Luca Parenti
No Comments

Giro d’Italia 2014: presentazione della seconda tappa

Prima tappa in linea di questo Giro d'Italia 2014, e come consuetudine sarà una grande occasione per i velocisti che dovranno mettersi in mostra.

Giro d’Italia 2014: presentazione della seconda tappa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Svein Tuft, prima Maglia Rosa del Giro d'Italia 2014

Svein Tuft, prima Maglia Rosa del Giro d’Italia 2014

Dopo la cronosquadre di ieri di 21.7 km che ha sancito la vittoria del Team Orica GreenEdge e la conseguente prima Maglia Rosa di questo Giro d’Italia 2014 assegnata a Svein Tuft (canadese), la carovana parte oggi con la prima tappa in linea dove a farla da padrona saranno le squadre dei velocisti.

BELFAST – BELFAST, 219km; il percorso si presenta quasi totalmente pianeggiante, ci sono solo 2 Gran Premi della Montagna ma di 4° categoria che servono solo per assegnare la prima maglia azzurra di questo Giro d’Italia 2014; il tracciato sarà collocato nella parte nord-est dell’Irlanda del Nord per poi, dopo il rifornimento di Bushmills, rientrare nelle strade più interne dello stato dove verranno affrontate le 2 “asperità” di giornata. La prima è a 127 km dalla partenza ed è il Cushendall Road una salita di 6.5 km al 3.1% di pendenza media con una massima che raggiunge l’8% per un totale di 261 metri di altezza, la seconda è ancora più facile da affrontare perché la cima Knocknagulliagh è una salita di 1.7 km al 2.9% di pendenza media con una massima del 7% per un totale di 78 metri di altezza. A tre chilometri dalla traguardo si entra finalmente nel centro abitato di Belfast, e da questo momento le squadre dovranno sgomitare per prendere i posti in cima al gruppo e di conseguenza consentire una volata ai loro velocisti.

Grande spazio dunque ai velocisti di giornata, Viviani e Kittel i maggiori favoriti, ma ricordiamo anche che nel gruppo c’è anche l’ormai veterano Ale Jet, il sig. Alessandro Petacchi che potrà anche indossare la maglia Rossa domani nell’ultima tappa in terra straniera.

Luca Parenti

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *