Connect with us

Focus

Calcio a 5, playoff scudetto: ecco il quadro delle semifinali

Pubblicato

|

Honorio, l'italo-brasiliano della Luparense

Honorio, l’italo-brasiliano della Luparense

Sono scattati giovedì 1 maggio i playoff scudetto di serie A di calcio a 5. Otto le squadre a contendersi il tricolore dopo una stagione ricca di emozioni e colpi di scena. Ecco allora il riepilogo dei quarti di finale disputati in questi giorni.

ASTI vs MARTINA FRANCA – La gara più scontata è quella tra Asti e Martina Franca. I piemontesi, primi nella stagione regolamentare, contro i pugliesi (8° e ultima squadra classificata ai playoff). Gara-1 si gioca sul campo del Martina Franca: al ‘PalaWojtyla’ la capolista soffre, ma al termine del match può esultare: 4-2 il risultato a favore degli ospiti. Asti sul velluto invece nella sfida di ritorno. Basta un solo tempo per piegare le resistenze del Martina Franca: al ‘Pala San Quirico’ gli Orange asfaltano 7-2 i pugliesi. L’Asti festeggia così l’accesso in semifinale già in gara-2 (ma era prevedibile). La matricola Martina Franca esce comunque a testa alta alla prima stagione in serie A.

ACQUA E SAPONE vs PESCARA – L’Abruzzo si ferma per il derby. Di fronte Acqua e Sapone  (2° classificata nella regular season) e Pescara (7°). Anche in questo caso gara scontata, almeno sulla carta. I derby però sono sempre imprevedibili. Gara-1 si gioca al ‘Pala Rigopiano’, in casa del Pescara: finisce con uno scoppiettante 3-3, grazie alla rete di Cuzzolino per i padroni di casa allo scadere. Al ‘Pala Roma’, in gara-2, succede quello che non ti aspetti: Pescara arrembante e spavaldo, Acqua e Sapone timido e chiuso in difesa. Finisce 2-2, ancora Cuzzolino nel finale regala l’insperato pareggio al Pescara. Serve la “bella”, serve gara-3 per decidere la seconda finalista. Ancora al ‘Pala Roma’, perché l’eventuale spareggio si gioca in casa della meglio classificata al termine della stagione. E stavolta l’Acqua e Sapone non sbaglia: primo tempo a ritmi bassi, ma al triplice fischio è 7-2. Onore al Pescara, ma i pronostici anche in questo caso sono stati rispettati.

KAOS FUTSAL vs LAZIO – Terza sfida dei quarti di finale è quella tra Kaos Futsal e Lazio. La squadra bolognese ha chiuso la stagione al terzo posto con 29 punti, sesta in classifica la Lazio a quota 24. Gara-1 al ‘PalaGems’ sembra un incubo per i padroni di casa: il Kaos va in vantaggio dopo soli 20 secondi con Jeffe, ma la Lazio non si scoraggia e torna in partita. E compie l’impresa. Vince 4-2, contro tutti i pronostici. Gara-2 è allora un rebus. Il Kaos deve vincere per mandare la sfida a gara-3, alla Lazio basta anche pareggiare per andare avanti. E, al termine di una gara entusiasmante, il Kaos Futsal è la prima ‘testa di serie’ a uscire. La Lazio prepara il fortino e al triplice fischio gioisce per il 4-4.

La Marca festeggia il titolo di campione d'Italia 2012/13

La Marca festeggia il titolo di campione d’Italia 2012/13

LUPARENSE vs REAL RIETI – Chiude il quadro dei quarti di finale la sfida tra Luparense e Real Rieti. L’andata si gioca proprio a Rieti: padroni di casa in vantaggio al primo minuti, ma i patavini agguantano subito il pari e nella ripresa chiudono il match sul 3-1. Gara-2 a Padova sembra semplice formalità, ma il Real Rieti vuole onorare la sua prima avventura ai playoff della massima serie. Solo la rete di Nora per i padroni di casa a 23’’ dal termine del match fissa il risultato sul definitivo 2-2: la Luparense esulta col brivido, il Rieti si mangia le mani.

LE SEMIFINALI – Ora non resta che attendere le semifinali, in programma giovedì 15 e martedì 20 maggio (l’eventuale gara-3 verrà disputata il 22 maggio). Luparense-Asti da una parte, Lazio-Acqua e Sapone dall’altra. Per continuare un sogno. Quello di succedere alla Marca Futsal sul tetto d’Italia. A proposito: proprio la Marca ha incassato il proprio – prevedibile – dramma sportivo. Dopo aver esultato per il titolo di campione lo scorso anno contro la Luparense, i bianconeri sono usciti sconfitti dal doppio confronto playout contro il Napoli. Dopo l’1-7 incassato all’andata, gli attuali campioni d’Italia in carica sono stati surclassati 9-0 al ritorno. Tutto comunque prevedibile, da quando la Marca ha deciso di privarsi dei suoi talenti e dare spazio ai giovani. Giovani che, dalla prossima stagione, si faranno le ossa in serie A2.

Matteo De Angelis

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending