Orazio Rotunno
No Comments

Inter, 15 anni dopo: chi sarà il nuovo capitano post Zanetti?

Dopo 15 anni l'Inter deve porsi questa domanda: decisione difficile, che dopo la leggenda n.4 va ben oltre il semplice gesto simbolico

Inter, 15 anni dopo: chi sarà il nuovo capitano post Zanetti?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Le ultime bandiere del calcio

Quattro grandi capitani

Spesso una scelta banale, simbolica o niente più che un nome da mettere sul referto. Ma questa volta no, perchè se quel numero 4 scolpito nella leggenda può e deve essere ritirato, qualcuno la fascia al braccio dovrà portarla: e chi, dopo 15 anni di Javier Zanetti, non è stato ancora stabilito. Il rischio di sbagliare è alto, di critiche ce ne saranno comunque, la scelta migliore potrebbe essere quella di affidare allo spogliatoio la decisione, a meno di interventi dall’alto o di un chiaro imput da parte di Walter Mazzarri. Comunque vada, sarà un peso che andrà ben oltre quello di un pezzo di stoffa avvolto attorno alla maglia neroazzurra.

ANZIANITA’ O CARISMA: QUALE CRITERIO SCEGLIERE – Sciogliamo subito il mistero, dovesse contare come di consueto l’anzianità, la fascia da capitano spetterebbe a Ranocchia, onere già rivestito occasionalmente in questa stagione. Persino Nagatomo ha avuto la possibilità di ereditare da Zanetti, Cambiasso, Samuel e Milito l’ambita fascia. Il problema principale riguarda la titolarità: se per il giapponese, anche in vista della prossima stagione, questa non dovrebbe essere in dubbio discorso differente per Ranocchia. L’ottimo finale di stagione sembra aver spazzato via i dubbi circa il suo rinnovo, che dovrebbe arrivare come confermato dal Ds Ausilio. Ma la concorrenza di Vidic, Rolando, Campagnaro e Juan Jesus è forte e non ne garantirà il posto fisso, condizione quasi necessaria per vestire la fascia. Ecco dunque che, dopo Ranocchia, il favorito n.1 può diventare Rodrigo Palacio: per lui 37 presenze stagionali, solo una saltata per squalifica (l’ultima) ed un contributo alla squadra straordinario, non solo in termini di gol ed assist quanto anche e soprattutto sul piano della disponibilità, sacrificio e dedizione alla squadra. Aspetti fondamentali per ricoprire il ruolo di leader, silenzioso come Zanetti, ma ugualmente apprezzato e stimato da spogliatoio e tifosi. Ha già ricoperto tale onere con Boca Juniors e Genoa, ha tutte le credenziali per farlo anche all’Inter. Un papabile potrebbe essere quello di Handanovic, prossimo alla terza stagione in neroazzurro, giocatore dalla grande personalità seppur privo di esperienza internazionale e con la fascia al braccio. Idea intrigante sarebbe quella di Kovacic, il futuro dell’Inter è nelle sue mani, il ragazzo è un predestinato e sarebbe una fascia di capitano simbolica a voler sancire un netto cambio di rotta col passato e la fiducia verso le innate qualità del ragazzo. Da escludere una candidatura di Hernanes, che non ha entusiasmato nei primi mesi da interista ma è quello che più avrebbe carisma e caratura internazionale rispetto a quasi tutti i compagni di squadra.

E arriviamo all’ultimo nome, per presenze (zero) in maglia neroazzura, ma non per probabilità di divenirne capitano: Nemanja Vidic. E’di gran lunga l’uomo di maggior esperienza, personalità e qualità caratteriali per ricoprire il ruolo di leader della nuova Inter. Una scelta azzardata, ma che vista la mancanza di valide alternative rischia di prendere corpo trovando non pochi consensi: di certo, lui non si tirerebbe indietro.

Orazio Rotunno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *