Redazione
No Comments

Serie A Beko: la Dinamo Sassari batte l’Enel e conquista il quarto posto

Caleb Green e Drake Diener trascinano la squadra di coach Sacchetti alla vittoria contro i pugliesi. Lunedì le due squadre si affronteranno nuovamente per i playoff

Serie A Beko: la Dinamo Sassari batte l’Enel e conquista il quarto posto
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Missione quarto posto compiuta per Sassari che vince nettamente su Brindisi 97-78 nell’ultima giornata di regular season. I ragazzi di Sacchetti, che dovevano vincere con uno scarto almeno di +9, mettono le mani sulla partita con un grande ultimo quarto in cui segnano 27 punti. Prestazioni scintillanti di Caleb Green e Drake Diener (per entrambi 26 di valutazione) che insieme al miglior Thomas della stagione sono stati fondamentali per la vittoria. Ora c’è la prima gara di playoff, proprio contro Brindisi lunedì prossimo.

PRIMO QUARTO – Sassari parte bene con un 6-0 firmato Omar Thomas (canestro più fallo e tripla). Un contropiede di James rompe il break per gli ospiti. Sassari smette di segnare e Brindisi si porta in vantaggio prima 5-6, poi 7-12 dopo un paio di palle perse che i padroni di casa pagano caro. L’eterno Vanuzzo entra dalla panchina e mette la tripla che avvicina i suoi sul 14-16. Ancora distrazioni in difesa e Brindisi allunga. Sacchetti cambia la regía con Green al posto di Travis Diener. James è una furia, inchioda due schiacciate sul povero Gordon che poi lo mette involontariamente ko con uno scontro sotto canestro. Il primo quarto finisce 18-24.

SECONDO QUARTO – Un gioco da tre punti di Gordon in avvio porta Sassari sul 21-26. Caleb Green si becca un tecnico che fa infuriare il pubblico di casa. Da lì in poi per la terna piovono fischi a ogni chiamata. Brindisi arriva al +10 ma Sassari cambia mentalità. Difesa intensa, velocità in attacco e il divario si riduce fino al 38-40 ancora a firma Omar Thomas. Il pareggio vien fuori da una bella azione corale che Sacchetti finalizza per il 40-40. Alla fine del tempo mancano 2′ ma c’è spazio per due liberi di Travis Diener e cinque punti in fila di Caleb Green che portano il punteggio sul 47-41 finale.

TERZO QUARTO – Al ritorno in campo Sassari piazza il 6-0 e scappa portandosi al +10 con Caleb Green, 53-43. Brindisi risponde con due triple in fila e va sul 55-48. Thomas tiene lontani gli avversari con un altro canestro dalla lunga distanza che sommato alla tripla di Drake a 3′ dalla fine del periodo, fa tornare Sassari al +10. Ancora l’americano protagonista del nuovo massimo vantaggio dei suoi a +13 (66-53). Brindisi tenta di rientrare con due liberi di Formenti e un canestro di forza di Todic da sotto. Il quarto si chiude sul 70-59.

ULTIMO QUARTO – Tripla di James alla prima azione, gli risponde Caleb Green, sempre da tre e siamo 73-65. Sassari segna in transizione e torna a +10. Thomas mette un altra tripla dopo un gran recupero di Gordon. È l’allungo letale per Brindisi che smette di giocare. Zerini esce per falli mentre Sassari dilaga. La potenza dei padroni di casa sta tutta nella forza con cui Caleb Green inchioda la schiacciata dell’83-65. Travis Diener fa il +20 quando alla fine del quarto mancano 5′. Bucchi ci prova con la zona. Todic mette due punti dopo tre minuti di nulla e schioda i suoi da quota 65. Thomas esce tra gli applausi. Drake fa 90 da tre. Si va per il 100 con la tripla di marques, sul 97-76 tutti in piedi per la sirena. Il punteggio finale è 97-78.

DICHIARAZIONI POST PARTITA“Siamo partiti contratto dopo il 6-0 iniziale – riflette Sacchetti in sala stampa – poi abbiamo subito un altro break da loro. Da lì in poi ce la siamo giocata avanti di 10, di 14 poi abbiamo trovato un break importante. Ora dimentichiamocela in fretta perchè tra otto giorni iniziano i playoff ed è un’altra storia”. Comuque soddisfatto coach Bucchi: “Abbiamo fatto 16′ intensi, poi siamo calati. Va dato merito e onore ai miei giocatori che fino a febbraio hanno giocato con altissima intensità e si sono guadadnati questi playoff”. “È stata una partita durissima contro una squadra molto fisica – è il commento di Omar Thomas – Siamo contenti di aver conquistato il fattore campo perchè ci permette di avere dieci giorni per rilassarci e di giocare davanti al nostro pubblico, dato che Brindisi è uno dei campi più caldi della Lega”.

Servizio a cura di Pietro Tola

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *