Raffaele Caiffa
No Comments

Playoff Nba: Miami rimonta di cuore e di difesa, 96-94 e serie chiusa | Highlights

Miami vince gara 5 e si porta per la quarta volta in finale di Conference. Johnson trascinatore dei Nets, ma la difesa di LeBron ha la meglio nel finale

Playoff Nba: Miami rimonta di cuore e di difesa, 96-94 e serie chiusa | Highlights
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Gara 5 per Miami e Brooklyn sul tramonto di  Sout Beach.

Miami Heat – Brooklyn Nets 96-94 (Serie chiusa sul 4-1)

Gli Heat partono male con 1/6 dal campo subendo l’aggressività dei Nets che realizzano 6 tiri su 7  trascinati in avvio da un grandissimo Pierce. Wade e James partono lenti, così come il giropalla di Miami. Il primo parziale è caratterizzato da molti errori e palle perse da entrambe le squadre. Wade si attiva e permette il sorpasso 14-13 ma Pierce risponde a tono, si preannuncia una gara di carattere difensivo. James dopo i primi 10 minuti di sonnolenza colpisce con un’incursione centrale che frutta il gioco da 3 punti. Allen sbaglia la tripla ma trova poi il canestro del 19-17, James ha ancora la meglio su tutti sotto canestro. Anderson nel tentativo di fermare Allen allo scadere, sbatte conto il giudice di gara e l’avversario facendo strike: 2 liberi per “He got game” che non sbaglia dalla lunetta.

Si riparte dal 23-22 del primo quarto e Allen è ancora protagonista a canestro. Teletovic risponde a 2 grandi giocate di Wade, Andersen prova a mettere la manona sul morbido appoggio di Anderson ma la palla era già in parabola discendente, Allen e Cole non si capiscono ostacolandosi a vinenda e gli Heat perdono il possesso trovandosi sotto 27-30. Neanche a dirlo ed in mancanza di Lebron (in panchina), viene in aiuto della squadra il numero 3 di Miami inventandosi prima un canestro in caduta libera, poi un tiro in allontanamento in faccia a Livingston: Heat incollati ai Nets. Da qui in poi inizia lo show di J.Johnson che trova la tripla del +8 e corregge sul ferro allo scadere della seconda sirena: per Johnson 12 punti e zero errori nel seocndo parziale che si chiude 75-66.

Spoelstra decide di mettere James in marcatura su Johnson ma neanche il numero 6 di Miami riesce a fermare il 7 dei Nets che segna da qualunque posizione. Alla fine del terzo periodo le squadre aumentano la concentrazione trovano entrambe il 61% dal campo ma gli Heat non riecono ancora a trovare la rimonta finendo a -9.

Nel quarto periodo si sveglia King LeBron che sa di dover alzare il suo livello di gioco e allora detto fatto: imbeccata di Wade per James e tripla del 72-75. Ad ogni canestro di Miami risponde Johnson, vero trascinatore di Brooklyn che continua a comandare con +8 a meno di 3 minuti dalla sirena, ma ancora un favoloso Wade dopo una percussione centrale trova un assist eccezionale per la tripla dall’angolo di James: è 86-91. Wade colpisce ancora, stavolta in veste di realizzatore, ha la meglio sull’ormai sfinita difesa dei Nets per il -3. La difesa di Miami cresce in maniera decisiva e a 36 secondi dalla quarta sirena Allen trova la tripla del 93-91 dall’arco: rimonta completata dopo una gara di sofferenza. Bosh va a rimbalzo in difesa chiamando il time out, ora Miami conduce 95-91 ma Johnson non si arrende e centra la tripla dall’angolo. Fallo su Lebron a 9,5 secondi dal termine, James sbaglia il primo libero e il punteggio va sul 96-94 con l’ultimo possesso per i Nets. La rimessa è disegnata per liberare Johnson in area ma lo straordinario lavoro difensivo d’esperienza di Allen e James porta alla palla persa per Brooklyn con la sirena che fa esplodere l’entusiasmo dell’America Airlines Arena.

Miami vince la serie 4-1 nonostante una fenomenale prestazione di Johnson che ne mette 34. Heat in finale di Conference per la quarta volta consecutiva.

MIAMI: James 29, Wade 28, Bosh 16, Allen 13, Lewis 5, Jones 3, Chalmers 2.

BROOKLYN: Johnson 34, Pierce 19, Williams 17, Livingston 8, Teletovic 6, Kirilenko 4, Thornton 2, Garnett 2, Anderson 2.

[youtube]http://youtu.be/bADMtELcOpA[/youtube]

PAGELLE MIAMI:

James (7): assopito nella prima metà di gara, si desta nella fase calda del match, in tempo per trovare i canestri decisivi per la rimonta, chiude con 29 punti e 6/14 dal campo. 15/17 dai tiri liberi ma quanto poteva pesare sul finale uno di questi 2 errori! A lui l’arduo compito di fermare Johnsn, risponde di carattere.

Wade (7,5): trascina i suoi quando James non c’è, serve 2 assist fe-no-me-na-li a James fondamentali per la rimonta finale. Imprescindibile.

Bosh (6,5): macchina da triple questa notte, per lui 4/6 e 6/11 totale dal campo, 16 punti ma forse la cosa più importante la fa andando sul rimbalzo in difesa allo scadere e chiamando il time out. Tattico

Allen (6.5): tanto lavoro per lui in questa serie e in gara 5. difende e agedisce il caenstro, male con le triple (1/7) ma l’unica bomba dall’arco e’ a dir poco decisiva per la vittoria degli Heat.

PAGELLE BROOKLYN:

Johnson (9); uomo del match, 34 punti che coronano una prestazione esaltante, peccato non servano ai suoi per la vittoria finale. Non può nulla sul raddoppio decisivo al termine del match, solo sull’isola.

Pierce (6,5); superlativo nel primo parziale, si perde con il passare del tempo, l’età e ritmi asfissianti di Miami probabilmente incidono sulla sua gara. Per lui comunque una prestazione: chiude con 19 punti e 8/18 dal campo con 2 triple su 5.

Williams (7); la sua gara migliore, per lui che è mancato in questa serie. 17 punti con 7/16 e 3/7 dal campo. Peccato si sia svegliato tardi nella serie.

Garnett (5); impalpabile in attacco, in difesa fa quel che può ma è sempre difficile giocare bene dietro quando si affronta Miami.

STELLE A CONFRONTO – Johnson una spanna sopra tutti oggi, spreca energie preziose in difesa, James invece ha energia da vendere. Wade batte Williams nel confronto a distanza, meglio il play di Miami per punti e visione di gioco. Bosh meglio di Garnett. Allen è decisivo al contrario di Teletovic che dopo una sola grande prestazione in gara 2 è scomparso dalla serie.

MVP SPORTCAFE24

 Raffaele Caiffa

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *