Gabriele Gianotti
No Comments

Xabi Alonso salta la finale di Champions per squalifica. I precedenti storici

Il centrocampista di Ancelotti salterà la finale di Champions a Lisbona. Ripercorriamo le grandi assenze nelle finali della coppa

Xabi Alonso salta la finale di Champions per squalifica. I precedenti storici
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Thiago Motta come Xabi Alonso, egli saltò la finale del 2010 con l'Inter

Thiago Motta come Xabi Alonso, saltò la finale del 2010 con l’Inter

Un Real Madrid cinico e spietato rifila tre reti al Bayern Monaco nel primo tempo della semifinale di ritorno di Champions League e una nel secondo per non farsi mancare nulla. Ma in finale dovrà fare a meno di un’importantissima pedina come Xabi Alonso, diffidato, ed ammonito sul risultato già al sicuro di 0-3. Un intervento inutile a centrocampo costa caro al mediano spagnolo, vero regista della squadra di Ancelotti, che non scenderà in campo sul prato di Lisbona. Rabbiosa la reazione di Ancelotti, che rischia di perdere in vista della finale anche Asier Illarramendi e Sergio Ramos, autore della doppietta che ha steso ad inizio partita il Bayern. “Pensiamo a vincere la finale e dimentichiamo il mio giallo”. Parla così lo stesso Xabi Alonso al termine della gara, deluso per dover saltare la finale di Lisbona, ma soddisfatto per il traguardo. “Non serve meritare la Champions, serve vincerla. Il cartellino? Più che ingiusto il cartellino è ingiusta la regola”.

I PRECEDENTI STORICI – I precedenti storici non mancano: i tifosi italiani ricordano bene l’assenza di Baresi e Costacurta nella finale del 1994 ad Atene tra Milan e Barcellona, terminata 4-0 per i rossoneri. Xabi Alonso é dunque in buona compagnia, come per esempio Pavel Nedved, che nel lontano 2003, fu costretto a saltare l’ultimo atto di quella edizione della Champions per via di un’ammonizione ingenua rimediata dallo juventino nella semifinale di ritorno proprio contro il Real Madrid. Franck Ribery è un altro dei “cattivi” che hanno saltato la finale di Champions League, l’ala del Bayern a quell’epoca saltò la gara di Madrid 2010 a causa di una squalifica di tre giornate inflittagli dalla Commissione disciplinare dell’Uefa. Portò bene non fare la finale a Thiago Motta, data la schiacciante vittoria della squadra di Mourinho. Il centrocampista dell’Inter non scese in campo a Madrid il 22 maggio contro il Bayern Monaco a causa dell’espulsione rimediata nel ritorno della semifinale contro il Barcellona, che gli costò due giornate di squalifica.

Gabriele Gianotti

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *