Antonio Casu
No Comments

Nairo Quintana ha vinto il Giro d’Italia. Mezgec trionfa a Trieste

Il velocista della Giant sorprende Nizzolo e alza le braccia al cielo nell'ultima tappa. Doppietta colombiana sul podio finale

Nairo Quintana ha vinto il Giro d’Italia. Mezgec trionfa a Trieste
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Nairo Quintana ha vinto la 97esima edizione del Giro d’Italia. Lo scalatore colombiano, classe ’90, ha anticipato nella classifica finale il connazionale Rigoberto Uran e l’italiano Fabio Aru. L’ultima delle ventuno tappe è stata vinta dallo sloveno Luka Mezgec (Giant-Shimano), vincente nello sprint di Trieste sull’eterno secondo Nizzolo e lo statunitense Farrar. Solo quarto Bouhanni, vincitore della maglia rossa.

Rigoberto Uran nuovo leader del Giro d'Italia

Giro d’Italia: secondo posto nella classifica finale per Uran

LA PASSERELLA DI TRIESTE – L’ultima frazione, snodatasi da Gemona del Friuli a Trieste, ha assunto da subito le caratteristiche di buona parte delle ultime tappe di un grande Giro: baci, abbracci, foto a volontà ed una meritata passerella per i ciclisti arrivati fino in fondo. La vera corsa è iniziata verso i -40. Diversi cacciatori di tappe hanno tentato un allungo, cercando di approfittare delle caratteristiche del circuito finale di Trieste (lo strappo al 5-6 % ha favorito qualche tentativo), ma nessuno di questi ha raggiunto l’obiettivo.

L’ACUTO DI MEZGEC – L’arrivo in volata, preventivato da tutti, è stata una naturale conseguenza. Il grande favorito della vigilia era Nacer Bouhanni (tre tappe in questo Giro per lui), ma il francese, forse un po’ appagato, ha deluso le aspettative, classificandosi al quarto posto. Chi l’ha spuntata è stato invece Mezgec, che ha regalato l’ennesima delusione al povero Nizzolo, secondo al traguardo per la quarta volta. Ottimo terzo posto per Tyler Farrar, che ha riscattato in parte le numerose cadute provocate nelle volate precedenti.

IL MOMENTO DELLE CELEBRAZIONI – Conclusa la tappa, è iniziato (sotto la pioggia) il momento delle celebrazioni. Il podio di Trieste ha ospitato sul gradino più alto il finalmente sorridente Quintana (vincitore anche della maglia bianca), il suo amico Uran, che ha completato la festa colombiana, ed il giovane sardo Aru, promessa mantenuta del ciclismo italiano. Festeggia anche un altro colombiano, Julian Arredondo, vincitore della maglia azzurra, riservata al miglior scalatore.

Antonio Casu

@antoniocasu_

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *