Antonio Fioretto
No Comments

Giro d’Italia, 1/ma tappa: l’ Orica vince la crono, Tuft in maglia rosa

Martin, uno dei migliori a cronometro, si ritira per una caduta. La Orica vince, Tuft maglia rosa nel giorno del 37esimo compleanno

Giro d’Italia, 1/ma tappa: l’ Orica vince la crono, Tuft in maglia rosa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Giro d'Italia 2014

Il logo del Giro d’Italia 2014

Tante emozioni nella Prima tappa della 97esima edizione de Giro d’Italia. La vittoria, nella cronometro a squadre, è andata alla Orica GreenEdge. Vittoria ottenuta in terra d’Irlanda, precisamente a Belfast. Si, perchè gli organizzatori della Corsa Rosa hanno deciso ancora una volta di partire al di fuori dei confini nazionali. Così, nella frazione lunga 21,7 km, l’ha spuntata la formazione australiana. Il treno, formato tra gli altri dall’ italiano Santaromita, ha battuto tutti col tempo di 24’42”. Il canadese Svein Tuft è la prima Maglia Rosa, un bel regalo nel giorno del suo 37esimo compleanno.

LA SITUAZIONE – In classifica generale, Evans e Quintana guadagnano rispettivamente 1’30” e 38” su Purito Rodriguez. L’australiano e la sua BMC arrivano terzi, a soli 7” dalla Orica a 5” dalla Omega QuickStep di Rigoberto Uran e Petacchi (seconda). Il favorito numero uno, invece, cioè Quintana arriva ottavo con la sua Movistar. Deludente proprio lo spagnolo, ancor di più la sua squadra, la Katusha. Sfortuna nera, invece, per la Garmin che a causa di una caduta perde un uomo cardine come Dan Martin, tra l’altro grande cronoman.

TOP E FLOP – Tra i top, certamente da annoverare la Orica GreenEdge e il buon Tuft, che ci regala una bella pagina di sport (leader a 37 anni), cosa alla quale il ciclismo ci ha oramai abituati. Bene anche Uran e Evans, tra gli uomini di classifica. Male, malissimo Rodriguez e il team Katusha, favorito dai pronostici di questa crono. Flop anche per i due cronoman della Movistar Malori e Castroviejo. Domani, la seconda tappa di 219 km: si correrà sempre a Belfast e sarà una frazione per velocisti.

Antonio Fioretto (@FiorettAntonio)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *