Marco Sciscioli
No Comments

EuroChallenge: trionfo Reggio Emilia

Trionfo storico per Reggio Emilia, che conquista l'eurochallenge battendo i russi del Triumph. Terzo posto ai turchi del Royal Hali

EuroChallenge: trionfo Reggio Emilia
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Reggio Emilia si aggiudica alla sua prima partecipazione l’EuroChallenge, battendo in finale i russi del Triumph Lyubertsy.

eurochallenge, reggio emilia,

Higgins, top scorer della finale di eurochallenge

REGGIO EMILIA-TRIUMPH LYUBERTSY 79-65

PRIMO E SECONDO QUARTO – Nel primo quarto la squadra di Karasev dà filo da torcere soprattutto grazie all’ex senese Rakovic, che segna 8 punti nell’ultimo vantaggio dei russi sul 12-14. Da lì al primo intervallo è dominio assoluto degli italiani e il quarto si chiude sul 23-16 tra la gioia dei supporter del PalaDozza per l’ingresso in campo di Greg Brunner. Pur acciaccato il pivot svizzero si produce in uno splendido alley-oop su assist di Cinciarini e anche il secondo periodo si apre nel migliore dei modi. Dal +9 il massimo vantaggio viene costantemente aumentato dalla Reggiana, trascinata da Troy Bell, autore di 10 punti consecutivi, 5 dei quali in seguito a un fallo tecnico di Chappell. E tocca ad Ariel Filloy siglare il +20 sul 44-24. Il secondo quarto finisce sul 48-32. Il Triumph resta in gioco solo grazie a Higgins e Rakovic, autori di 14 e 12 punti.

TERZO E ULTIMO QUARTO – Nel terzo periodo la direzione del match rimane la stessa. La difesa a zona russa è un colabrodo e per tornare in partita non bastano 6 punti di Landry e dello scatenato Rakovic, che dopo 23’ è già a quota 18. E’ Andrea Cinciarini ad aumentare il vantaggio, portandolo sul +21(62-41 al 25′). Alla fine della terza frazione il risultato è sul 66-49 e negli ultimi 10’ il quintetto di coach Menetti controlla senza affanno mentre il numeroso pubblico biancorosso pregusta già la festa. Le ultime flebili speranze di rimonta del Triumph sfumano sull’antisportivo fischiato a Kulagin a 8’ dalla fine. Kaukenas infila i due liberi del nuovo +21 sul 73-52 e da lì in poi si segna pochissimo e solo su libero per 3’30” fino al canestro con cui il solito Rakovic arriva a quota 20. I moscoviti provano un accenno di rimonta anche con Landry e Vikhrov ma non vanno oltre il -12 sul 73-61 al 37’ e ormai è troppo tardi. La freddezza baltica di Kaukenas ai liberi chiude la partita di Reggio, che vince uno storico trofeo.

Reggio Emilia: White 17, Kaukenas 15, Bell 14.

Triumph Lyubertsy: Higgins 21, Rakovic 20, Landry e Vikhrov 8.

SZOLNOKI OLAJ – ROYAL HALI 75-87

Primo quarto molto equilibrato con le 2 formazioni che lottano punto a punto per tutti i 10 minuti . Gli ungheresi conducono per quasi tutto il tempo ad esclusione degli ultimi 2 minuti quando una bomba di Bremer ed un canestro di Borovnjak portano i turchi al + 3 ( 15-18 ) prima del canestro finale sulla sirena di Lorant per il 17-18 finale. Secondo quarto con gli ungheresi che riescono ad allungare al 3° minuto con Holiday e, complice anche un fallo tecnico alla panchina russa, si portano con Milosevic sul 28-22. Lo Szolnoki sembra dominare quando all’8′ riesce a portarsi sul + 11 ( 36-25 ) con un’ azione da 3 punti di Vojoda. Finale tutto turco che rimontano con 8-0 di parziale grazie a Lorbek e Stevic chiudono il quarto sul 36-32.

Avvio di terzo quarto favorevole agli ungheresi che grazie a Milosevic e Vojoda si portano al minuto 2′ sul + 8 ( 43- 35 ), ma pian piano il Royal rifà sotto fino al -2 con Lorbek al sesto minuto ( 44-42) poi con un gioco da 2+1 ancora di Lorbek si portano in vantaggio 46-48. Nel finale due canestri di Bremer ed anche i 2 liberi portano i turchi sul 58-49. Quarto frazione di gioco con il Royal che sembra prendere il largo con Sanil e Lorbek  per il + 11 al terzo minuto (53-64 ), ma gli ungheresi non mollano e riescono a ridurre lo svantaggio con Lorant che prima con una tripla arriva al -3 e poi firma anche il pareggio per l’over time sul 68 pari. L’overtime è dominio turco con i turchi che prendono subito il largo grazie ai pesanti canestri di Bremer e Ogut, che portano alla vittoria ed alla conquista del 3° posto nella finalina d’Eurochallenge .

Szolnoki Olaj :  Bader 17 , Milosevic 16 , Vojivoda 14, Loran12, Simon 9 .

Royal Hali : Borovnjak 16, Bremer 16, Lorbek 16, Ogut 11 .

Marco Sciscioli

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *