Manlio Mattaccini
No Comments

Pagelle Giro d’Italia, 14/ma tappa: Battaglin cinico, Pozzovivo “Pollicino”

Nella salita resa celebre dal "Pirata" non è mancato lo spettacolo: vincitori e vinti della prima tappa alpina

Pagelle Giro d’Italia, 14/ma tappa: Battaglin cinico, Pozzovivo “Pollicino”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il Giro 2014 vive la sua prima grande emozione. Sul tracciato disegnato apposta per pedalare la memoria di Pantani e delle sue imprese nella corsa rosa, s’inizia a intravedere spettacolo. La tappa con arrivo al Santuario di Oropa ha sancito tutto il contrario di tutto: chi aveva la vittoria in pugno si vede oltrepassato sulla linea del traguardo, mentre chi pensava ad un Uran inattaccabile, oggi si è dovuto ricredere. E siamo solo all’inizio di un percorso che da ora in poi riserverà tanto, tantissimo terreno fertile per chi ancora vorrà dimostrare tanto. Oggi però a differenza dell’ordine d’arrivo i vincitori sono due: Battaglin e Pozzovivo.

BATTAGLIN: 9,5 – Il secondo successo assoluto nella corsa rosa (il primo nel 2013) è un gran bel salto di qualità. In fuga dal mattino, non risponde agli attacchi sulla rampa finale e sale del proprio passo. Freddo come un cobra, le gambe mulinano fino alla fine: brucia Pantano e Cataldo proprio negli ultimi 20 metri.

CATALDO: 7,5 – Una condotta di gara generosa, forse anche troppo. Meriterebbe almeno un voto di più, ma ha fallito una grande occasione. Il più forte tra i fuggitivi, potrebbe fare il vuoto dietro di sè: non si scrolla di dosso Pantano e le gambe ormai dure come sassi allontanano il traguardo quel poco che basta per negargli la meritata vittoria.

PANTANO: 7 – Quasi omonimo del “Pirata”, ma un talento incomparabile. Compie un mezzo miracolo riuscendo a stare a ruota di Cataldo, ma il terzo posto finale era il massimo che poteva trarre.

POZZOVIVO: 8 – Se non ci fosse, questo Giro doveva inventarlo. Come una “formica”, accumula granelli: mezzo minuto a Sestola, venti secondi oggi. Vivace, ma finora ha raccolto meno di quello che ha seminato: occhio, perchè se mantiene tale condizione può aspirare al massimo.

QUINTANA: 7 – Doveva pur iniziare a fare qualcosa. Beh, qualcosa ha fatto: ha tenuto la ruota di Pozzovivo ma non gli ha mai dato un cambio. Una collaborazione avrebbe portato più secondi ad entrambi: già da oggi sapremo se era davvero al massimo oppure ha fatto un grosso errore di valutazione.

EVANS: 6,5 – Non ha la forza di restare col tandem Pozzovivo-Quintana, ma non esce sconfitto. Riesce addirittura a guadagnare qualcosina sulla maglia rosa. L’australiano è ancora secondo e più che mai in corsa, ma l’impressione è che sarà dura mantenere il podio fino a Trieste.

Rigoberto Uran nuovo leader del Giro d'Italia

Uran in difficoltà sulla salita di Oropa

URAN: 5,5 – Primo momento critico del suo Giro, finora impeccabile. Il suo vantaggio in classifica gli permette di superare passaggi a vuoto senza particolari conseguenze. La maglia rosa è sua, ma è tutt’altro che inattaccabile. Giornata no o troppa pressione? Presto lo scopriremo.

ARU, MAJKA, KELDERMAN: 7,5 – Gioventù che avanza. La zampata da campione presto arriverà. La maglia bianca è apertissima, ma uno tra loro con ogni probabilità lo vedremo su un gradino del podio domenica prossima.

Manlio Mattaccini

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *