Manlio Mattaccini
No Comments

Lotta salvezza: ultimi 180 minuti di passione

Due sorprese: il k.o. interno del Chievo e la roboante vittoria del Catania rimescolano le carte, ora è il Livorno a sembrare spacciato

Lotta salvezza: ultimi 180 minuti di passione
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Se dovesse dipendere dalle dirette interessate, probabilmente questo gioco al massacro durerebbe all’infinito. Alla fine di questo Campionato, però, ormai manca poco: in calendario sono rimaste soltanto due gare, al termine delle quali per forza di cose due squadre ce le ritroveremo in serie A pure l’anno prossimo. Se fino a settimana scorsa il quadro era leggermente più chiaro, i risultati sorprendenti dell’ultimo turno (non ancora concluso ) hanno rimescolato le possibilità di salvezza. Chi era retrocesso, ora vede una flebile luce in fondo al tunnel: chi ormai era ad un passo dalla salvezza, ritorna con l’ansia di non farcela proprio in extremis. Un girone della morte che continuerà a regalare colpi di scena: vediamo, miscelando stato di forma e calendario, chi al momento attuale può evitare la discesa negli inferi della B.

CHIEVO (30 PUNTI): 33 % – Ai mussi volanti mancano tre punti. Ma anche tre settimane fa i clivensi erano nella stessa privilegiata situazione. Dopo gli stop contro Sassuolo e Sampdoria è arrivato l’ennesimo crollo interno contro il Torino. Lo stato di forma, fisico ma soprattutto mentale, è in picchiata: i veronesi rimangono favoriti perchè a due giornate dalla fine due punti di vantaggio sulla terz’ultima valgono oro, ma la sensazione è che si giocheranno tutto nella trasferta in Sardegna contro un tranquillo Cagliari. Una partita da tripla: in caso di sconfitta, sarebbero guai.

BOLOGNA (29 PUNTI): 23% – Un punto racimolato a Genova: fossero stati tre, la salvezza era veramente ad un passo. Ma non è un caso se i felsinei hanno il peggior attacco del torneo e non segnano da tre gare: anche da queste parti il morale non è dei migliori. Le vie della salvezza però sono (quasi) infinite: l’assist d’oro viene dal prossimo incontro casalingo col Catania, che da spacciato è tornato a nutrire qualche speranza. In caso di sconfitta però tutto si complicherebbe: i rossoblù verrebbero agguantati dagli etnei, che sarebbero in vantaggio negli scontri diretti.

SASSUOLO (28 PUNTI): 27% – Le reali possibilità di salvezza dei neroverdi le scopriremo stasera, con la partita a Firenze contro una squadra viola distratta dalla recente finale di Coppa Italia e senza più obiettivi in Campionato. Un’occasione di platino per gli uomini di Di Francesco: uscire dal “Franchi” anche con un punto sarebbe importantissimo: a quota 29 la classifica avulsa sarebbe favorevole sia sul Bologna che sul Catania. Il prossimo match casalingo col Genoa sarà l’ultima occasione per fare bottino pieno. L’ultima a San Siro col Milan è proibitiva.

Maurizio Pellegrino, allenatore del Catania

Maurizio Pellegrino, allenatore del Catania

CATANIA( 26 PUNTI): 15% – Sotto l’Etna forse si è recitato il “de profundis ” troppo presto. Tutti immaginavano già un nefasto week end col beffardo avvicendamento in A tra Palermo e i rossazzurri. Invece la più bella partita della stagione sfoderata contro una svogliata Roma ha incredilmente riacceso una speranza. Stavolta però è davvero l’ultima: non esiste altra possibilità che non vincere un delicalitissimo spareggio a Bologna, che avvantaggierebbe gli etnei in virtù degli scontri diretti. Per salvarsi, però, una tra Sassuolo e Chievo dovrebbe letteralmente “crollare”.

LIVORNO (25 PUNTI): 2% – Il crollo di Udine sa proprio di resa incondizionata. La peggior difesa del torneo nelle ultime giornate ha preso grappoli di gol da chiunque, sia che si chiami Milan o Chievo. Quattro punti dal terz’ultimo posto a due giornate dal termine sembrano francamenti troppi per chiunque, figuriamoci per i labronici. Rimane qualche misera speranza perchè le “compagne di viaggio” possono sempre regalare colpi di scena. La sensazione è che sei punti nelle ultime due gare (contro Fiorentina e Parma) potrebbero risultare comunque insufficienti.

 Manlio Mattaccini

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *