Alex Rivolta
No Comments

Giro d’Italia, 13a tappa: Canola beffa il gruppo e Bouhanni. Domani le montagne

Il Vicentino trionfa dopo aver preso parte a una fuga partita al primo chilometro.

Giro d’Italia, 13a tappa: Canola beffa il gruppo e Bouhanni. Domani le montagne
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Marco Canola vince la 13esima tappa del Giro

Marco Canola vince la 13esima tappa del Giro

Nella tredicesima tappa del Giro d’Italia a trionfare è il passista vicentino Marco Canola della Bardiani Valvole, che approfitta delle tensioni all’interno del gruppo dei velocisti.

FUGA IMMEDIATA – Doveva essere l’ultimo arrivo in volata prima delle grandi montagne che faranno da padrone nel weekend della corsa rosa e, invece, è stata la tappa dei fuggitivi questa Fossano-Rivarolo Canavese di 158 chilometri. Immediatamente dopo il via si è staccato un drappello di 6 uomini i quali hanno subito aumentato l’andatura, distanziando il gruppo composto dalla maglia rosa e dal favoritissimo Nacer Bouhanni.

FATTORE CLIMATICO – Una delle principali preoccupazioni era quella legata al maltempo che ha colpito la corsa nei giorni precedenti a questo, causando più di una caduta: la pioggia era prevista anche per oggi, ma i ciclisti verso il finale si sono imbattuti in un tratto di strada innevato e pericolosissimo. Ed infatti cosi è stato visto che i ciclisti hanno dovuto pedalare per alcuni tratti di strada sotto un forte temporale e sotto la grandine che fortunatamente non ha causato danni. Le condizioni avverse però hanno favorito i fuggitivi che ne hanno approfittato per mettere oltre tre minuti tra loro e il gruppo, anche dopo aver superato il GDM della Salita di Rivara vinto da Canola che ha preceduto il colombiano Rodriguez e il francese Tulik della Europcar.

TENSIONE NEL GRUPPO – Più passavano i chilometri più aumentavano le possibilità dei fuggitivi di arrivare in fondo da soli visto che all’interno del gruppo non si trovava una linea comune sul chi dovesse tirare l’inseguimento. A 22 chilometri dall’arrivo i corridori sono transitati sotto la linea del traguardo che dava il via al circuito finale con ancora 2 minuti di vantaggio da parte dei battistrada guidati da Canola. A quel punto è stato Bouhanni a chiedere esplicitamente ai suoi compagni di squadra della FDJ di risalire il gruppo per provare a ricucire lo strappo e giocarsi la vittoria di tappa.

IL FINALE – Il ritmo imposto dal gruppo però non è stato sufficente poichè i fuggitivi, anche galvanizzati dalle notizie sul loro vantaggio, hanno continuato a tener un grande passo che ha permesso a Canola, Rodriguez e Tulik di giocarsi l’arrivo in solitaria nel quale l’italiano è stato il più abile a tagliare il traguardo per primo regalandosi la sua seconda vittoria da professionista. Bouhanni è arrivato quarto vincendo la volata del gruppo “big” e guadagnando punti utili per mantenere la maglia rossa di leader della classifica a punti.

Tutto invariato invece per quanto riguarda la classifica generale che vede sempre al comando Rigoberto Uran che nella giornata di ieri ha scavalcato, con un’eccellente crono, l’australiano Cadel Evans. Appuntamento a domani, appuntamento con le montagne.

 Alex Rivolta

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *