Luca Parenti
No Comments

Giro d’Italia 2014: presentazione della ventesima tappa

Benvenuti nell'ultima frazione del Giro d’Italia, dove chi ha ancora qualche riserva di energia deve tramutarla in pedalate più veloci del vento

Giro d’Italia 2014: presentazione della ventesima tappa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Nairo Quintana è sempre il leader del Giro d'Italia

Tutti contro Nairo Quintana

Passo del Pura, Sella Razzo, e il mitico Monte Zoncolan, sono queste tre cime a decretare il re di questo Giro d’Italia 2014, non bisogna più attendere, non bisogna più fare calcoli, bisogna solo dare retta al cuore al cervello e spingere più che si può sui pedali della propria bici.

MANIAGO – MONTE ZONCOLAN: 167 KM – si parte in località Maniago, e sarà tutto relativamente tranquillo fino al chilometro 80.5 dove nel paese di Villa Santina verrà affrontato il traguardo volante di giornata; ma subito dopo questo sprint, esattamente 4 km dopo tutti i corridori usufruiranno dell’unico rifornimento di giornata, che sarà “piazzato” in località di Enemonzo.

Da questo momento inizia la fine del Giro d’Italia 2014, si parte con la scalata al primo Gran Premio della Montagna di 1° categoria, il Passo della Pura, un’ascesa lunga 11.3 chilometri, con pendenza media del 7.7% e una massima del 13, per un totale di 1428 metri di altezza. Breve discesa verso valle, e poi si ritorna a salire verso il secondo Gran Premio della Montagna, stavolta di 2° categoria, il Sella Razzo, una scalata lunga 15.9 chilometri, con una pendenza media del 5.2 e una massima del 15 per un totale di 1811 metri di altezza. Scollinato questo Gran Premio della Montagna, i corridori affronteranno una lunghissima discesa di circa 30 chilometri fino alla località di Ovaro dove inizierà il mostro finale, il Monte Zoncolan. Saranno 10.1 chilometri di salita pura, non ci saranno metri dove riprendere fiato, 1.200 metri di dislivello totale, e negli ultimi 500 metri finali la pendenza rimane fissa all’11% per poi toccare l’apice a 250 metri dal traguardo quando verrà affrontato un tornante con una pendenza del 16%.

L’orario di partenza da Maniago è previsto per le ore 12.15, mentre l’arrivo sul Monte Zoncolan è stato calcolato intorno le 16.50 – 17.30.

I FAVORITI – Per vincere la tappa di oggi, bisogna avere una condizione più che perfetta, e la gamba deve rispondere a qualsiasi pendenza che si troveranno davanti, di corridori così che sono rimasti nel gruppo ce n’è davvero pochi e potrebbero essere: il nostro Fabio Aru, Pozzovivo, e Rolland, ma non dimentichiamoci anche della Maglia Rosa Quintana che non deve perdere la concentrazione nemmeno per un centimetro per non avvantaggiare Uran e tutti gli altri diretti interessati.

Luca Parenti

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *