Antonio Fioretto
No Comments

Giro d’Italia, le pagelle della terza tappa: bis di Kittel, immenso Tjallingii

Le pagelle dei protagonisti della terza tappa: Kittel e Tjallingii i migliori, delusione Bouhanni

Giro d’Italia, le pagelle della terza tappa: bis di Kittel, immenso Tjallingii
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
La fuga di Tjallingii, uno dei top assoluti di quest' inizio di Giro2014

La fuga di Tjallingii, uno dei top assoluti di quest’ inizio di Giro2014

La terza tappa della 97/ma edizione del Giro d’Italia, l’ultima in terra d’Irlanda, ha visto come vincitore ancora una volta Marcel Kittel (riassunto terza tappa). Il tedesco ha così bissato la vittoria ottenuta l’altroieri nella tappa numero due. Ecco le pagelle ai protagonisti della terza frazione, la Armagh-Dublino di 187 km.

I MIGLIORI 

Marcel Kittel (Team Giant-Shimano) : La domanda è d’obbligo: è lui il “Cavendish” di questo Giro? Presto per dirlo. Ma la doppietta messa a segno dal corridore tedesco da l’impressione di un fenomeno. Netto il trionfo nella seconda frazione, al fotofinish quello di ieri a Dublino. La sostanza non cambia: in volata, per ora, è il più forte.

Swift (Sky), Viviani (Cannondale) : Il primo per aver effettuato una volata praticamente perfetta, chiusa poi con l’amaro in bocca per la rimonta di speedy-Kittel. Il secondo, per essersi confermato il migliore dei “nostri” velocisti: quarto e terzo nelle due rispettive frazioni. E, a fine tappa, un plauso alla sua sportività: “Kittel è il più forte”

Tjallingii (Belkin) : Un aggettivo? Immenso. E’ il vincitore morale di questo inizio di Giro. Uno di quelli che incarnano lo spirito del ciclismo. Sacrificio, grinta, giù la testa e pedalare. In fuga ancora una volta, come nella seconda tappa, per più di 100 km. Ripreso, ancora una volta, ai -7 dall’arrivo. Ma poco importa. Ormai tutti fanno il tifo per lui. Per il più mediano del Giro 2014.

I PEGGIORI 

Nacer Bouhanni (FDJ) : La squadra arriva in netto ritardo nella corsa al piazzamento migliore, ma alla fine bene o malo lo mette li, nella scia dei migliori. Lui sbaglia tutto, si inceppa, qualcosa non va. E arriva solo sesto.

Tyler Farrar (Garmin) : Il “modello” del ciclismo (da anni volto di vari spot pubblicitari), stecca ancora e arriva solo decimo. Flop assoluto della due giorni per velocisiti.

Antonio Fioretto (@FiorettAntonio)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *