Jacopo Gino
No Comments

Calciomercato Inter, indiscrezioni clamorose: nel mirino Dzeko e Coentrao

Thohir aveva promesso due grandi colpi in estate, uno a centrocampo e uno in attacco: il bosniaco e il portoghese corrispondono perfettamente agli identikit tracciati

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Erick Thohir aveva promesso ai tifosi e all’ambiente due grandi colpi, uno in attacco e uno sugli esterni: nelle ultime ore sono spuntate diverse indiscrezioni che parlano di trattative già ben avviate per il bomber del Manchester City e per il laterale del Real Madrid. La società nerazzurra continua con il mercato all’insegna dell’intelligenza: entrambi i giocatori non trovano grande spazio nei loro attuali club e sono in scadenza 2015, fattori che li rendono possibili affari di mercato per società che, come l’Inter, sono alla ricerca di top player dal valore assoluto senza però poter spendere cifre iperboliche.

EDIN DZEKO, IL SOSTITUTO DI MILITO – Fisico imponente, ottima tecnica e fiuto del gol sopraffino. Dzeko a 28 anni è nel pieno della sua carriera e il curriculum parla per lui: 381 presenze in carriera condite da 181 gol, in bacheca un Meisterschale vinto da assoluto trascinatore con il Wolfsburg, una Premier League, una FA Cup, una Community Shield ed una Coppa di Lega con il Manchester City. La trattativa tra l’Inter e il club inglese sembra essere partita, sulla base di 20 milioni di euro. Sembra addirittura che per chiudere l’affare si aspetti solo la conferma della qualificazione del club meneghino alla prossima Europa League, un anno di purgatorio accettato dal bomber bosniaco prima di tornare a calcare campi internazionali più importanti. Mazzarri così avrebbe il suo bomber di razza, l’attaccante da 25 gol a stagione richiesto a gran voce e che potrebbe far fare il salto di qualità al club di Thohir.

Calciomercato Inter, Fabio Coentrao nel mirino

Inter, Fabio Coentrao nel mirino

FABIO COENTRAO, LUCI E OMBRE A MADRID – Il terzino ex Benfica è arrivato nella capitale spagnola nell’estate 2011 per l’ncredibile cifra di 30 milioni di euro: presentato come il terzino sinistro di più grande prospettiva mondiale, il portoghese ha faticato molto a trovare spazio nell’undici titolare dei Galacticos, spesso relegato in panchina dal compagno brasiliano Marcelo. Coentrao è ancora giovane, 26 anni compiuti da poco e qualità da vendere: in serie A questo giocatore potrebbe fare la differenza e si adatterebbe perfettamente al nuovo modulo con la difesa a quattro che Mazzarri ha intenzione di perfezionare durante la preparazione estiva. Per strapparlo da Madrid, dove ultimamente sta trovando più spazio, serviranno almeno 10/15 milioni di euro, cifra importante per un terzino ma che assicurerebbe al club nerazzurro, che era già interessato al giocatore quando militava nelle file del Benfica, un laterale di livello internazionale.

VENDERE PER COMPRARE – I tifosi nerazzurri si chiederanno che fine ha fatto la filosofia dell’austerity che ha contraddistinto il club negli ultimi 3 anni: niente spese folli infatti saranno fatte, per ammortizzare queste entrate saranno necessari sacrifici importanti. L’indiziato numero uno è Samir Handanovic, portiere che fa gola ai principali club europei con Manchester City, Barcellona, PSG e Monaco in testa. Per 20/25 milioni lo sloveno può partire, sostituito tra i pali dalla giovane stella Francesco Bardi, attualmente in prestito al Livorno. Attenzione anche alle situazioni di Guarin, Alvarez e Ranocchia: i primi due sono stati relegati in panchina dall’esplosione di Kovacic e dall’acquisto di Hernanes, il secondo, che si è notevolmente rivalutato dopo le ultime prestazioni in maglia nerazzurra, ha il contratto in scadenza 2015. Potenzialmente sono tutti cedibili, base d’asta per ognuno 15 milioni. Teoricamente l’Inter potrebbe ricavare da 2/3 cessioni una cifra intorno ai 50 milioni, che permetterebbe di reinvestire questo tesoretto sul mercato, acquistando oltre ai sopracitati anche un mediano di spessore (Obi Mikel in pole) oltre a Nilton, che è già stato bloccato per la cifra di 5,5 milioni. Molto dipenderà anche dal futuro di Cambiasso, in bilico tra la permanenza e l’addio.

Jacopo Gino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *