Enza Maugeri
No Comments

“Pane e burlesque”, un Full Monty al femminile

Racconta la realtà italiana e la crisi economica attuale

“Pane e burlesque”, un Full Monty al femminile
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

“Pane e burlesque” è una specie di Full Monty al femminile, che racconta la realtà italiana e la crisi economica attuale. Diretto e scritto da Manuela Tempesta, al suo primo debutto come regista, il film uscirà nelle sale cinematografiche il 29 maggio.

Locandina del film "Pane e burlesque"

Locandina del film “Pane e burlesque”

COMMEDIA MADE IN ITALY– Una commedia made in Italy e tutta al femminile. Il cast è composto da: Laura Chiatti (Matilde), Sabrina Impacciatore (Mimì la Petite, artista di burlesque), Michela Andreozzi (Teresa, sarta con il marito disoccupato), Giovanna Rei (Viola, sexy cameriera con ambizioni hollywoodiane), Edoardo Leo (Vincenzo, il marito di Matilde) e Caterina Guzzanti (la rappresentante sindacale). Questo movie parla d’attualità, di un piccolo paese del sud, Fasano, in crisi per via della chiusura di una fabbrica di ceramiche, sconvolto dall’arrivo di Mimì la Petite, nome d’arte di Giuliana, scappata dal paesino pugliese 20 anni prima, e un gruppo di ballerine di burlesque, le Dyvettes, tornata per vendere le proprietà di famiglia. Saranno proprio le sue ballerine a lasciare Mimì senza un soldo. Mimì non si lascia sopraffare dallo sconforto e convince tre paesane: Matilde, Teresa e Viola, a creare un nuovo gruppo di burlesque con cui esibirsi. Una decisione che cambierà i loro destini.

FULL MONTY AL FEMMINILE- La regista Manuela Tempesta spiega la scelta di trattare il burlesque nel suo film “Avevo voglia di scrivere e girare una commedia sullo stile di Full Monty ma al femminile. Mi ha sempre affascinato il mondo del burlesque e il suo immaginario legato a un meraviglioso universo femminile, un mondo fashion e vintage che ha permesso alle donne di riappropriarsi del proprio corpo e dei segreti del fascino femminile”.

LE PROTAGONISTE- Matilde “è una donna dimessa nell’aspetto e nell’anima – dice Laura Chiatti – con un’estrema devozione nei confronti del marito, brusco e bigotto. Grazie al burlesque la sua evoluzione sarà incredibile”. Giuliana “si comporta come una diva – spiega Sabrina Impacciatore – ostenta sicurezza e aggressività che in realtà sono una forma di difesa da un mondo dal quale si sente rifiutata e tradita”. Michela Andreozzi che interpreta Teresa, la definisce “semplice e coraggiosa, anche se si sente rifiutata dal marito disoccupato e depresso che non ha più voglia di fare l’amore con lei”. Viola, interpretata da Giovanna Rei, è invece la trasgressiva del gruppo, “indossa abiti mini-mini, guida una grossa moto, cambia spesso ragazzo e non se ne vergogna nonostante viva in un contesto. E’ molto chiacchierata, soprattutto dalle donne, ma a lei interessa solo mettere insieme un po’ di soldi e scappare in America per cambiare vita”.

NON SOLO BURLESQUE- Il fine, tuttavia, non era solo quello di fare un film sul burlesque, “volevo anche raccontare la realtà italiana, la crisi economica e di identità che stiamo affrontando – spiega la regista – e dare voce al mondo femminile, al ruolo della donna all’interno della famiglia e della società, rivelandone fragilità e potenzialità”. Donne che affrontano le sfide senza mai tirarsi indietro e che “pur facendo scelte controcorrente – continua Tempesta- ci credono sempre fino in fondo. E sarà proprio grazie al burlesque che ognuna di loro riuscirà a riscoprire se stessa, trasformando i punti deboli in punti di forza”.

Enza Maugeri

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *