Enrico Steidler
No Comments

Brasile 2014, fango e sangue sotto una patina d’oro

Dai disordini di piazza ai morti nei cantieri passando per i palloni cuciti a mano in Pakistan da donne e bambini. Il mondo mette in vetrina i gioielli, ma nel retrobottega sgobbano (e muoiono) gli schiavi

Brasile 2014, fango e sangue sotto una patina d’oro
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Niente di nuovo sotto il sole. Che sia quello soffocante delle latitudini brasiliane o quello micidiale del Qatar, dove si disputeranno i mondiali del 2022 (“Sai, ognuno fa degli errori nella vita Blatter dixit), la regola del business è sempre la stessa: per produrre un quintale d’oro sono necessari miliardi di ettolitri di sudore e di sangue, e mentre il fatturato se lo spartiscono i soliti noti – dagli organizzatori ai burosauri della Fifa, dai politici alle osannate primedonne della pelota – i liquidi organici ce li mettono i poveracci. Qualche monetina, e affare fatto. E’ sempre stato così, e quando il teatro della rutilante manifestazione è un Paese non del tutto allineato agli standard di benessere (immacolato?), controllo sociale e legalità propri del mondo occidentale, il problema assume inevitabilmente i contorni del dramma.

Joseph Blatter, presidente della Fifa dall'8 giugno 1998

Joseph Blatter, presidente della Fifa dall’8 giugno 1998

LA BANALITA’ DEL BUSINESS“Routine, cose che possono accadere. Tenetevi forte: questo commento a riguardo della nona vittima nei cantieri degli stadi brasiliani (un operaio morto folgorato mentre stava lavorando all’impianto elettrico dell’Arena Parental di Cuiabà) non è firmato, come potrebbe sembrare a prima vista – da Joseph Blatter (“Il calcio è più importante dell’insoddisfazione delle persone” disse l’anno scorso il prode numero uno della Fifa mentre la vetrina della Confederations Cup era “oscurata” dagli scontri fra manifestanti e polizia) ma da quel mito dello sport che si chiama Pelè. E mentre la corruzione dilaga e l’impianto di Brasilia – l’Estadio Nacional“è l’unico (su 12, ndr) che funziona davvero”, come riconosce mestamente la stampa brasiliana, il Paese sudamericano deve ora fare i conti con un disavanzo da capogiro – si parla di 11,7 miliardi di dollari già sottratti al finanziamento pubblico e privato – e con la protesta che sale da strati sempre più vasti della popolazione, cui “nel 2007 fu promesso il vino – ecco l’efficace sintesi di Fernando Ferreira, noto esperto di marketing sportivo – e oggi si ritrova con l’acqua”. Per non parlare, poi, delle infrastrutture (trasporti, parcheggi, ecc.), messe ancor peggio degli stadi, e di quelle altre cosucce di routine come lo sfollamento forzato di 80 mila persone dai sobborghi (Metro Mangueira e Vila Harmonia a Rio de Janeiro, ad esempio) troppo vicini agli stadi e quindi demoliti di gran carriera per fare spazio a hospitality e sponsor vari.

Bambina pakistana cuce a mano un pallone. Compenso medio per ogni pallone: 25 centesimi di dollaro

Bambina pakistana cuce a mano un pallone. Compenso medio per ogni pallone: 25 centesimi di dollaro

PER UN PUGNO DI RUPIE – E se ieri sera a Belem la folla inferocita ha preso d’assalto il luogo dove è custodita la Coppa del Mondo (che sta facendo il giro del Brasile) costringendo gli organizzatori ad annullarne la prevista “ostensione”, nel lontano Pakistan milioni di donne e bambini si ammazzano di fatica dall’alba al tramonto per cucire a mano i “Brazuca” (i palloni ufficiali del torneo) richiesti dagli organizzatori e dal famelico mercato internazionale. Tutto normale, cose che possono accadere. Già, così come può accadere che il Qatar – 45° all’ombra in estate – riesca ad assicurarsi il mondiale del 2022 grazie all’ “amicizia” di Paesi come Francia e Germania, e che l’allestimento del “circo” (come lo definisce Romario) sia reso possibile da un esercito di operai-schiavi – per lo più provenienti dal Nepal – che lavorano in condizioni a dir poco disumane e che spesso ci lasciano la pelle per puro e semplice sfinimento. Secondo il rapporto della Confederazione sindacale internazionale (CSI), i morti, ad oggi, sono già oltre 400: una vera e propria strage, insomma, una spaventosa carneficina consumata sull’altare del sanguinario dio profitto.

D’altra parte, che volete farci? “Ognuno fa degli errori nella vita”.

Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *