Luca Parenti
No Comments

Giro d’Italia 2014: presentazione della quarta tappa

Si torna finalmente nelle strade italiane, dopo tre giorni in Irlanda, dove il brutto tempo è stata l’insidia più grave dei corridori

Giro d’Italia 2014: presentazione della quarta tappa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Marcel Kittel

Marcel Kittel è l’uomo da battere anche oggi

Inizia il Giro d’Italia in Italia, e lo fa dalla Puglia, precisamente da Giovinazzo (esordio assoluto come città di tappa al Giro) e si conclude nel capoluogo di regione: Bari.

GIOVINAZZO – BARI: 112 KM – prima tappa tutta italiana di questo Giro d’Italia 2014, ma se in Irlanda abbiamo avuto solo un assaggio di qualche salita, in questa tappa non ci sarà nemmeno un Gran Premio della Montagna. Dopo il riposo di ieri i corridori quindi affronteranno questa frazione (la più corta di tutto il Giro) come una passeggiata cicloturistica. Il gruppo capitanato dalla Maglia Rosa Michael Matthews affronteranno 45.8 km di trasferimento per poi affrontare un circuito urbano (di 8.250 km) da affrontare per ben 8 volte consecutivamente, per un totale di 112 km complessivi. L’unica emozione che si potrà vivere oltre al gran finale, sarà il traguardo volante posto a Bari all’inizio del quinto giro, quando mancheranno circa 33 km all’arrivo. Il circuito però nei suoi 1.500 metri finali presenterà ben quattro curve a 90° e viste anche le previsioni non molto confortanti, i corridori dovranno stare molto attenti per evitare il peggio. Il rettilineo finale è anche in lieve ascesa e potrebbe “donarci” qualche sorpresa interessante sulla vittoria finale.
Tappa che si può definire “di passaggio” l’UCI ha concesso al Giro d’Italia un giorno in più di riposo (quello di ieri) ma l’organizzazione della corsa rosa ha praticamente concesso un ulteriore riposino a tutto il gruppo visto l’intravedersi di qualche montagna abbastanza impegnativa nei giorni seguenti.
L’orario di partenza è stato decretato per le 14.45 mentre il vincitore dovrebbe tagliare per primo il traguardo tra le 17.15 – 17.30.

I FAVORITI – Anche oggi, come in Irlanda l’uomo da battere sarà Marcel Kittel, e non cambiano nemmeno i suoi principali avversari: Bouhanni, Swift, Tyler Farrar, e anche la stessa Maglia Rosa. Un probabile vincitore italiano potrebbe essere: Nizzolo, Viviani o Appollonio.

Luca Parenti

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *