avversarie: ne fanno le spese Cuzzolino e Calderolli, entrambi ammoniti dopo soli sei minuti. Al 10′ arriva il gol che sblocca il match: azione personale di Canal, destro secco sul secondo palo e autorete di Murilo Ferreira nel disperato tentativo di anticipare Nora. 1-0 e Luparense in festa. Vantaggio più che meritato. I patavini continuano l’assedio: ci provano Merlim, Honorio e Waltinho, Mammarella è però insuperabile ed evita di peggiorare il passivo. L’ultima occasione della prima frazione capita ancora a Nora, anche stavolta Mammarella è super e blinda la porta. Al riposo si va così sull’1-0 per la Luparense.

Nella ripresa il copione cambia: scende in campo la vera Acqua e Sapone, quella visto in semifinale contro la Lazio. Il quintetto di mister Bellarte mette subito paura alla Luparense: il tentativo di Leitao è però deviato in tuffo da Putano. Al 4′ minuto Nora stoppa un pallone con il braccio, l’arbitro vede il fallo ma non ammonisce il giocatore. Dalla panchina dell’Acqua e Sapone arrivano le proteste: il più “attivo” è il secondo portiere degli abruzzesi Scordella, che viene espulso dal direttore di gara. La Luparense, dopo un avvio contratto, torna mentalmente in campo: Bertoni e Canal mettono i brividi a Mammarella, l’Acqua e Sapone barcolla ma resta in gara. E’ poi il turno di Nora e Merlim, Mammarella dimostra per l’ennesima volta di essere il portiere più forte al mondo e tiene a galla i suoi. I ritmi restano alti: la Luparense prova a chiudere il match e a pareggiare il conto complessivo della sfida, l’Acqua e Sapone si spinge in avanti alla ricerca del pareggio. Al 14′ i padroni di casa vanno vicinissimi al raddoppio, ma Ercolessi manda incredibilmente a lato da posizione favorevole lo splendido assist di Canal. Due minuti più tardi è Merlim a trovarsi a tu per tu con Mammarella, l’estremo difensore ospite si supera per l’ennesima volta e devia in angolo il siluro mancino. E’ in assoluto il portiere della nazionale italiana il migliore in campo della partita. A tre minuti dalla sirena mister Bellarte si gioca allora la carta del portiere di movimento: fuori Mammarella, dentro Caetano. E l’occasione colossale arriva a trenta secondi dalla fine, ma Murilo Ferreira calcia a lato di un soffio.

Vince allora la Luparense. 1-0 il risultato finale, grazie alla sfortunata autorete di Murilo Ferreira nel primo tempo. E ora la serie torna sull’1-1. Tra due giorni, mercoledì 4 giugno, si replica. Ancora al “PalaBruel”, stavolta con fischio d’inizio alle 19:15. Chi vince diventa la favorita a cucirsi lo scudetto sul petto.

Matteo De Angelis

Share Button

One Response to Calcio a 5, finale scudetto: Luparense-Acqua e Sapone 1-0 in gara-2

  1. Giorgio Bonaldi 3 giugno 2014 at 7:43

    Luparense in ripresa,tante occasioni da rete non sfruttate,decisiva gara 3…un paio di svarioni in difesa potevano costare caro.vedi il buon putano,sceso in campo con protezione alla testa,ora in gara 3. ……vincere ancora e poi a montesilvano l’acqua e sapone dara’ nuovamente il massimo….se ne ha ancora a sufficenza….f o r z a. L u p i ….

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *