Redazione
1 Comment

Serie A, Top 11: i migliori della stagione 2013/2014

Conclusosi il campionato di Serie A vi diamo appuntamento al prossimo anno. Vi proponiamo il nostro Top Team dei migliori della stagione

Serie A, Top 11: i migliori della stagione 2013/2014
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Domenica è terminata la stagione 2013/2014 del campionato di Serie A e per le società italiane è tempo di bilanci. La Juventus rompe la barriera dei 100 punti e conquista il titolo, la Roma ritorna ad assaporare l’aria di Europa. Il Catania, il Bologna ed il Livorno retrocedono in Serie B. Il tutto aspettando la prossima stagione. Ma per quanto riguarda l’ultima svoltasi: quali sono stati i migliori del nostro campionato?

Formazione (3-4-3)

De Sanctis-Roma-SportCafe24

Morgan De Sanctis, miglior portiere di questa stagione in Serie A

MORGAN DE SANCTIS: dopo gli anni passati a Napoli, il portiere abruzzese, ha deciso di cambiare aria ed andare in quel di Roma. Stagione straordinaria la sua, supportata anche da un’ottima difesa, che lo ha visto inbattuto in campionato per ben 21 partite. La società giallorossa era alla ricerca di un traghettatore tra i pali e lui ha dimostrato di potersi meritare la fiducia sia dei tifosi sia quella dei suoi compagni.  Per questo noi lo scegliamo come miglior portiere della top 11.

GIORGIO CHIELLINI: ennesima stagione giocata ad altissimi livelli quella di Chiellini. E’ l’unico difensore che Conte non vorrebbe mai togliere dal rettangolo di gioco. La sua indole di capo-squadra da fiducia anche ai suoi compagni di reparto rendendo la divesa bianconera una delle piu forti a livello mondiale.

MEHDI BENATIA: Il ds Sabatini ha puntato fortemente su di lui e vedendolo in campo gli diamo piena regione. Un “colosso” il marocchino sia in difesa che dentro l’area avversaria: 5 le reti segnate quest’anno diventando di diritto il difensore più prolifico dei giallorossi. Proprio per questo le voci di mercato che lo riguardano non vengono a mancare.

ANDREA BARZAGLI: immancabile la sua presenza in campo. Con Chiellini e Bonucci, oltre che nella nazionale, sta facendo le fortune della Juventus. Non segna molto ma la sua prestanza fisica lo rende uno dei più importanti difensori in circolazione. Dopo il Palermo e l’esperienza tedesca al Wolfsburg, dove si diploma campione della Bundesliga, arriva a Torino ed arriva anche la sua definitiva concretizzazione sia a livello di club sia a livello di nazionale. Da non dimenticare che stiamo parlando di un campione del Mondo.

JUAN CUADRADO: questa passata è stata di sicuro la sua miglior stagione. Ora sta ad Udinese e Fiorentina mettersi d’accordo su cosa fare con il ragazzo. Giuseppe Rossi si è complimentato con liu più e più volte nell’arco del campionato e lui ha risposto segnando 11 reti. Lo vedremo sicuramente al mondiale con la maglia della Colombia.

ANDREA PIRLO: 4 scudetti negli ultimi 4 anni, 3 proprio con la Juventus. Allegri decise di sbarazzarsi di lui credendo in una sua fine calcistica, la famiglia Agnelli ci ha scommesso e lui ha risposto a suo di gol e di giocate meravigliose. Il Real Madrid, e tante altre squadre, sono su di lui ma la società bianconera lo ha blindato con il rinnovo del contratto. Anche lui sarà un perno fisso di Prandelli al mondiale.

PAUL POGBA: è solo del ’93 ed ha già dimostrato il suo valore. Dopo aver litigato con Ferguson, Marotta è stato bravissimo a portarlo a Torino a parametro zero. Quest’anno è riuscito a ritagliarsi uno spazio nel centrocampo juventino segnando 7 gol così facendo ha attirato su di se gli occhi dei più grandi club europei: il Psg offre 70 milioni di euro per il suo cartellino. Da non dimenticare che parteciperà anche lui ai mondiali con la sua Francia.

MIRALEM PJANIC: in estate sembrava dovesse partire ma l’arrivo di Garcia ha bloccato tutte le trattative. Per il francese Pjanic sarebbe stato fondamentale per i suoi schemi e così è stato. ha segnato e creato occasioni da gol per i compagni tanto da attirare gli occhi dei grandi club del mondo. La Roma lo ha blindato con il rinnovo ma chissà cosa ci regalerà il calciomercato.

ANTONIO CANDREVA: ormai pupillo dei tifosi biancocelesti. In tutte le partite sembra essere l’unico dei capitolini a crederci fino alla fine: qualità che è piaciuta molto a mister Prandelli tanto da convocarlo per i mondiali. Una stagione svoltasi in una cornice altro che felice: l’addio di Petkovic, l’addio di Hernanes ma soprattutto l’assenza dei tifosi allo stadio per le polemiche contro Claudio Lotito. Speriamo che almeno al mondiale riesca a respirare un’aria diversa.

ALESSIO CERCI: stagione perfetta la sua con il Torino. Insieme ad Immobile si sono guadagnati una maglia per il mondiale. 13 le sue reti in stagione che sarebbero potute aumentare con il rigore sbagliato a Firenze contro la Fiorentina, errore che ha fatto sfumare i sogni di Europa League ai granata. Speriamo che possa superare questo momento per affrontare il mondiale nel migliore dei modi.

CIRO IMMOBILE: dopo la stagione in Serie B con il Pescara sembrava essere scomparso. il Torino e Ventura hanno puntato su di lui e lui ha risposto nel migliore dei modi: 22 reti e titolo di capocannoniere del campionato. il Borussia Dortmund è sulle sue traccie. Chissa cosa potrà regalarci al mondiale sta di fatto che il suo cartellino può solo salire di valore rendendolo una “gallina dalle uova d’oro”.

Alessandro Fulgenzi

Share Button

One Response to Serie A, Top 11: i migliori della stagione 2013/2014

  1. Lucia 21 maggio 2014 at 12:41

    Se consideriamo Immobile e Cerci come i due migliori attaccanti siamo proprio messi male. Immobile si fa espellere nella partita decisiva dove in undici contro dieci gli bastava fare un gol e non una simulazione e dato come ha fallosamente fatto il gol del 1 a 0 avrebbe anche benissimo potuto fare il gol del 2 a 0. Tanto se butti giu fallosamente Paletta e vai a segnare e nessuno fischia niente avresti potuto anche fare il secondo gol con un uomo in più invece si fa esplellere bravi complimenti. Il secondo Cerci se lo consideri il migliore attaccante dopo Immobile. Uno che sbaglia un rigore ha detta di Sky inesistente in quanto Roncaglia si sposta e Barreto simula siamo proprio messi male. Ti regalano un calcio di rigore inesistente e ti dicono prego vai in Europa e tu che fai lo sbagli. Se sei il secondo miglior attaccante che Dio ci aiuti ai mondiali e speriamo di non doverci mai andare ai rigori visto come e bravo Cerci. Complimenti a chi ha stimato sta lista. Si vede che di calcio se ne intende proprio Complimenti Bravissimi. PS anche per me Immobile e Cerci sono due grandi. Infatti Salta con me Ciro Immobile. Grazie di averti fatto espellere. E soprattutto salta con me Alessio Cerci e grazie a te a Rosati Grandissimo davvero e a Amauri. Che siamo in Europa League. Che dire l’anno prossimo Immobile e Cerci continuate così saltate con per noi che siamo in Europa League grazie a voi. Forza Parma. Toro tavolino.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *