Antonio Scali

Troppa Francia per l’Ucraina. Les Blues vincono dopo il nubifragio

Troppa Francia per l’Ucraina. Les Blues vincono dopo il nubifragio
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

DONETSK, 15 MAGGIO 2012– Un nubifragio eccezionale si è abbattuto a Donetsk intorno alle ore 18.00 (ora italiana), ora prevista per il kick-off di Ucraina-Francia. Fulmini e pioggia non hanno permesso alle due squadre di proseguire la gara e dopo pochi minuti dall’avvio la partita è stata sospesa e  posticipata di un’ora. D’altronde rinviare la partita ad altra data sarebbe stato impossibile in un torneo così concentrato come l’Europeo.

PRIMO TEMPO-  Alle 19.00 il cielo sopra il campo dello Shaktar sembra meno minaccioso e allora si può finalmente fare sul serio. Nei primi 45 minuti si è vista una buona Francia che ha avuto diverse occasioni per passare in vantaggio, ma anche i padroni di casa hanno beh figurato, risultando pericolosi in azioni di contropiede grazie soprattutto all’immarcescibile Shevchenko, già autore di una doppietta.  La prima vera occasione da gol arriva al 24esimo quando Yarmolenko riceve palla in area e, dopo una serie di finte ubriacanti, scaraventa il pallone sul fondo.  Due minuti dopo è Menez ad avere la prima occasione per i transalpini: Ribery mette un cross in area che diventa facile preda di Menez il cui tiro è però impreciso e termina sopra la trasversale. Passa qualche giro di lancette e ancora l’ex romanista si trova di fronte a Pyatov senza riuscire a segnare. A questo punto la Francia pare in totale controllo della partita mentre gli ucraini appaiono solo lontani parenti di quelli ammirati pochi giorni fa contro la Svezia.  C’è bisogno del colpo di genio del grande fuoriclasse, Sheva, che non si fa attendere costruendo una grande occasione. L’ex Milan fa un numero spettacolare controllando il pallone al volo di testa, lo mette a terra e fa partire un tiro che viene respinto da Lloris. Nel finale grande occasione per Mexes che di testa in area svetta ma non riesce a insaccare a tu per tu con Pyatov . Bella partita, manca solo il gol.

SECONDO TEMPO– Nella ripresa viene fuori a pieno la Francia. In un paio di minuti gli uomini di Blanc trovano due gol che chiudono i giochi.  Dopo otto minuti Benzema serve Menez, che rientra bene e con il sinistro batte Pyatov sul primo palo facendo passare il pallone tra le gambe di un difensore. L’attaccante del PSG trova così il suo riscatto. All’undicesimo arriva il raddoppio con Cabaye grazie a un diagonale di sinistro micidiale. Proprio lui qualche minuto dopo rischia  la personale  doppietta ma il suo tiro termina incredibilmente sul palo. L’Ucraina sembra non essere uscita dagli spogliatoi dopo l’intervallo. Nel quarto d’ora finale esce Benzema e al suo posto spazio a Giroud, giocatore campione di Francia con il Montpellier. Si è vista una Francia di buona qualità che sale provvisoriamente in testa al girone a 4 punti.

Migliore in campo SportCafe24: Cabaye. Non uno dei soliti noti ma un giocatore di ottime qualità. Un gol e un palo e grande personalità.

IL TABELLINO UCRAINA-FRANCIA 0-2

 Ucraina (4-4-2): Pyatov; Gusev, Khacheridi, Mykhalyk, Selin; Yarmolenko (26′ st Aliyev), Nazarenko (15′ st Milevskiy), Tymoshchuk, Konoplyanka; Shevchenko, Voronin (1′ st Devic). A disp.: Koval, Butko, Rakitskiy, Goryainov, Shevchuk, Garmash, Voronin, Rotan, Seleznyov. All.: Blokhin.
Francia (4-3-3): Lloris; Debuchy, Rami, Mexes, Clichy; Cabaye (26′ st M’Vila), A.Diarra, Nasri; Menez (28′ st Martin), Benzema (31′ st Giroud), Ribery. A disp.: Mandanda, Evra, Koscielny, Reveillere, Matuidi, Valbuena, Ben Arfa, Malouda, Carrasso. All.: Blanc.
Arbitro: Kujpers (Olanda)
Marcatori: 8′ st Menez, 11′ st Cabaye (F)
Ammoniti: Menez, Debuchy, Mexes (F), Selin, Tymoschuk (U)
Espulsi: –

a cura di Antonio Scali

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *