Patrizia Culmone
No Comments

Le Meraviglie: la storia di Gelsomina incanta il Festival di Cannes

A metà degli anni novanta Gelsomina, la maggiore di quattro sorelle, decide di risollevare le sorti economiche della sua famiglia partecipando ad uno show televisivo.

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La famiglia di Gelsomina vive in un’antica masseria in aperta campagna: il papà è un burbero apicultore chiuso in se stesso, la mamma lavora nei campi e accudisce le figlie con l’aiuto di Cocò, un’amica di famiglia che dà una mano in casa e mentre le sorelline corrono nel fango e si divertono a fare dei fragorosi tuffi in acqua, Gelsomina si sveglia al mattino presto per preparare il miele. Lei con le api ci gioca, ci parla, la sua è una vera propria passione, per questo pur essendo poco più di una bambina lavorare sodo non le pesa. In una torrida estate a metà degli anni novanta l’incontro con una troupe televisiva le darà la possibilità di partecipare ad un concorso a premi, rivelando il suo desiderio di aprirsi il mondo e le sue ingenue ambizioni fanciullesche. La ritrosia del padre la renderà un’impresa difficile, ma alla fine i suoi sogni e la sua tenacia verranno riconosciuti.

LO SGUARDO DI GELSOMINA – A distanza di 3 anni dal suo primo lungometraggio Corpo Celeste, (che le vale il nastro d’argento come miglior regista emergente) Alice Rohrwacher conquista Cannes tornando a parlare del mondo degli adolescenti e diventa la prima donna nella storia del Festival a vincere il Gran Prix della giuria. Le Meraviglie è indubbiamente il film italiano più acclamato di questa edizione: lo stile naturale, spontaneo e a tratti documentaristico con cui la regista si approccia ad una trama a soggetto ha dell’incredibile e riflette perfettamente lo sguardo schietto e vivace della giovane protagonista, la cui vicenda familiare si intreccia con quella di un’intera realtà sociale che in quegli anni è in piena crisi. Sono gli anni delle canzonette di Non è la Rai, delle frange laccate e di Ambra Angiolini, ma sono anche gli anni di Tangentopoli, del primo Governo Berlusconi, del marketing e della comunicazione. Anni in cui il marchio diventa più importante del prodotto e prende piede una nuova logica di mercato con cui la nostra cultura artigiana e contadina si troverà a fare i conti.

 LA CAMPAGNA – La Rohrwacher guarda a quella realtà, ormai decaduta, con autentica nostalgia, esasperandola attraverso una famiglia che vive ai margini di una società che rifiuta, indugiando sui particolari della vita in campagna: la raccolta dei pomodori, i campi sterrati, l’aia, il profondo senso di libertà e l’impegno che essa comporta. Particolari che la regista conosce bene dal momento che trascorre la sua infanzia insieme ai genitori e la sorella Alba nei luoghi in cui è ambientato il suo film. L’elemento autobiografico è un’altra componente fondamentale de Le Meraviglie, forse quella che permette all’autrice di entrare dentro la storia, pur conservando un approccio oggettivo e svelare la natura dei legami tra i vari componenti di questo atipico un nucleo familiare.

Patrizia Culmone

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *