Kevin Brunetti
No Comments

Premier League, lotta per l’Europa: festa Everton, United escluso

Con la stagione di Premier League appena conclusasi andremo a parlare delle squadre qualificate all'Europa. La sorpresa è l'Everton, United grande esclusa

Premier League, lotta per l’Europa: festa Everton, United escluso
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Ultima giornata al cardiopalma per la Premier che a questi finali è ormai abitutata,  la vittoria del City 2-0 sul West Ham vanifica la rimonta del Liverpool sul Newcastle e consegna il titolo nuovamente nelle mani dei Citizens. Liverpool che non può fare a meno di pensare ai clamorosi tre punti buttati in casa del Crystal Palace ma che può comunque festeggiare il ritorno in Champions League.

La KOP, la caldissima tifoseria del Liverpool.

Il Liverpool torna in Champions League

CHAMPIONS – Oltre al già citato Manchester City che ormai è diventato un habituè della massima competizione europea, è importante fare un plauso speciale al Liverpool di Suarez, Sturridge e capitan Gerrard. Il Liverpool ha chiuso la stagione con 84 punti, due in meno dei Citizens ma è stato primo in classifica per quasi tutto l’arco della stagione, salvo poi farsi beffare dalla sconfitta di Stamford Bridge e dalla clamorosa rimonta del Crystal Palace. Tolto il rammarico per il titolo perso il Liverpool può e deve godersi questo secondo posto che vale finalmente il ritorno nella tanto ambita Champions League. A completare la griglia di Champions ci sono il Chelsea di Mourinho e l’Arsenal di Wenger, la prima con la vittoria sul Liverpool di qualche giornata fa aveva sperato nel titolo fino agli stop casalinghi con Norwich e Sunderland, i Gunners sono una delle squadre che hanno espresso il miglior calcio in questa stagione, ma forse hanno peccato di esperienza nei momenti cruciali.

EUROPA LEAGUE – Il quinto posto è occupato dalla grande sorpresa di questa stagione, l’Everton di Roberto Martinez ha mostrato a più riprese di meritare l’Europa e se l’è conquistata lasciandosi dietro squadroni come il Manchester United o il Tottenham. Everton che adesso è chiamato alla prova più difficili, trattenere i suoi gioielli per migliorare ancora, i vari Baines, Coleman, Barkley e Mirallas sono infatti cercati da molti club importanti. Oltre al futuro in dubbio dei nomi da noi citati però l’Everton perderà sicuramente la punta di diamante, Romelu Lukaku infatti finito il suo periodo di prestito tornerà al Chelsea che difficilmente rinnoverà il prestito. Il secondo posto per l’Europa ”minore” è occupato dal Tottenham di Sherwood, stagione fallimentare quella degli Spurs che erano chiamati a fare molto meglio del sesto posto conquistato. Dopo la dispendiosa campagna acquisti realizzata con i soldi della cessione di Bale al Real ci saremmo aspettati molto di più. Ma le brutte prestazioni di Soldado e di un mai pervenuto Lamela oltre ai problemi in panchina hanno portato a questa annata deludente che li vedrà però giocare l’Europa anche la prossima stagione.

Kevin Brunetti (@Kevinbrunetti)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *