Kevin Brunetti
No Comments

Playoff Nba: uragano Carter, tripla alla sirena e Dallas avanti 2-1 | Highlights

Partita pazzesca quella tra Dallas e San Antonio con due cambi di risultato negli ultimi 5'', il canestro decisivo è dell'intramontabile Vince Carter

Playoff Nba: uragano Carter, tripla alla sirena e Dallas avanti 2-1 | Highlights
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Con la serie pareggiata sull’1-1 e due squadre di questo livello in campo era scontato che avremmo assistito a uno spettacolo di ottimo livello, ma la partita tra Dallas Mavs e Spurs è andata oltre ogni aspettativa grazie al finale al cardiopalma griffato Vince Carter.

Dallas Mavericks-San Antonio-Spurs 109-108 (serie sul 2-1)

Dopo aver vinto gara 2 e riscattato la brutta prestazione di gara 1 come era chiaro che fosse Dallas ha affrontato il match sull’onda dell’entusiasmo in un palazzetto gremito. Lo stesso Gregg Popovich all’intervallo si è detto abbastanza contento del gioco ma non della grinta messa in campo dai suoi. Per la prima volta nella serie abbiamo visto un Nowitzki all’altezza del suo nome, e questo si è visto nel risultato con Dallas avanti di 5 a fine secondo quarto. Dopo un terzo quarto molto combattuto si entra nel periodo in cui sono arrivate quasi tutte le emozioni, il quarto finale. Nonostante un momentaneo +5 degli Spurs il più grande merito di Dallas è stato mantenere sempre lo svantaggio a un massimo di due punti, statistica che li ha poi premiati con l’ultimo possesso della partita. Con 9” da giocare Manu Ginobili lascia scorrere il cronometro per poi buttarsi verso il canestro dove grazie ad un blocco di Duncan segna il canestro del momentaneo vantaggio, 108-106 San Antonio con 1,7” da giocare. Dopo il timeout Dallas affida l’ultimo tiro ala leggenda, l’intramontabile Vince Carter che si ritaglia il tempo per una finta che inganna Ginobili e per il successivo tiro da tre punti alla sirena che entra e consegna la vittoria ai Mavs! Dallas quindi in vantaggio nella serie per 2-1, prossimo appuntamento Martedì 29 alle 3:30 per gara 4.

Dallas Mavericks: Ellis 29, Nowitzki 18, Calderon 16, Dalembert 13, Carter 11 Assist: Calderon 9 Rimbalzi: Dalembert 10

San Antonio Spurs: Duncan 22, Parker 19, Leonard 17, Splitter 14, Ginobili 12 Assist: Parker 6 Rimbalzi: Splitter 13

[youtube]yrsparktmXM[/youtube]

PAGELLE DALLAS MAVERICKS: Nowitzki 7 – Per la prima volta nella serie appare all’altezza del suo nome, porta a casa punti pesanti per la vittoria dei Mavs. Ellis 7,5 – Tiene in gara Dallas con due percussioni offensive di alta scuola, decisivo tanto quanto Carter. Calderon 7,5 – Partita completa dello spagnolo, bravissimo sia al tiro che nel trovare il compagno smarcato. Dalembert 6,5 – Lottatore sotto canestro, mette in campo la fisicità necessaria per vincere. Carter 7,5 – La tripla alla sirena è un tuffo nel passato, stasera più che mai torna in mente il soprannome affibbiatogli da Shaquille O’Neal: Half man – half amazing”, metà uomo – metà meraviglia.

PAGELLE SAN ANTONIO SPURS: Ginobili 5,5 – Dopo una serata sotto la media sembra riscattarsi con quel canestro a 1,7” dalla fine che sembra valere la vittoria per i suoi Spurs, annullato da sua maestà Vince Carter. Splitter 6,5 – Ben 5 rimbalzi offensivi per il brasiliano che mette a referto anche un ottimo 6/8 al tiro. Leonard 6,5 – 7/8 al tiro con 3 assist e 5 rimbalzi, buona partita la sua. Parker 6 – Dopo gara 1 non è più stato il trascinatore che conosciamo, Popovich ha di che preoccuparsi? Duncan 6,5 – Tiene gli Spurs in partita per tutto il match, purtroppo contro dei Mavs così non possono bastare le prestazioni individuali.

Stelle a confronto: Tra Nowitzki e Duncan la spunta il tedesco finalmente tornato ai livelli che ci aspettiamo da lui, buona partita di Duncan che come in gara 2 paga la prestazione della squadra a cui sembra mancare la cattiveria necessaria.

MVP Sportcafe24: Monta Ellis per quanto fatto nell’arco del match, premio che però va diviso con Vince Carter senza il quale staremmo a parlare di un’altra partita.

Kevin Brunetti (@Kevinbrunetti)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *