Luca Parenti
No Comments

Giro d’Italia 2014, ottava tappa: arrivano le salite

Questa è la prima delle due tappe del Giro (decisamente troppo poche) dedicate a Marco Pantani, dove si affronterà il Cippo di Carpegna.

Giro d’Italia 2014, ottava tappa: arrivano le salite
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Michael Matthews in Maglia Rosa

Giro: ultimo giorno in rosa per Matthews?

Il Giro d’Italia 2014 inizia oggi. Non che le precedenti tappe non fossero importanti, ma nella frazione odierna si vedrà ufficialmente chi ha la gamba per competere alla vittoria finale e chi dovrà “accontentarsi” di essere di passaggio quest’anno alla corsa rosa.

FOLIGNO – MONTECOPIOLO: 179 KM – Dalla partenza nella città umbra di Foligno fino al traguardo volante di Urbania posto dopo 105 km circa la situazione sarà davvero tranquilla, ci sarà sicuramente una fuga in atto in questi chilometri, ma bisognerà vedere quanto vantaggio avranno dal gruppo Maglia Rosa se vorranno competere per la vittoria finale; tutto perché negli ultimi 36 km ci sono salite che fanno mancare il fiato. La prima posta a 143.4 km dalla partenza, si chiama Cippo di Carpegna, Gran Premio della Montagna di 1° categoria, e per gli appassionati di ciclismo non può che far ricordare solo una persona: Marco Pantani, il quale usava questa salita nei suoi periodici allenamenti; questa ascesa è lunga 6 km ma ha una pendenza media di circa il 10% e una massima del 14 e si arriverà a 1358 metri di altezza. Dopo una discesa molto tecnica e pericolosa, visto la carreggiata molto stretta,  i corridori torneranno a risalire verso la seconda cima di giornata: Villaggio del Lago, un po’ meno faticosa della prima infatti è un Gran Premio della Montagna di 2° categoria, lunga 9.3 km ma con pendenze medie intorno al 6.2% e massime che si aggirano intorno all’11 e si arriverà a toccare quota 1000 metri di altitudine. Per concludere questo tappone appenninico ai -6 dall’arrivo inizia l’ultima salita di giornata l’Eremo della Madonna del Faggio (arrivo inedito al Giro d’Italia) 6 km di salita molto irregolare infatti si alterneranno tratti di ascesa molto duri a tratti più dolci e anche in leggera contropendenza, ma a poche centinaia di metri c’è il tratto più faticoso che tocca il 13% di pendenza.

L’orario di partenza è previsto per le 12.15 mentre l’arrivo in cima è stato calcolato intorno alle 17.00 – 17.30

Dunque primo arrivo in salita in questo Giro d’Italia 2014. Visto i precedenti nella corsa rosa, non dovrebbe succedere neanche qua qualcosa di clamoroso, di sicuro si rivoluzionerà totalmente la classifica generale per la Maglia Rosa, ma non dovremmo assistere a colpi di scena inaspettati.

I FAVORITI – Visto il ritiro di Purito Rodriguez, ora l’uomo da battere è Nairo Quintana, e considerata l’altimetria della tappa, tutto gioca a suo favore. Dipende tutto da lui se vorrà mettere subito le cose in chiaro o far “divertire” fino alla fine tutti i suoi avversari. Cunego, Pozzovivo e Ivan Basso sono gli italiani che devono cercare di perdere meno tempo possibile, mentre Cadel Evans e Rigoberto Uran dovranno cercare sin da subito a staccare il colombiano.

Luca Parenti

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *