Redazione

Rino Gattuso firma un biennale con gli svizzeri del Sion

Rino Gattuso firma un biennale con gli svizzeri del Sion
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

SION (SVIZZERA), 15 GIUGNO – Finalmente è ufficiale, Gennaro Gattuso ha firmato il contratto che lo legherà alla compagine svizzera del Sion per le prossime 2 stagioni. L’ex giocatore del Milan ha optato per il sodalizio vallese dopo aver visto svanire il sogno di ritornare ai Rangers Glasgow, dove aveva militato nella parte iniziale della sua carriera, in seguito ai gravi problemi economici in cui versa il club scozzese. Il Campione del Mondo del 2006 ha scelto il Sion per una questione tecnica, ritenendo interessante il progetto del club elvetico, e per l’aspetto logistico essendo Sion molto vicina al confine italiano, cosa che faciliterà di parecchio i rientri del giocatore nel nostro paese.

LA CARRIERA DI GATTUSO – Il centrocampista di origine calabrese è cresciuto nel settore giovanile del Perugia dove ha vinto 2 scudetti primavera ed ha debuttato sia in serie B che in serie A. Nel 1997, a soli 19 anni, lascia il club umbro da svincolato e si trasferisce in Scozia ai Rangers Glasgow dove rimane fino all’Ottobre del 1998 debuttando anche in Coppa UEFA e segnando i suoi primi goal nelle coppe europee. Nell’estate del 1998 il club scozzese sostituisce l’allenatore Walter Smith, che aveva lanciato Gattuso subito titolare e che aveva un legame molto stretto con il giocatore italiano, con Dick Advocaat che decide di utilizzare il centrocampista in posizione di difensore. I dissidi con il neo tecnico sulla posizione in campo portano Gattuso a lasciare i Rangers e a tornare in Italia dove si accasa alla Salernitana nella quale disputa 25 partite in serie A senza tuttavia riuscire ad evitare la retrocessione della squadra campana nella serie cadetta.  Nel 1999 passa quindi al Milan dove diventa subito il beniamino dei tifosi e dove rimane per 13 anni collezionando 468 presenze e 11 reti tra campionato, coppe nazionali, coppe continentali e altre competizioni ufficiali. Nel suo palmares figurano 2 scudetti, 1 Coppa Italia, 2 Supercoppe italiane, 2 Champions League, 2 Supercoppe europee e 1 Coppa del Mondo per club, tutti vinti militando nella squadra rossonera. Con le varie nazionali vanta 14 presenze e 3 reti con l’Under 18, 21 presenze e 1 rete con l’Under 21, con la quale si aggiudica il campionato d’Europa nel 2000, e 73 presenze e 1 rete con la Nazionale maggiore con la quale gioca dal 2000 al 2010 diventando Campione del Mondo nel 2006.

GLI OBIETTIVI DELLA NUOVA AVVENTURA – Una nuova sfida attende quindi uno dei giocatori più apprezzati dai tifosi e dagli appassionati di calcio, non solo quelli di fede milanista. La società rossonera avrebbe voluto confermare Gattuso ma il centrocampista ha declinato l’offerta di Adriano Galliani intravvedendo la possibilità di non ricoprire un ruolo centrale nel progetto tecnico rossonero per la prossima stagione. L’ex giocatore della Nazionale ha preferito cimentarsi in un campionato di livello inferiore pur di continuare ad avere un ruolo da protagonista, come è tipico della mentalità di un giocatore che ha fatto della grinta, dell’impegno e della personalità i tratti distintivi di una luminosa carriera agonistica. L’obiettivo di Ringhio è quello di trionfare anche nel campionato svizzero consentendo alla sua nuova squadra di aggiudicarsi lo scudetto per poter quindi nuovamente partecipare alla Champions League, competizione che a Gattuso manca in maniera particolare. Un trasferimento dettato quindi dall’aspetto tecnico e non da quello economico tanto che l’ex centrocampista rossonero ha rifiutato offerte più ricche di quella del Sion, una scelta questa che rende ancora una volta di più onore e merito a un grande esponente del calcio italiano degli ultimi anni.

a cura di Mauro Leone

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *