Matteo Masum
No Comments

Giro d’Italia, Quintana: gioco, partita, incontro | Rivivi la corsa

Il colombiano stravince la tappa e si prende la maglia. Caos in corsa a causa di un'interpretazione errata sul ruolo delle moto

Giro d’Italia, Quintana: gioco, partita, incontro | Rivivi la corsa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Nairo Quintana, la nuova maglia rosa del Giro d'Italia

Nairo Quintana, la nuova maglia rosa del Giro d’Italia

Il Giro d’Italia ha un nuovo padrone, probabilmente definitivo. E’ Nairo Quintana, il favoritissimo per la vittoria finale, che oggi ha battuto un colpo devastante per tutti gli altri rivali. Una corsa durissima, condizionata da un misunderstanding circa il ruolo delle moto, che, stando alle parole di Radio Corsa, avrebbero dovuto segnalare eventuali pericoli nella discesa dello Stelvio, e che, invece, le ammiraglie hanno creduto servissero da neutralizzazione della corsa. Ciò ha consentito a Nairo Quintana di guadagnare circa 2′ sulla maglia rosa, vantaggio che il colombiano ha tuttavia sia legittimato che aumentato nella salita finale.

LA CORSA – Ci si aspettava un tempo molto difficile, e così è stato. Tanta pioggia, freddo, e qualche fiocco di neve hanno ovviamente segnato una tappa che, comunque, era tra le più dure del Giro d’Italia, presentando tre gpm, tutti oltre i 2000 metri di altitudine. Il Gavia, lo Stelvio e Val Martello avrebbero potuto cambiare il volto di questa corsa, ed infatti così è stato. Fin dall’inizio, in molti hanno cercato di rendersi protagonisti, e, dopo una serie di attacchi sul Gavia, si è creato un gruppetto di nove, poi dieci, battistarda sullo Stelvio, di cui facevano parte Cataldo, Kiserlovski e Pantano. E’ Dario Cataldo a conquistare la Cima Coppi, giungendo primo al gpm dello Stelvio.

LA DISCESA DELLA DISCORDIA – La corsa segna una svolta nella discesa dello Stelvio. L’organizzazione aveva messo a disposizione delle moto per guidare i corridori, ma la maggior parte delle ammiraglie hanno creduto che esse avessero la funzione di neutralizzare il tempo. Tra i pochi ad interpretare bene il comunicato di Radio Corsa c’è Nairo Quintana, che attacca in discesa e guadagna 2′, senza che nessuno tra i big, fatta eccezione per Hesjedal e Rolland, abbia la minima reazione.

VAL MARTELLO – Sull’erta finale, il colombiano della Movistar è semplicemente strepitoso. Prima va a riprendere Cataldo, poi, con una serie di accelerazioni, guadagna progressivamente sul gruppo maglia rosa. Hesjedal appare in difficoltà, ma, a sorpresa, riesce a rimanere incollato al colombiano fino all’ultimo chilometro; Rolland, al contrario, perde contatto. Quintana, sbarazzatosi anche del canadese, va a prendersi la corsa, e la maglia rosa. Rigoberto Uran, apparso in difficoltà, giunge addirittura a 4’11” di ritardo dal colombiano.

CLASSIFICA DI TAPPA: 1) Nairo Quintana; 2) Ryder Hesjedal a 8”; 3) Pierre Rolland a 1’13”; 4) Wilco Kelderman a 3’30”; 5) Domenico Pozzovivo a 3’37”; 6) Fabio Aru a 3’40”; 7) Rafal Majka a 4’08”; 8) Sebastian Henao a 4’11”; 9) Rigoberto Uran 4’11”; 10) Cadel Evans a 4’48”.

CLASSIFICA GENERALE: 1) Nairo Quintana; 2) Rigoberto Uran a 1’41”; 3) Cadel Evans a 3’21”; 4) Pierre Rolland a 3’26”; 5) Rafal Majka a 3’28”; 6) Fabio Aru a 3’34”; 7) Domenico Pozzovivo a 3’49”; 8) Wilco Kelderman a 4’06”; 9) Ryder Hesjedal a 4’16”; 10) Robert Kiserlovski a 8’02”

17.32- 4’11” il ritardo di Rigoberto Uran, che perde la maglia rosa

17.32- Arrivano Kelderman, Pozzovivo e Aru

17.31- Anche Aru ha staccato Uran

17.30- Pozzovivo ha staccato la maglia rosa!!

17.29- Secondo un grande Hesjedal, terzo Rolland con 1’13” di ritardo

17.28- VINCE NAIROOOOOOOOO QUINTANAAAAAAAAAAA!!!!

17.28- 200 metri per Quintana

17.27- Hesjedal non ha mollato

17.25- Veramente durissimo il finale!!!!

17.25. Quintana scappa via ad Hesjedal

17.24- Inizia l’ultimo chilometro

17.23- Kelderman, nel tratto in falso piano, ha staccato gli altri membri del gruppo maglia rosa

17.22- Un grandissimo Hesjedal non solo è riuscito a rimanere insieme a Quintana, ma sta anche dando una mano al colombiano

17.21- 2,5km al traguardo

17.20- In difficoltà Evans

17.19- 4km all’arrivo. Aru si è riportato su Majka, Uran e tutti gli altri

17.17- Scatto di Majka, sulla sua ruota Kelderman. Uran e Pozzovivo sono poco dietro, mentre si Aru che Evans non sembrano resistere

17.15- Sulle durissime pendenze del Val Martello, Quintana accelera ancora, staccando gli altri due. Incredibile però Hesjedal, che stacca Rolland e prova a resistere.

17.14- Evans ri è riportato sul gruppo maglia rosa

17.13- Attacco di Majka, ma a parte Evans, tutti i big reagiscono

17.11- Sono 3 i minuti di vantaggio della testa della corsa

17.11- Ed invece bravissimi Rolland ed Hesjedal, che si riportano sul colombiano della Movistar

17.09- Accelera Quintana, e stavolta nè Rolland nè Hesjedal sembrano riuscire a restare alla sua ruota

17.08- Meno di 8km al traguardo

17.04- 2’30” il vantaggio di Quintana.

17.02- 10 km all’arrivo. Un applauso a Ryder Hesjedal, che, nonostante sia evidentemente in difficoltà, riesce a rimanere costantemente sulle ruote di Quintana e Rolland

17.01- Aumenta ancora il vantaggio di Quintana, Rolland ed Hesjedal! Il gruppo maglia rosa ha 2’20” di ritardo

16.59- Si infittisce il mistero circa la comunicazione a riguardo del ruolo delle moto sulla discesa dello Stelvio. Radio Corsa non sembra far riferimento a nessuna neutralizzazione, mentre sull’account di Twitter del Giro d’Italia si sia parlato proprio di neutralizzazione.

16.57- Aumenta il vantaggio del gruppo Quintana, salito a 2′

16.56- Mancano 12km al traguardo

16.54- Nessuno scatto nè nel gruppetto di testa, nè in quello maglia rosa, che resta a 1’48” di ritardo

16.50- Nel frattempo, svelato il mistero del clamoroso vantaggio accumulato da Quintana in discesa. In sostanza, l’ammiraglia della Quick-Step ed altre avevano creduto che le moto messe a disposizione dall’organizzazione per guidare la discesa dei corridori, segnalando eventuali pericoli, avessero la funzione di neutralizzare la corsa. Una cattiva interpretazione, che ha concesso a Quintana di guadagnare un ottimo vantaggio.

16.46- Il gruppo maglia rosa ha 1’38” di ritardo dalla testa della corsa, di cui non fa più parte Cataldo

16.45- Mancano 16,5km al traguardo

16.43- Altro attacco di Quintana. Rolland reagisce con facilità, Hesjedal si riporta sui due con maggiore fatica. Bravo anche Cataldo, che non molla e resiste a sua volta

16.42- Il gruppo maglia rosa è a 1’55” dalla testa della corsa, sulla quale sta cercando di rientrare il solito Hesjedal

16.40- Terza accelerazione, stavolta Hesjedal non riesce a resistere. Quintana e Rolland raggiungono Cataldo

16.39- Altra accelerazione di Quintana, a cui risponde ancora Rolland.

16.38- Accelerazione di Quintana, solo Rolland riesce a reagire prontamente. Hesjedal, con un po’ più di fatica, cerca di tenere la ruota

16.37- Mancano 18km all’arrivo per Cataldo, che ormai ha 47” di vantaggio sul gruppo Quintana.

16.36- Nel gruppo maglia rosa ci sono tutti i migliori, come Evans, Majka, Kelderman e Aru

16.35- Il gruppo maglia rosa è in ritardo di circa 1’45” dal gruppo Quintana.

16.33- Cataldo è sull’ascesa finale. Il gruppetto degli inseguitori è tirato da Pantano. Il ritardo dalla testa della corsa è di 1’14”. Quintana per ora si tiene in ultima posizione

16.28- Sicard è rientrato sul gruppo Quintana, che ha circa 1’40” di vantaggio sul gruppo maglia rosa.

16.26- Cataldo ha 1’27” di vantaggio sugli inseguitori. Il gruppo maglia rosa è a 3’19”

16.25- Il gruppo Quintana ha raggiunto i 3 inseguitori di Cataldo, il quale è vicino all’inizio della Val Martello

16.19- Cataldo è a 30km dal traguardo

16.17. Sicard, compagno di squadra di Rolland, ha mollato le ruote dei 6 insegutori. Il gruppetto Quintana è quindi rimasto composto da 5 elementi, con Izaguirre. Questo gruppo ha 1’40” di vantaggio sul gruppo maglia rosa

16.15- 3’40” il ritardo del gruppo maglia rosa da Cataldo

16.14- 1’50” il ritardo del secondo gruppo di inseguitori, quello con Quintana

16.13- Il primo gruppo di inseguitori (Vuillermoz, Pantano e Dupont) ha 1′ di ritardo da Cataldo.

16.07- Cataldo ha concluso la discesa praticamente.

16.06- Il gruppo maglia rosa è a 2′ di ritardo da Quintana. Clamoroso!!!!

16.05- Quintana fa parte di un gruppetto di 6 uomini, di cui fanno parte Rolland, Hesjedal e Rabottini. Il ritardo di questo gruppo è di 2′ da Cataldo.

16.03- Ivan Basso è transitato con 4’30” di ritardo da Cataldo sullo Stelvio. Ulissi addirittura a 15′

16.01- Quintana è insieme ad Izaguirre

15.59- 3’40” il vantaggio di Cataldo sul gruppo. E’ andato veramente bene il corridore della Sky

15.57- Mancano circa 5km al termine della discesa

15.55- Il gruppo è allungatissimo, ma sembra ne facciano parte tutti i big, eccetto Quintana

15.52- Sembra che Quintana faccia parte di un gruppetto che ha circa 1′ di vantaggio sul gruppo maglia rosa (distante 2’55” dalla testa della corsa). Purtroppo la situazione non è molto chiara, a causa delle condizioni meteorologiche avverse. Bisognerà aspettare il termine della discesa per capire qualcosa in più

15.51- 50” il ritardo dei tre inseguitori di Cataldo. Gli inseguitori sono Dupont, Vuillermoz e Pantano

15.44- Gli inseguitori sono ad 1’05” da Dario Cataldo, che sta andando davvero forte (relativamente).

15.42- Mancano 60km al traguardo

15.40- Il gruppo sta affrontando la discesa con molta prudenza. Un po’ più audace Dario Cataldo

15.34- Anche il gruppo è arrivato in cima allo Stelvio. Inizia la discesa. Il ritardo da Cataldo è di 1’54”.

15.33- Chalapud è giunto secondo

15.31- E’ Dario Cataldo a conquistare la Cima Coppi

15.29- Rabottini si è riportato sui quattro, ma il gruppo è sempre lì.

15.28 Sono rimasti in 4 ad inseguire Cataldo: Niemec, Pantano, Rosa e Vuillermoz

15.24- Nevica sullo Stelvio. A preoccupar è la durissima discesa, ma per fortuna il manto stradale è in ottime condizioni

15.20- Dario Cataldo esce dal gruppo di testa per andare a conquistare la Cima Coppi

15.19- Solo 10” il vantaggio dei battistrada

15.18-L’aggancio è ormai imminente.

15.16- Il ritardo del gruppo dalla fuga è di 30”

15.15- I 10 uomini in fuga sono a 6km dalla cima dello Stelvio, la Cima Coppi di questo Giro d’Italia

15.15- Sul Gavia questo è stato l’ordine d’arrivo: 1° Robinson Chalapud (Colombia), 2° Arredondo (Trek) e 3° Pantano (Colombia).

15.10- Il gruppo è ad 1’03” dai 10 battistrada. Mancano 75km all’arrivo, ed i corridori sono sullo Stelvio

15.07- Il gruppo è a circa 2’30” di ritardo. E’ la Movistar di Quintana a fare l’andatura.

15.03- Pellizotti (Androni-Venezuela), Cataldo (Sky), Vuillermoz (AG2R), Dumont (AG2R), Pantano (Colombia), Chalapud (Colombia), Niemiec (Lampre-Merida), Kišerlovski (Trek), Geniez (FDJ) e Diego Rosa (Androni) sono i dieci battistrada.

15.01- Benvenuti alla diretta testuale della sedicesima tappa del Giro d’Italia, quella che prevede il Gavia, lo Stelvio e il Val Martello. La tappa procede regolare, pertanto, nonostante un clima durissimo, si arriverà in cima allo Stelvio ed al Val Martello (il Gavia è già stato completato

Matteo Masum

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *