Luca Parenti
No Comments

Pelù le canta a Renzi, ma i cantanti devono fare politica sul palco?

Continua la polemica iniziata durante il concerto del 1° Maggio a Roma, dopo le dichiarazioni del rocker Piero Pelù, i politici non ci stanno.

Pelù le canta a Renzi, ma i cantanti devono fare politica sul palco?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Ha scatenato davvero un putiferio la dichiarazione di Piero Pelù sul palco del concerto effettuato il 1° Maggio in quel di Roma: “Non vogliamo l’elemosina di 80 euro, vogliamo il lavoro”. Con questa frase le maggiori forze politiche si sono alzati dalla loro poltrona per dire la loro.

IL PD –  Alessandra Moretti va contro la dichiarazione del cantante: “Sarebbe bene che i comici e i cantanti si occupassero del loro”; rincara la dose anche il deputato Dario Ginefra che su Facebook scrive così: “Io non ho votato per Renzi al congresso e a volte non ne condivido il modo di fare, ma trovo le parole di Piero Pelù offensive per l’intero popolo democratico” Gli fa eco anche Edoardo Petrarca che dice: “È  davvero preoccupante quando un cantante come Pelù fa concorrenza a Grillo. Ma sappia che il concerto del primo maggio non è certo un talent”

Matteo Renzi e Beppe Grillo: Piero Pelù li unisce e li divide

Matteo Renzi e Beppe Grillo: Piero Pelù li unisce e li divide

Di tutt’altro pensiero, ovviamente, è il Movimento 5 stelle, che fa sapere la propria opinione proprio dal leader del partito, il sig. Beppe Grillo, che sul suo blog, ha rilanciato le parole di Piero Pelù, e ha anche lanciato un duro attacco al premier Renzi accusandolo di essere “figlio, figlioccio di Gelli”.

Dopo tutto questo clamore arriva anche la spiegazione più approfondita del cantante: “lo so che ci sono milioni di italiani che sopravvivono con stipendi o pensioni da vera fame, a Voi va tutto il mio rispetto e la mia solidarietà non volevo certo offenderVi! Con tutta la calma del mondo credo però che sia importante capire che per costruire un futuro vero per sè e per i propri figli ci sia bisogno solo di una cosa: il lavoro, onesto e ben retribuito”.

E’ probabile che non si arriverà mai ad accontentare tutti, i politici sono sempre più attaccati alla loro poltrona, fanno promesse da marinai e non stanno aiutando concretamente la popolazione italiana, Renzi ha messo 80€ in più in busta paga, ma ha aumentato i canoni dei conti correnti, ha aumentato varie bollette, e da più importanza agli immigrati dando a loro 90€ al giorno per sopravvivere. I cantanti invece cercano di stare dalla parte del popolo che non arriva a fine mese, ma anche loro hanno incassi da capogiro con le vendite di CD e con tutti i concerti che fanno in giro per l’Italia e per il mondo, ma anche se avessero il potere di aiutare noi cittadini “normali” dubito fortemente che aiuterebbero un povero pensionato che deve vivere un mese con 500€ di pensione.

Luca Parenti

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *