Manlio Mattaccini
No Comments

Bologna-Catania 1-2: battaglia inutile, entrambe scendono in B | Highlights

L'epilogo peggiore per entrambe: un Catania in 10 e con un super Frison espugna il Dall'Ara, ma le vittorie di Chievo e Sassuolo vanificano i novanta minuti di intensa battaglia

Bologna-Catania 1-2: battaglia inutile, entrambe scendono in B | Highlights
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il sentimento del tifoso, quello più puro, è messo ad una dura prova. Non è una finale di Champions, ma le coronarie del tifo presente al Dall’Ara, senza distinzione di squadra ( i colori sono gli stessi..) saranno messe a dura prova. Bologna e Catania sono arrivate al punto in cui nessuna voleva arrivare: ovvero, farsi fuori a vicenda e sperare. Mors tua, vita mea. Una gara senza appello, la penultima in calendario, che potrebbe far gioire parzialmente una delle due formazioni, o irrimediabilmente spedire agli inferi entrambi. Orecchio teso a ciò che succede a Modena e Cagliari: ma il più intanto deve farlo chi scenderà in campo nella città felsinea.

LIVE SECONDO TEMPO

FINALE – Bologna e Catania si ritrovano a fine partita in mezzo al campo, tentando di consolarsi a vicenda: novanta minuti di pura battaglia, con emozioni altalenanti e con la radiolina croce e delizia della domenica, non sono bastati per evitare il peggio. Impresa tardiva degli etnei, che vincono la prima gara in trasferta quando ormai probabilmente la stagione era compromessa da tempo. Finale di campionato in calando per i felsinei, che pagano la discutibile scelta di vendere Diamanti a gennaio e una situazione societaria lungi dall’essere serena. A entrambe le squadre, un pronto augurio di ritorno nella massima serie!

90′ Saranno cinque i minuti di recupero. Il Bologna deve segnare due gol per evitare la retrocessione

89′ Partite finite a Modena e Cagliari, con Sassuolo e Chievo che vincono. Bologna e Catania sono matematicamente in B

84′ CATANIA ANCORA IN VANTAGGIO: BERGESSIO! Quando tutto sembrava perduto per i siciliani, il gol in contropiede dell’attaccante argentino che rialimenta un minimo di speranza!!

82′ Sassuolo che conduce 4-2 sul Genoa: il Bologna ora come ora sarebbe sempre in B, come il Catania

79′ PAREGGIO DEL BOLOGNA: MORLEO! Gran sinistro dalla distanza, che s’infila alle spalle di un ottimo e inerme Frison! Discorso salvezza, almeno per i felsinei, riaperto!

76′ Ultimo cambio per gli etnei: fuori Castro, che si è stirato nell’azione precedente, dentro Biraghi

73′ Che chance per il Catania! Contropiede dei siciliani che non sfruttano con Castro una ghiotta occasione per mettere in cassaforte la partita!

70′ Partita che negli ultimi minuti è molto calata: il contraccolpo psicologico pervenuto dalla radiolina è notevole

67′ Il Chievo è in vantaggio a Cagliari: in questo momento, Bologna e Catania non sono più padrone del proprio destino

64′ Sostituzione anche per il Catania: un difensore, Bellusci, rileva Leto

63′ Ultimo cambio per i felsinei: esce Bianchi, dentro Acquafresca

62′ Frison perde tempo: è ammonito

61′ Cambio per gli ospiti: fuori Barrientos, dentro Plasil

60′ Sassuolo di nuovo in vantaggio: ammutolisce il pubblico

59′ Frison ancora decisivo: gran parata di piede su Bianchi da distanza ravvicinata

57′ Traversa di Ibson! Gran botta al volo del brasiliano, ma un super Frison devia sulla traversa!!

55′ Cambio nel Bologna: fuori Khrin, dentro Ibson

52′ Fiorentina in vantaggio a Livorno: labronici virtualmente in B, ma a Bologna cambia ben poco

49′ Lazaros atterra Leto che stava per entrare in area e rimedia un giallo: altra punizione per il Catania

48′ Occasionissima Bologna: tiro a botta sicura di Garics che è deviato fuori involontariamente da Cristaldo!

47′ Bergessio sfiora appena una punizione battuta da Barrientos ma il pallone non prende la direzione dello specchio della porta

46′ Si riparte: nessun cambio per i due allenatori

LIVE PRIMO TEMPO

48′ FINE PRIMO TEMPO – Catania che va al riposo con un risultato finora importantissimo: i risultati dagli altri campi fanno ancora sperare entrambe le squadre. Bologna in svantaggio ma in crescendo nel finale di tempo: potrà giocare per tutta la ripresa con la superiorità numerica decretata dall’espulsione di Peruzzi!

46′ Ancora Cristaldo, autore di un buon impatto sulla partita: il suo colpo di testa è potente ma centrale

43′ Cristaldo becca un clamoroso palo a porta spalancata, ma il guardalinee aveva decretato tardivamente il fuorigioco!

42′ Cristaldo va al tiro: il suo destro è sbilenco e lontano dalle parti di Frison

41′ Il Genoa ha riacciuffato il Sassuolo: annuncio accolto con una gioia bipartisan dagli spalti

37′ Già un cambio per il Bologna: Ballardini rileva il difensore Sorensen e gli inserisce l’attaccante Cristaldo

33′ Rinaudo trattiene per la maglia Friberg: ammonito anche lui

29′ ESPULSO PERUZZI! Secondo giallo per il terzino: Lazaros gli sfugge e lui lo atterra fallosamente rimediando un altro cartellino, che si somma a quello beccato in precedenza e condanna i suoi all’inferiorità numerica!

28′ Dopo il gol, ritmo che è visibilmente calato: tifosi di casa momentaneamente ammutoliti

22′ CATANIA IN VANTAGGIO: MONZON!! Punizione velenosa dell’argentino, col suo mancino rasoterra che oltrepassa la barriera insacca alle spalle di un immobile Curci!

21’Kone commette fallo e si becca il giallo: punizione pericolosa per il Catania

17′ Imperioso stacco di testa di Khrin: palla che finisce alta ma non di molto!

14′ Brutte notizie da Modena per entrambe: il Sassuolo è in vantaggio!

9′ Occasione Bologna: palla al centro di Kone per Bianchi che sarebbe stato tutto solo, ma l’intervento di Gyomber salva i suoi

7′ Leto riceve palla sulla sinistra: s’accentra e tenta una conclusione da posizione molto defilata dal limite dell’area che finisce tra le braccia del portiere avversario

5′ Peruzzi, intervento falloso: primo ammonito di giornata

3′ Sgroppata solitaria di Lazaros, che parte palla al piede dalla sua area: va al tiro ormai stanco e non centra la porta

FORMAZIONI UFFICIALI

BOLOGNA (3-5-1-1): 1 Curci, 6 Sorensen, 14 Natali, 5 Antonsson, 8 Garics, 11 Friberg, 4 Krhin, 19 Christodoulopoulos, 3 Morleo, 33 Kone, 9 Bianchi.

CATANIA (4-3-3): 1 Frison, 2 Peruzzi, 24 Gyomber, 5 Rolin, 18 Monzon, 13 Izco, 15 Rinaudo, 28 Barrientos, 11 Leto, 9 Bergessio, 19 Castro.

QUI BOLOGNA – Formazione rossoblu che attraversa un periodo di forma tutt’altro che ottimale. Le energie, fisiche e mentali, sono proprio calate nel momento clou della stagione. Ma potenzialmente nulla è ancora perduto, e i felsinei possono ancora contare sul proprio destino se otterranno due vittorie nei prossimi due incontri. Contro il Catania, con cui ha perso 2-0 all’andata, l’occasione per fare fuori propri gli etnei: una vittoria manderebbe gli uomini di Ballardini a quota 32, in attesa di risultati positivi dagli altri campi. L’attacco, il più anemico della serie A, però piange: zero gol segnati nelle ultime tre gare e soltanto tre vittorie ottenute sul terreno di casa. Kone, Bianchi e Cristaldo, i goleador della squadra con tre gol ciascuno, saranno in campo per fomentare le speranze di salvezza.

Antonino Pulvirenti, presidente del Catania

Antonino Pulvirenti, presidente del Catania

QUI CATANIA – In pochi avrebbero scommesso un una formazione etnea ancora in corsa per la salvezza alla penultima giornata. La missione però è di quelle improbe: il Catania dovrebbe vincere per la prima volta in trasferta quest’anno e sperare che Chievo e Sassuolo non facciano bottino pieno. Gli uomini di Pellegrino però nelle ultime giornate hanno dato segnali (tardivi? ) di risveglio: la squadra ormai ha ben poco da perdere e centrare intanto una preziosissima vittoria potrebbe davvero mandare in visibilio gli animi in vista dell’ultima gara con l’Atalanta. Con i se e con i ma non si fanno le imprese: il tecnico siciliano punta sulla ritrovata verve di Bergessio e Barrientos per rimanere a galla almeno fino all’ultima giornata.

 Manlio Mattaccini

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *