Raffaele Caiffa
No Comments

Playoff Nba: Okc si arrende ancora al supplementare | Highlights

OKC perde gara 5, Durant delude e non basta la rimonta di 20 punti nella fase finale del match. Memphis si aggiudica la partita e conduce per 3-2

Playoff Nba: Okc si arrende ancora al supplementare | Highlights
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Thunder perdono gara 5, Durant delude e non basta la rimonta di 20 punti nella fase finale del match. Memphis si aggiudica la partita e conduce per 3-2. Oklahoma sull’orlo del baratro. Sfida delicata per Oklahoma: le precedenti uscite contro Memphis hanno evidenziato i problemi dei Thunder  in fase di finalizzazione contro squadre fisiche e ben organizzate in difesa. Durant &co. sono chiamati a vincere stasera per passare in vantaggio in una serie ora sul 2-2.

Oklahoma City Thunder – Memphis Grizzlies 99-100 (2-3 nella serie)

Memphis parte bene, nel primo quarto Z-Bo sottocanestro ne fa 5/5 con la difesa dei Thunder che non riesce ad arginare il gigante dei Grizzlies ma OKC rincorre sempre a distanza ravvicinata non andando mai oltre gli 8 punti di distacco nel primo parziale. Le difese di entrambe le squadre non girano bene e i canestri arrivano da ambo le parti, la tripla di Ibaka dall’angolo porta i Thunder a -5 allo scadere del 1° parziale. 25-30 con parecchi errori di distrazione e di precisione di OKC che chiude con il 50% sul campo contro il 60% dei Grizzlies.

In avvio di secondo quarto la musica non cambia: Memphis ne mette 4 su 4, I Thunder sono tenuti a galla dalle triple (R.Jackson protagonista), i ragazzi di coach Brooks devono trovare un rimedio efficace per placare l’offensiva di Memphis: piove la terza tripla per il 36-39 (Butler), ma prima il canestro di Miller, poi quello di Allen riportano Memphis a largo e come se non bastasse Gasol insacca la tripla del +10 in faccia a Butler. Al ritorno del time out Gasol è ancora galvanizzato dalla tripla precedente, sull’onda dell’entusiasmo piazza un canestro sotto stretta marcatura, i Thunder rispondono con l’ennesimo tiro libero di Westbrook fermato con le cattive, ma per lui sono 6/6 dalla lunetta. Randolph e Gasol si riaffacciano prepotentemente a canestro, 38-52 con Durant che non riesce in nessun modo a trovare il canestro. Miller con una tripla ad un metro dalla area mette in chiaro che questa è una di “quelle serate” in cui gli avversari farebbero meglio a non lasciargli troppa libertà. Conley si immola in tuffo per arrivare per primo a rimbalzo: è lo specchio della partita: Grizzlies più reattivi e cattivi dei Thunder che sembrano incapaci di trovare la reazione. La sirena di metà gara arriva sul 43-55.

Ad inizio 3° quarto Durant sbaglia ancora 2 passaggi in fase di costruzione, la reazione del campione arriva con 2 canestri ed un fallo subito in rapida successione ed è 66-52. Gasol mostra d’essere uno dei migliori difensori della lega contenendo per l’ennesima volta l’iniziativa di Durant che non trova tregua. Ma proprio quando le speranze sembravano perse inizia la rincorsa di OKC: dopo il 52-72, le triple portano i Thunder sul 72-61 con il redivivo Durant a suonare la carica seguito da Ibaka. I Grizllies calano di intensità, Gasol è fuori per rifiatare e Butler trova ancora la bomba dalla lunga distanza. Le  parti sono ora invertite, i Grizzlies accusano il colpo, la sfida trova nella Chesapeake Enerdy Arena una cornice fantastica eWestbrook decide di far esplodere ulteriormente l’entusiasmo con la tripla del 70-76 alla fine del 3° parziale.

Westrbook e Durant difendono e poi attaccano come meglio sanno fare, Russell blocca Conley, Memphis non riesce ad andare a canestro. Durant mette la tripla del sorpasso in faccia ad un Allen incredulo ma neanche il tempo di gioire che Memphis allunga nuovamente sul +5 a 4’ dalla fine. Dopo il time out Butler trova il gioco da 4 punti insaccando una tripla da distanza siderale e mettendo a segno anche il tiro libero. A 20 secondi dal termine e sul punteggio di 90-88 Conley punta Westbrook che ruba palla e appoggia a canestro per il pari. Con 4 secondi da giocare i Grizzlies provano la zampata finale, Randolph appoggia la palla a canestro ma a tempo scaduto, questione di mezzo secondo.

Per la quarta volta su 5, la partita finisce ai supplementari.  Va in scena il duello a distanza fra Miller e Durant: il n.35 di OKC perde palla, Miller riparte in transizione per la tripla, Durant risponde su un rimbalzo in attacco ma Miller è indemoniato e trova ancora la tripla del +4, dopo 2 possessi persi, Perkins e Ibaka riagguantano il pari. A 27 secondi dalla sirena Durant sbaglia uno dei 2 liberi ed il punteggio a 2,6 secondi dal termine è di 99-100 in favore di Memphis. Fa discutere molto la decisione di Joey Crawford di fermare Durant prima del secondo libero per andare a parlare al tavolo per una questione legata i punti sul tabellone. Durant dopo 30 secondi d’attesa manca dunque il pari.

Il finale è degno di una gara 5 dei playoff: a 2,9 secondi dal termine Durant prova il tiro da 3 che viene ribattuto dal ferro, Ibaka devia al volo mettendo i 2 punti della vittoria, la decisione della terna arbitrale però rettifica il punteggio sul 99-100 dato che il tempo era scaduto. Ancora questione di secondi , avversi ad Oklahoma che ha tirato in tutta gara 5 con il 39% dal campo e che ora non può davvero più sbagliare.

MEMPHIS: Miller 21, Randoplh 20, Conley 17, Gasol 11, Prince 11, Allen 7, Lee 7, Udrih 6, Koufos 4.

OKLAHOMA: Westbrook 30, Durant 26, Butler 15, Ibaka 15, Jackson 6, Jackson 6, Fisher 5, Perkins 2.

[youtube]http://youtu.be/6W-Lk932pnE[/youtube]

PAGELLE MEMPHIS:

Miller 8 – Eroe di serata e mattatore di OKC, 5/8 dalla lunga distanza e 6/11 dal campo per 21 punti totali portano Memphis a condurre sul 3-2,l’esperienza paga e non a caso Miller e’ stato campione con Miami.

Randolph 7,5 – Pressoché perfetto per metà gara, sigla 20 punti con 8/15 dal campo, sotto canestro ritorna il letale Z-Bo che tutti conosciamo, gigante.

Conley 6 – Rischia grosso facendosi rubare palla da Westbrook sullo scadere e cancellando il vantaggio di +2 dei Grizzlies, si riscatta nell’extra time. distratto.

Gasol 7 – 4/14 per lui con 11 punti totali ma la differenza la fa a canestro: 10 rimbalzi difensivi e 5 offensivi dando tante seconde chance a Memphis, 46 minuti di grane intensità, roccia.

PAGELLE OKLAHOMA:

Westbrook 5,5 – Sono 30 i punti messi a segno dal play dei Thunder, sui liberi è perfetto (9/9) ma dal campo le statistiche crollando  con 10/31 e una sola tripla su 7. Da una chance a OKC rubando palla a Conley allo scadere ma non basta. Incompleto.

Durant 5 – Il grande assente di serata, riscatta una prestazione da 4 avviando la rimonta dal -20, per lui 10/24 dal campo e 3/8 da 3, non riesce nel miracolo della tripla sulla sirena. Come Westbrook soffre la fisicità dei Grizzlies. Delusione.

Butler 7 – Le sue triple (4/8) tengono a galla Oklahoma evitando di far sprofondare i Thunder. Sorprende dalla panchina quando R.Jackson (6) non riesce ad incidere.

Ibaka 6,5 – Lotta, salta, difende e va a canestro, 15 punti con 6/10, tocca la palla dell’ipotetica vittoria ma è troppo tardi, questione di centesimi di secondo. Ultimo a mollare.

STELLE A CONFRONTOConley vince il duello con Westbrook, non fosse per la palla persa allo scadere non ci sarebbe neanche un paragone: oggi Russel dimostra ancora una volta di soffrire troppo la difesa fisica dei Grizzlies, lo si vede nei numeri (imbarazzanti). Gasol dimostra la tempra del difensore perfetto, limita ancora una volta Durant, il n.35 di OKC è la pallida imitazione del giocatore fenomenale che abbiamo ammirato in regular season.

Randoplh passeggia su Ibaka per metà raga, a fine match i Thunder aumentano il ritmo ma poi crollano nell’Overtime. Ibaka è l’ultimo a mollare e a sbracciarsi, non basta, troppo tardi.

MVP SPORTCAF24: Mike Miller.

Raffaele Caiffa

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *