Vincenzo Galdieri

Euro 2012, Olanda-Germania 1-2 – Le Pagelle di SportCafe24

Euro 2012, Olanda-Germania 1-2 – Le Pagelle di SportCafe24
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

 

Mario Gomez, bomber tedesco

OLANDA

STEKELENBURG 6 – Incolpevole sui due gol, salva i suoi in qualche occasione. Nel finale rischia di combinare la frittata, ma viene graziato da una Germania già sazia.

WILLEMS 5,5 – Soffre un po’ gli avanti tedeschi, ma se la squadra naufraga non è di certo colpa sua.

HEITINGA 6 – Se la cava col mestiere, ma Gomez è davvero un brutto cliente.

MATHJISEN 5,5 – Parecchio in difficoltà contro i funamboli teutonici.

VAN DER WIEL 5,5 – Poca gloria per il terzino ambito da mezza Europa, che non riesce a far nemmeno intravedere le sue decantate qualità.

DE JONG 6,5 – Di lotta e di governo. Giocatore imprescindibile per gli Orange, perchè corre più di tutti ed è lucido di mente. Tra i migliori dei suoi.

VAN BOMMEL 5,5 – La sua saggezza tattica non basta contro i mostri sacri di Germania. Andamento lento. Dal 46′ VAN DER VAART 6 – Più vivace del suo predecessore, ma quando entra in campo l’Olanda è già in barca.

AFELLAY 5 – Inconsistente ed evanescente, viene giustamente sostituito all’intervallo. Dal 46′ HUNTELAAR 5,5 – Non si vede pressochè mai, ma c’è da dire che non ha chissà quali palloni giocabili.

SNEIJDER 5 – La sua classe si vede soltanto a sprazzi. Il Wesley Mondiale è un lontano ricordo, quello di oggi ne è la copia brutta e sbiadita.

ROBBEN 5 – I grandi appuntamenti non fanno per lui. Bene l’assist per Van Persie, ma da uno come Robben ci si aspetta molto altro. Dall’84’ KUYT sv

VAN PERSIE 6,5 – Riscatta una prova cosi cosi con un grandissimo gol, che però non basta a riportare l’Olanda in gara.

All. VAN MARWJIK 5 – Con degli effettivi del genere doveva fare molto di più, non ci sono scuse che tengono.

GERMANIA

NEUER 6,5 – Sicurezza assoluta. Sempre più maturo, sempre più forte. La Germania ha ufficialmente trovato il suo nuovo Oliver Kahn.

BOATENG 6,5 – Energia da vendere, prestanza fisica da autentico colosso. Dalle sue parti non si passa.

HUMMELS 7 – Mostruoso. Comanda la difesa con il carisma di un veterano consumato, lui che di anni ne ha appena 24. Ha classe, temperamento, forza fisica, rapidità. Sta diventando uno dei centrali difensivi più forti del pianeta, è uno dei talenti più incredibili della generazione di fenomeni tedesca. Mezzo voto in meno per l’errorino sul gol di Van Persie. Ma per arrivare alla perfezione ha ancora molto tempo davanti a se’.

BADSTUBER 6 – Senza sbavature, doma bene i poco ispirati olandesi.

LAHM 6,5 – Solita garanzia, come fa le due fasi lui non le fa nessuno. Irrinunciabile.

KHEDIRA 6,5 – Detta i tempi dell’azione ed agisce da schermo davanti alla difesa quando necessario. Ogni tanto piazza pure qualche buon inserimento. Ottima prova.

SCHWEINSTEIGER 7,5 – Definirlo eccezionale sarebbe ampiamente riduttivo. Schweinsteiger è semplicemente mostruoso, e lo dimostra una volta di più entrando in entrambi i gol della Germania. Due assist sontuosi che Gomez capitalizza al massimo, dimostrando che quella tedesca è una corazzata dai meccanismi perfetti. Oltre ai passaggi d’autore c’è anche tantissima corsa nella gara di Bastian: è quello che percorre più chilometri dei 22 in campo. Superbo.

MULLER 6,5 – E’ forse il meno tecnico del trio di trequartisti, ma ha un peso specifico molto importante nell’economia della nazionale tedesca. A volte si abbassa per fare da tramite tra centrocampo ed attacco, ancor più spesso lo vedi dimenarsi sulla fascia per contrastare le offensive avversarie. Giocatore totale. DALL’89’ BENDER sv

OZIL 7 – Rapido e scattante come pochi, tecnico come pochissimi. Il trequartista del Real Madrid delizia la folla con giocate d’alta scuola senza mai ricadere nella banalità o nel giochetto fine a se’stesso: il bello del calcio di Ozil è che oltre ad essere una gioia per gli occhi è anche tremendamente concreto. DALL’81’ KROOS sv

PODOLSKI 6,5 – Vivace e reattivo, sta finalmente arrivando alla piena maturazione.

GOMEZ 8  – Sempre più disarmante. Non ne sbaglia una, e non è un modo di dire. Stende l’Olanda in quattro e quattr’otto con una doppietta delle sue, poi si mette a fare a sportellate con gli avversari. Uno cosi meglio averlo a favore che contro. DAL 72′ KLOSE sv

All. LOEW 7,5 – Straordinario direttore di un’orchestra sublime. La Germania è sfavillante e si candida prepotentemente come potenziale vincitrice di Euro 2012. Ad oggi non sembrano esserci squadre più forti nel lotto: i tedeschi forse sono migliori persino della Spagna campione di tutto.

A cura di Vincenzo Galdieri

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *