Jacopo Rosin
No Comments

Lega Pro, le prime sentenze dopo i quarti dei play off

Grande equilibrio negli incontri dei play off di Lega Pro. Ora è tempo di semifinali, sognando la Serie B che è sempre più vicina, ma non per tutti

Lega Pro, le prime sentenze dopo i quarti dei play off
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

In questo periodo della stagione per la Lega Pro è tempo di verdetti. Dopo la vittoria dei rispettivi campionati per la Virtus Entella nel Girone A in un bellissimo testa a testa fino all’ultima giornata con la Pro Vercelli, ed il ritorno del Perugia vittorioso nel Girone B davanti al Frosinone, a tenere alta l’asticella della competizione sono i play off che decideranno quali saranno le altre compagini a prendere l’ascensore per raggiungere il piano superiore che si chiama Serie B. La posta in palio è davvero molto alta per tanti calciatori che vedono nella possibile promozione la possibilità di cimentarsi in piazze di maggior prestigio, come ad esempio Siena e Brescia, tra le altre, o addirittura il sogno di solcare campi storici come il Dall’Ara di Bologna e sentire il calore del Massimino di Catania, squadre neo-retrocesse dalla Serie A. Quello che si ottiene dai play off sono sempre incontri dall’altissimo agonismo data la posta in palio, spesso molto equilibrati. La dimostrazione sono i Quarti di finale andati in scena ieri per il Girone A e B della Lega Pro. Come si poteva immaginare, l’equilibrio tra le squadre di testa durante la stagione regolare hanno dato esito ad incontri molto combattuti, 4 dei quali decisi solo dopo gli impietosi calci di rigore.

LOTTERIA NELLA LEGA PRO GIRONE A – La Pro Vercelli, reduce dalla lotta alla promozione diretta, sfuggita per un soffio, liquida la pratica Feralpisalò con un netto 3-0 al Piola, a dimostrazione che con un campionato ad alti livelli come quello giocato dalla squadra di Scazzola i play off stanno un po’ stretti. Doppietta del solito Ettore Marchi e rete di Rannellucci per il KO tecnico dei gardesani. Sugli altri campi invece regna l’equilibrio più totale. Infatti, tre dei match terminati dagli 11 metri sono proprio nel Girone A. Sul terreno del Menti di Vicenza arriva il Savona di Lopez. I liguri portano a casa la partita grazie alla parata di Aresti sull’ultimo rigore di Mustacchio, che fissa il risultato sul 4-3 dopo il pareggio con una rete a testa nei tempi regolamentari. Stesso risultato anche a Bolzano, dove il Sudtirol fa fuori il Como ai rigori in un match che era terminato a reti inviolate e con poche emozioni. A chiudere la pratica è l’errore dagli undici metri di Bencivenga che fa festeggiare gli altoatesini. Nell’ultimo quarto di finale va in scena una vera e propria battaglia tra la Cremonese e l’Albinoleffe. Allo Zini di Cremona avanti gli ospiti con Cissè, ma la reazione delle tigri grigiorosse non si fa attendere e arriva con la rete al 43′ di Bruccinie e con il vantaggio al 62′ firmato da Brighenti. Ai seriani di Gustinetti non basta il pareggio al 91′, ancora con lo scatenato Cissè, devono infatti piegare la testa dopo la lotteria infinita dei rigori. 8-7 il risultato finale e Cremonese avanti.

Fabrizio Miccoli

Fabrizio Miccoli con la maglia del Lecce in Lega Pro

I VERDETTI DELLA LEGA PRO GIRONE B – I secondi in classifica del Frosinone affrontano in casa un’ambiziosa Salernitana, fresca vincitrice della Coppa Italia di Lega Pro. Gregucci sogna di portare i campani ad una storica promozione, dopo ciò che di buono ha fatto nelle due stagioni precedenti Mister Perrone, che ha trascinato gli amaranto dalla Serie D alla Prima Divisione della Lega Pro. Il Frosinone però non è disposto a fare da vittima sacrificale e, seppur a fatica, passa con un secco 2-0, micidiale uno-due firmato dalle reti di Paganini al 35′ st e Carlini tre minuti più tardi che rimandano i sogni di gloria di Lotito e dei salernitani. Il Lecce intanto, con Miccoli in panchina, ha bisogno dei calci di rigore per passare alle semifinali; grazie al fatale errore dagli 11 metri di Pastore, a Via del Mare i salentini battono 8-7  un temerario Pontedera che era riuscito a bloccare il prolifico attacco leccese. Il colpaccio lo fa il Benevento, che elimina il Catanzaro andando a vincere 2-1 allo Stadio Ceravolo. Una vera e propria maledizione per i calabresi che vengono eliminati nei play off di Lega Pro per la settima volta su sette partecipazioni. I giallorossi campani passano in vantaggio al 15′ con Melara, ma l’ex di turno Germinale rimette in equilibrio l’incontro al 38′. Nella ripresa ecco il gol partita al 27′, con un bel tiro al volo di Padella che fa esplodere la gioia di Brini e di tutta la panchina. Vittoria corsara anche per il Pisa che batte 1-0 l’Aquila con la rete nel finale di Goldaniga che manda i toscani al prossimo turno.

Questo il tabellone delle semifinali play off di Lega Pro (andata e ritorno), dopo le sentenze dei quarti:

Lega Pro Prima Divisione Girone A

Cremonese-Sudtirol / Savona-Pro Vercelli

Lega Pro Prima divisione Girone B

Benevento-Lecce / Pisa-Frosinone

Jacopo Rosin (@JacopoRosin)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *