Matteo Masum
8 Comments

Chiellini ai Mondiali: la farsa del Codice Etico

Chiellini, Prandelli ed il Codice Etico. Una storia ridicola

Chiellini ai Mondiali: la farsa del Codice Etico
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Codice etico: giusto salvare Chiellini?

Codice etico: giusto salvare Chiellini?

Non ha mai convinto nessuno, diciamolo chiaramente. Alzi la mano chi davvero ha creduto che Prandelli applicasse il Codice Etico così come lo aveva prospettato. Si trattava di uno strumento per benpensanti, ma il calcio, si sa, è un’altra cosa. Accade quindi che Chiellini rifili una gomitata a Pjanic, senza motivo (sì, vabbè, blocco in stile basket), beccandosi tre turni di squalifica, e venga comunque chiamato a far parte della spedizione azzurra in Brasile. In barba al Codice Etico.

LA LEGGE (NON) E’ UGUALE PER TUTTI – Il Ct è uomo di parola. Negli ottavi di finale di Cha,pions League, stagione 2010-11, De Rossi colpì Srna con una gomitata, e Prandelli non lo convocò per le due successive gare di qualificazione agli europei. Più recentemente, Destro ha mollato un sinistro in faccia ad Astori, gesto che gli è costato la mancata chiamata per lo stage pre-mondiale. Come mai, dunque, Chiellini è stato graziato? Forse perchè è uno dei migliori centrali difensivi italiani, ed il ct non vuole privarsi di un giocatore del suo calibro in una competizione mondiale? Forse perchè gioca nella Juventus, squadra verso la quale Prandelli ha sempre mostrato un occhio di riguardo? Le possibili interpretazioni sono tante.

NON VIOLENTO –  Ma la verità, è un’altra. Chiellini non aveva intenzione di colpire Pjanic, ma solo di effettuare un blocco in stile basket (nel calcio?). Il suo gesto è da catalogare come non-violento, e dunque, per Prandelli, non meritevole di finire sotto l’egida del Codice Etico. Tutto chiaro, insomma. È un po’ come se Destro si fosse difeso sostenendo che il suo non fosse un pugno, ma uno schiaffetto in amicizia, oppure, un gancio stile boxe. Chiellini ed il ct hanno tutta l’intenzione, evidentemente, di prenderci per il naso, ritenendo che siamo tutti fessi. Qualcuno li avverta che non è così.

Sarebbe dunque ora di mandare in soffitta questo Codice Etico, onde evitare, nel futuro, di scadere nuovamente nel ridicolo. Di tutto ciò, ne abbiamo piene le scatole.

Matteo Masum

Share Button

8 Responses to Chiellini ai Mondiali: la farsa del Codice Etico

  1. Leonardo 14 maggio 2014 at 10:20

    Spero che l’Italia vinca i mondiali con una bella doppietta di chiellini in finale alla faccia di chi ha sempre qualcosa da dire, di chi non fa altro che dire male di tutti credendo di capirne di calcio e poi saltare sul carro dei vincitori….grande Matteo masum!!!

    Rispondi
    • Matteo Masum 15 maggio 2014 at 12:27

      Dubito che l’Italia arrivi in finale, e dubito ancor di più che possa vincere con una doppietta di Chiellini. In ogni caso, poichè la critica è legittima, non vedo per quale ragione non dovrei esultare (sul carro dei vincitori la vedo difficile, non sono mai salito nemmeno su un carro di carnevale). La informo che, oltre a dir male degli altri, svolgo anche altre attività. Chiellini e Prandelli non sono, nè saranno mai, al centro dei miei pensieri.
      Cordiali saluti

      Rispondi
  2. Jake 14 maggio 2014 at 12:27

    Analizziamo insieme che cavolate che scrivi nell’articolo, ti va?

    “Accade quindi che Chiellini rifili una gomitata a Pjanic, senza motivo (sì, vabbè, blocco in stile basket)”

    Tu l’hai vista l’azione, o hai visto solo il fermo immagine? Probabilmente ti sei fatto condizionare dalla stupida condanna del giudice sportivo, che evidentemente ci capisce poco anche lui. Si vede chiaramente Chiellini che spinge con il braccio sinistro Pjanic. La spinta è braccio contro braccio, ma ovviamente Pjanic non può stare lì venti minuti a giocare a chi spinge più forte e quindi alza il braccio per per superare il blocco di Chiellini. Il braccio sinistro del difensore della juve non trova più quindi l’ostacolo di quello del centrocampista della roma e finisce per colpire Pjanic in faccia con il gomito. Non era una gomitata ma una spinta, ma visto che le due braccia scivolano l’una sull’altra diventa una gomitata. Mi sta bene il fallo, mi sta bene che ci potesse stare l’ammonizione, ma dire che è un gesto volontariamente violento e fargli saltare 3 partite è troppo perché è chiaro che volesse essere soltanto una spinta.

    “Forse perchè è uno dei migliori centrali difensivi italiani, ed il ct non vuole privarsi di un giocatore del suo calibro in una competizione mondiale? Forse perchè gioca nella Juventus, squadra verso la quale Prandelli ha sempre mostrato un occhio di riguardo? ”

    Alcuni dei migliori giocatori italiani giocano nella juve, dove vuoi che li prenda? Inoltre chiellini è tra i migliori difensori, non solo in italia ma nel mondo. Ce ne sono di più forti probabilmente, ma lui è TRA i più forti. Che lo faccia per questo o perché ha visto quello che ho visto io (che è quello ch’è successo realmente) non lo so, ma non solo scrivere ma anche evidenziare la motivazione più stupida e fantasiosa è senz’altro riportare le notizie in maniera scorretta e con malizia. Sicuro di non avere qualcosa contro la juve? Sicuro di essere la persona più adatta a scrivere questo articolo?

    “ma solo di effettuare un blocco in stile basket (nel calcio?)”

    I blocchi stile basket sono frequentissimi nel calcio. Ci sono in ogni calcio piazzato e si fatto in moltissime azioni. Se sanzionassimo tutte i giocatori che li fanno le partite finirebbero nei primi 5 minuti, quando una squadra non ha più abbastanza giocatori in campo.

    “Chiellini ed il ct hanno tutta l’intenzione, evidentemente, di prenderci per il naso, ritenendo che siamo tutti fessi”

    Certi “giornalisti” hanno tutta l’intenzione, evidentemente, di prenderci per il naso, ritenendo che siamo tutti fessi.

    Rispondi
    • Matteo Masum 15 maggio 2014 at 12:20

      Tranquillo, non ho nessuna intenzione di prendervi per il naso. Anche perchè di professione non faccio il giornalista, ma lo studente di filosofia, per cui se ho sbagliato mia disanima, ciò non andrà a discapito della categoria. La sua ricostruzione, a mio modo di vedere, è opinabile, e credo lo sia anche per il giudice sportivo (sul quale concordo circa l’ incompetenza). Ad ogni modo, senz’altro Chiellini è uno dei migliori difensori italiani. Quello che critico, giustappunto, è l’applicazione del Codice Etico. È chiaro che non ci si può privare di uno dei giocatori migliori per un mondiale, per cui, visto che le regole devono essere uguali per tutti, perchè non mandare in soffitta questo codice?
      Infine sì, essendo tifoso della Roma, ho parecchio contro la Juventus. Forse non ero il più adatto a scrivere questo articolo, ed infatti può trovarne, nel sito, un altro sullo stesso argomento, scritto da un giornalista ben più competente di me.
      Cordiali saluti.

      Rispondi
  3. enzo 14 maggio 2014 at 14:10

    E’ la solita presa in giro di Prandelli, codice etico solo con chi dice lui. per i protetti non vale. Siamo ridicoli e Prandelli ne è il portabandiera. Spiace vedere certe cose. Rivedete tutti i falli di Chiellini negli ultimi anni e quante espulsioni ha avuto. Propongo di non seguire i mondiali. Enzo

    Rispondi
  4. gianni 14 maggio 2014 at 14:22

    Fessi non so se lo siate, in mala fede sicuramente e professionalmente degli zappaterra.

    Rispondi
    • Matteo Masum 15 maggio 2014 at 12:24

      Oh santo cielo. In mala fede sicuramente no, non ne avrei motivo. Mentre, come ho scritto rispondendo ad un altro commento, di professione non faccio il giornalista, per cui, se, nell’esercizio di questo ruolo che non mi compete, dovessi apparire come uno “zappaterra”, non me ne addurrei una colpa.
      Grazie per la gentilezza e l’educazione

      Rispondi
  5. antonio 14 maggio 2014 at 14:34

    perme prandelli e Inafidabile e pure bugiardo

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *