Dario Fratoni
No Comments

Uefa, il conto è salato: multate Manchester City e Psg

Confermata la maxi-sanzione per i campioni di Inghilterra e di Francia, avranno campo ridotto sul mercato e in Champions League

Uefa, il conto è salato: multate Manchester City e Psg
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Mancava solo l’ufficialità, ora si ha la certezza riguardo la pesante multa inflitta ai due club. I due paperoni europei dovranno rivedere i piani per quanto riguarda il mercato di questa estate, ridotta anche la lista per la partecipazione in Champions League che scende dai 25 ai 21 elementi tesserabili. La multa prevista è di 60 milioni, anche se 40 saranno con la “condizionale”, ovvero saranno restituiti se le società rispetteranno le misure finanziarie concordate con la Uefa. I club sanzionati inoltre non potranno aumentare il monte ingaggi. Multate anche altre sette squadre.

QUI MANCHESTER – Il club allenato da Pellegrini, fresco vincitore della Premier League, ha annunciato che non farà ricorso ma anzi, attraverso una nota del club sul sito ufficiale, ha confermato di essere in continuo “contatto” con il più alto organo calcistico europeo. Il City (oltre ad dover pagare la multa di 60 milioni) potrà spendere, al netto delle cessioni, “solo” 60 milioni e dovrà diminuire sensibilmente il monte ingaggi.

QUI PARIGI – Il club presieduto dallo sceicco Al-Khelaifi dovrà invece impegnarsi a ridurre lo sforamento dei parametri imposti dal Fair Play Finanziario da 60 a 30 milioni. Provvedimento che si somma alla multa dei 60 milioni e alla riduzione della lista Uefa.

GLI ALTRI PUNITI – Oltre le due big, sono state punite altre sette squadra:  Zenit, Russia (12 milioni di multa e riduzione lista Uefa da 25 a 22 giocatori), RubinKazan, Russia (6 milioni di multa e riduzione lista Uefa da 25 a 21 giocatori), Anzhi, Russia (2 milioni di multa e riduzione lista Uefa da 25 a 21 giocatori), Bursaspor, Turchia (200 mila euro di multa), Galatasaray, Turchia (200 mila euro di multa), Trabzonspor, Turchia (200 mila euro di multa), Levski Sofia, Bulgaria (200 mila euro di multa).

L’ACCORDO – Le nove squadre hanno raggiunto un accordo per cui si impegnano a raggiungere il pareggio di bilancio, anche se con un sensibile ritardo. Ognuno di questi club però sarà monitorato e nel caso in cui non rispetteranno gli accordi pattuiti saranno segnalati alla Camera Aggiudicativa dell’Organo di controllo finanziario, secondo quanto scritto nell’articolo 15. Nonostante non ci siano stati esclusioni dalle manifestazioni europee, la Uefa ha monitorato un totale di 237 club di cui 76 sono finite sotto speciale osservazione: che sia una svolta verso un calcio più sentimentale e  meritocratico?

Dario Fratoni  (@DarioFratoni)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *