Antonio Casu
No Comments

Cagliari revolution: addio senatori, Ibarbo in Inghilterra

Raggiunta la salvezza, sono molti i dubbi per il futuro della società sarda

Cagliari revolution: addio senatori, Ibarbo in Inghilterra
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il raggiungimento del principale obiettivo stagionale dovrebbe essere per una squadra il momento più felice dell’anno. Non tutti i club sono però uguali. Ci sono società destinate a vivere senza un attimo di tranquillità, tormentate dai dubbi sul futuro. Una di queste è il Cagliari, che, conquistata la permanenza in Serie A, guarda alla prossima stagione con molte perplessità.

Pulga lascerà probabilmente Cagliari a fine stagione

Pulga potrebbe lasciare Cagliari a fine stagione

CAGLIARI, INCERTEZZA REGNANTE – Dubbio numero uno: gli assetti societari cambieranno oppure il funambolico Cellino modificherà ancora le carte in tavola? La tesi più vicina al vero è la prima, dal momento che il patron ha acquistato il Leeds e non intende mantenere la proprietà di due squadre, ma con uno come lui ci si può aspettare di tutto. In attesa della decisione finale, il futuro del Cagliari resterà chiuso mestamente in un freezer. Dubbio numero due: chi sarà il prossimo allenatore dei sardi? Anche in questo caso non mancano i punti di domanda. Pulga non dovrebbe essere riconfermato (visto che non si sa da chi, il condizionale è d’obbligo), e potrebbe tornare (clamorosamente) Diego Lopez, sbattuto fuori dalla porta principale poche settimane fa e possibile rientrante dalla finestra. Dubbio numero tre: il Cagliari avrà uno stadio in cui giocare? In questo momento non ce l’ha (il Sant’Elia è un cumulo di macerie, o poco più), ed è difficile immaginare che i lavori di ammodernamento dell’impianto, rimasti fermi per quasi tutta la stagione, saranno completati nei prossimi mesi. Anche in questo caso, sarà decisiva l’eventuale svolta societaria.

IL TRENO DEGLI ADDII: SVENTOLANO DUE FAZZOLETTI BIANCHI – Le incertezze sul futuro del Cagliari non riguardano solo gli equilibri ai vertici del club, ma anche la rosa, che si presenterà profondamente rinnovata ai nastri di partenza della prossima stagione. Conti e Cossu, nonostante siano amatissimi dai tifosi, potrebbero non rinnovare il contratto e dire addio. Dubbi anche su Avramov, che lascerà il posto a Silvestri (quasi sicuro il  riscatto dal Chievo), Astori (richiestissimo da Roma e Lazio) e Avelar, già a gennaio ad un passo dal vestire la maglia del Leeds. La colonia post-sarda nella Terra d’Albione celliniana potrebbe arricchirsi anche con i nomi di Tabanelli, Eriksson ed Ibarbo.  Il Cagliari verrà quindi rinnovato in toto, da cima a piedi. Normalmente, una rivoluzione porta con sé un sentimento di speranza e velata gioia: nel caso dei sardi, regnano invece paura ed un po’ di malinconia.

Antonio Casu

@antoniocasu_

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *