Jacopo Rosin
No Comments

Atletico Madrid, contro il Malaga il primo match point

Al Vicente Calderon l'Atletico Madrid cerca i tre punti nella prima finale per il titolo della Liga; di fronte il Malaga che non intende fare regali

Atletico Madrid, contro il Malaga il primo match point
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Primo dei due match point che l’Atletico Madrid dovrà affrontare per portare a casa il tanto combattuto 10mo titolo della Liga. Al Vicente Calderon, alle ore 19:00, arriva il Malaga, con una situazione di classifica relativamente tranquilla, ma non ancora matematicamente salvo. La squadra di Bern Shuster infatti è attualmente 13ma nel tabellone, ma dietro lottano ben 6 squadre affamate di punti salvezza e ansiose di recuperare terreno anche sui Boquerones, che guardano tutti dall’alto nella speciale guerra per non retrocedere. In casa Colchoneros, intanto, Simeone deve fare a meno di Diego Costa che giovedì è uscito zoppicante dal campo di allenamento. Lesione di 1° grado al bicipite femorale posteriore della gamba destra per lui, out contro il Malaga e in grosso dubbio anche per la battaglia al Camp Nou, per quella che sembra a tutti gli effetti una possibile vera finalissima della Liga 2013-2014. Una delle più belle ed emozionanti degli ultimi anni. A due giornate dalla fine, quindi, i biancorossi comandano la classifica a quota 88 punti, a tre lunghezze di vantaggio proprio sul Barça che è di scena ad Elche.

Juanfran

Juanfran, uno dei protagonisti della stagione dell’Atletico

SCIVOLONE LEVANTE – L’inatteso tonfo dell’Atletico contro il Levante della scorsa settimana ha decisamente complicato i piani della squadra madrilena. La sconfitta rischia seriamente di rovinare una stagione che ha visto i Colchoneros dominare la Liga per quasi tutto l’anno, inserendosi prepotentemente del solito duunvirato Barça-Real al quale ormai da tempo ci si era abituati. Il 2-0 subito al Ciutat de Valencia obbliga quindi Simeone a far scendere in campo i suoi con l’obiettivo di portare a casa almeno due punti nelle prossime due sfide. Intanto il Barça ringrazia per l’occasione di rientrare a pieno nei giochi, anche grazie agli esiti che in Champions League hanno visto arrivare a Lisbona per la finale le due dirette concorrenti alla corsa per la Liga. C’è da immaginare che la sconfitta dell’Atletico ed il pareggio casalingo del Real Madrid contro un non imbattibile Valladolid, siano anche frutto di fatiche ed energie perse nelle semifinali europee infrasettimanali. Simeone ha dichiarato, anche un po’ inaspettatamente, che la partita persa con il Levante era esattamente quello che serviva alla squadra per ritrovare le giuste motivazioni; certo è che con una vittoria contro i Granotes avrebbe dato la possibilità già oggi in casa di fare festa e soprattutto avrebbe evitato un possibile infarto ai tifosi nello scontro epico di domenica prossima, contro il ben più pericoloso Barcellona.

IL MALAGA NON REGALA – Schuster, ex tecnico del Real Madrid, viene da due sconfitte consecutive e schiererà quasi tutti i titolari, segno che c’è il volere di chiudere al meglio questo campionato e di non fare nessun regalo di fine stagione. Niente turn over contro l’Atletico, quindi, come i soliti maligni in Spagna avevano ipotizzato. Nel 4-2-3-1 del Malaga in attacco spazio a Santa Cruz, unica punta e pronto a sfruttare ogni pallone giocabile in area di rigore dell’Atletico. Dietro di lui agiranno Amrabat, Duda e Samuel con Camacho e Darder davanti alla difesa. Sorpresa nelle retrovie con Eliseu, ex Lazio, che dovrebbe essere impiegato in un insolito ruolo di terzino destro, probabilmente per dare un po’ più di spinta. Per il resto difesa confermata con Antunes a sinistra, Angeleri e Wellington al centro. Willy Caballero tra i pali per quelle che sembrano essere le sue ultime due partite in maglia biancazzura; la partenza a fine stagione sembra essere un’opzione molto concreta a quanto risulta dalle indiscrezioni di mercato che registrano l’interesse per lui di club importanti e chissà che dovendo salutare Courtois a fine stagione anche l’Atletico non ci faccia un pensierino.

ATLETICO MADRID (4-4-2): Courtois; Juanfran, Miranda, Alderweireld, Filipe Luis; Koke, Gabi, Tiago, Arda Turan; Raul Garcia, David Villa; All. Diego Simeone

MALAGA (4-2-3-1): Caballero; Eliseu, Angeleri, Welington, Antunes; Darder, Camacho; Samuel, Duda, Amrabat; Santa Cruz; All. Bern Schuster

Jacopo Rosin (@JacopoRosin)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *